Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Filosofia dell’anima e Soloni contro – Dal Comune di Roma dove non si ruba più alla grande “bruttezza” dei servizi del TG5. E sulla “vision” corta del “filosofo savio” Massimo Cacciari.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – IL TEOREMA RENZI-TAVECCHIO-VENTURA

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per leggere tutto l’articolo)

Rina Brundu

800px-Pittacos_Louvre_Ma_3572.jpg

Pittaco, secondo Platone uno dei Sette Savi

Considera tuo nemico l’avversario del popolo.

Cleobulo da Lindo

Patetici! L’ho pensato questa mattina quando i telegiornali RAI ci hanno informato di come i piddini avrebbero indetto la giornata della pulizia della Città Eterna: finalmente dopo decenni in cui hanno usato quel sacro-luogo per mangiare, defecare e trafficare da par loro, adesso hanno pensato bene di mettersi al lavoro e darci dentro con scope e paletta. Speriamo che continuino così, se non quotidianamente almeno settimanalmente, e forse, chissà, magari prima del nuovo millennio, riusciranno a ripagare il danno fatto.

Patetico è stato anche l’annuncio sul TG5 di un servizio speciale, a corredo della suddetta fatica erculea, immagino, sulla grande “bruttezza” di Roma: coincidenza astrale, si intende, e basta con la dietrologia populista! I telegiornali di Berlusconi non hanno mai brillato per “acume” e capacità d’intelletto ma francamente risultavano più “onorevoli” quando difendevano le ragioni del megagalattico lor signore e padrone, mentre risulta appunto “patetico” questo leccare il culo senza soluzione di continuità, senza dignità e senza vergogna, al duce di Rignano. Senza “senso del business”, aggiungerei, ma quelli sono problemi loro.

A tutti gli altri italiani, a quelli che amano davvero Roma, a quelli che non hanno mai gravato sulle sue finanze dissestate, a quelli che non hanno mai spalleggiato la costruzione di cattedrali poi lasciate arrugginire prima di essere abbandonate nel deserto, a quelli che preferiscono mettere in risalto la sublime bellezza della loro capitale, resta la “magra” consolazione che adesso nel Comune di Roma non si ruba più. Una consolazione che, per quanto magra,  è una “consolazione” importante che dà speranza per il futuro.

Al tempo dei Sette Savi greci, al tempo di Solone da Atene, di Talete di Mileto, di Biante di Priene, di Pittaco da Mitilene, di Cleobulo da Lido, di Chilone di Sparta, di Misone di Chene, una simile “consolazione” sarebbe stata condivisa anche da questi sette personaggi, dai loro discepoli, da tutta la popolazione di onesti e probi cittadini. Nel nostro tempo stolto, invece, bisogna accontentarsi di “filosofi savi” che lungi dal “consolarsi” davanti al fatto che a Roma non si ruba più, e lungi dall’auspicare che un simile modello venga esportato su scala nazionale, ritengono la prospettiva “impensabile”.

Naturalmente sto facendo riferimento  – giusto per citare il nostro “filosofo savio” dei tempi moderni che riesce a imbastire i cogitamenti meno ridicoli – a quel Massimo Cacciari che solo pochi giorni fa, durante il programma “Otto e mezzo” (La7), condotto da una Lilli Gruber orgasmatica quando si tratta di dare contro ai pentastellati – ha detto che un governo del M5S in Italia è “impensabile”. Curioso: io da una mente cogitante e da una mente etica che guarda al disastro culturale e di sistema procurato dal renzismo immondo negli ultimi tre anni, mi sarei piuttosto aspettata il termine “auspicabile”, ma sicuramente il problema è mio. Così come è sicuramente una mia falsa impressione quella che mi porta a dire che, se dopo Machiavelli non ha mai brillato particolarmente, oggi come oggi il livello di profondità cogitativa nel Bel Paese fa equazione con il livello elucubrativo proposto in un bar per lo sport di periferia frequentato da sole amebe rincoglionite dedite al vizio e al dolce far niente per elezione e formazione.

Then again…. in barba a questa falsa emergenza mediatica e democratica che viviamo e che in quanto tale naturalmente non può preoccupare il savio “filosofo” Cacciari, a me non resta che sperare che finanche nell’Italia stolta che abbiamo la sfortuna di testimoniare, ci siano molti altri “coglioni” come me che si rallegrano del fatto che a Roma non si ruba più. Soprattutto, che tutti questi “coglioni” siano capaci di più lunga “vision” politica di quella messa in campo dai nostri attuali Soloni-contro, perché un governo pentastellato, un radicale cambiamento di “Sistema”, non è solo “pensabile” ma è appunto “auspicabile”: ne va del futuro del nostro Paese, del futuro eticamente sano dei nostri figli, faccenda di cui evidentemente al “filosofo savio” Cacciari e all’orgasmatica conduttrice Gruber interessa un cazzo! Sic!

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: