Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Pausa. Rosebud, L’Approdo, Diogene 2017 – 2018. E su Ipazia, il ritorno al cartaceo.

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

All’epoca vi erano i miglioristi di Napolitano, banditi allora ed oggi, anche se Renzi ha ucciso proprio Napolitano, il suo creatore. E costui, nonostante i colpi, proprio come un Golem, non muore mai. (Roberto Renzetti)

reading-book-by-fireplace-cozy-animated-gif.gifCi sarebbero stati diversi altri argomenti su cui mi sarebbe piaciuto dirimere nei post in questi giorni: mi sarebbe piaciuto parlare della censura del termine “ducetto” in tv, della veloce caduta del renzismo, della straordinaria visita di Papa Francesco a una famiglia musulmana, ancora dei diritti delle donne, della ragazze (s)velate, della fenomenale imitazione di Rampini che fa Crozza sul canale 9, per la quale bisognerebbe consegnargli il Nobel in qualche modo rifiutato da Dylan, etc, etc, etc.

Naturalmente, come ho detto spesso, non è escluso che tali o altri post vedranno comunque la luce, ma come ho già ampiamente anticipato, per motivi di impegno professionale le attività del sito subiranno una riduzione nei prossimi mesi e a partire da questa settimana. A diminuire saranno soprattutto i miei interventi (vivaddio!), mentre i pezzi altrui, soprattutto quelli di facile pubblicazione, come le vignette, per esempio, o i testi senza troppe fotografie, continueranno ad essere pubblicati nei ritagli di tempo.

Tuttavia, i cambiamenti riguarderanno sia il breve che il lungo periodo.

Ecco dunque alcune informazioni più dettagliate che potranno essere utili a chi collabora con Rosebud e con Ipazia:

Articoli per Rosebud – Continuate a mandarli senza problemi o interruzioni..

L’Approdo – Le prossime scadenze per questa rivista sono quelle già state indicate qui, lo ripeto per chi volesse partecipare.  Segnalo che molto probabilmente (ma lo confermerò a fine giugno prossimo), l’Approdo continuerà le pubblicazioni fino a Giugno 2018. Questo significa che – tenendo in considerazioni le richieste che mi sono arrivate – rinnovo questa iniziativa per un altro anno, anche se a mio avviso è veramente tanto per una rivista di questo tipo. Il va sans dire che la pubblicazione sarà soggetta al ricevimento di materiale valido…. altrimenti si passa al prossimo numero e poi si chiuderà definitivamente tra Giugno e Luglio 2018, per un totale massimo di 12 numeri (nel caso in cui siano stati pubblicati tutti).

Diogene – Questa rivista molto probabilmente andrà  avanti per un anno e chiuderà anch’essa tra Giugno e Luglio 2018 così come l’Approdo. Diversamente da L’Approdo però, e per ovvie ragioni considerando la tematica trattata, i pezzi pubblicati non saranno scelti tra i contributi inviati dai lettori ma in virtù di una precisa selezione editoriale.

Perché questa evidente riduzione delle attività “digitali” tout-court?

IPAZIA BOOKS

L’IMPEGNO SCRITTURALE ED EDITORIALE

Molti cambiamenti che stanno interessando anche Rosebud dipendono senz’altro dal fatto che con la trasformazione di Ipazia in una vera e propria casa editrice, molto impegno, tempo e risorse debbono essere dirottate in quella direzione. Naturalmente, è pure vero che Ipazia non avrebbe subito questa trasformazione se non ci fosse stato a monte un mio desiderio di muovere finalmente verso una scrittura più impegnata dopo una gavetta che è durata più di venti anni, che non si è fatta mancare nulla e che mi ha insegnato davvero tanto, non solo sulla scrittura, ma soprattutto sul senso del termine “commitment intellettuale”, nonché sulla qualità della fibra di fondo che è necessaria per affrontare un simile percorso. Un percorso che sarà senz’altro duro, pieno di molti bassi e forse di nessun alto, anche se non sarà questo a fermarci.

Detto altrimenti, basta con le terze pagine, i librercoli delle terze pagine edizioni di tanto tempo fa, basta con i recensori e gli “attivisti” improvvisati; ma basta anche con i post tipo spoon riveroli de noartri (ho già dato e fatto il mio dovere in merito), le “urla” (non ne scriverò mai più e del resto non credo che potrei riuscirci), basta con il trito e contrito. Ben venga un altro genere di scrittura che, almeno per quanto mi riguarda, da Elia in poi spero possa fare una differenza (per l’anima e per il mio Essere, non per le ragioni del vanity publishing!).

Insomma, la speranza, per me e per gli altri che già collaborano con Ipazia a vario titolo (e i cui lavori si vedranno sul sito dell’editore dalla seconda metà del 2017 in poi), è il muovere verso il metodo, il concetto di “rigore” come inteso da Eco, e una scrittura impegnata che, paradossalmente, tornerà in molti casi dal digitale al cartaceo.

Da questo punto di vista a inizio maggio ci sarà una prima pubblicazione speciale di Ipazia che darà idea di cosa siamo capaci di fare quando ci mettiamo d’impegno, ma non solo. Piano piano ci saranno testi universitari cartacei e molto altro, in un cammino che naturalmente per diventare corposo e sostanziale, di primo piano, prenderà anche anni come ormai abbiamo imparato bene… ma il buono è che non abbiamo fretta.

Invito gli autori italiani (perché nel futuro prossimo ci saranno anche autori di linguamadre inglese), e in particolare modo:

Sia a tenere d’occhio il sito di Ipazia (www.ipaziabooks.com) sia a contattarmi usando il

CONTACT FORM

onde richiedere ulteriori informazioni sulle modalità di pubblicazione, anche cartacea, previste da Ipazia, dato che sono diverse. E poi riprenderemo da lì come ben sa chi si è già messo in contatto.

A tutti gli altri navigatori auguro buone feste di stagione. Grazie perché continuate a visitare numerosi il sito anche in un periodo in cui l’ho dovuto gioco forza abbandonare. Ma vi invito a tornare perché in un modo o nell’altro cercherò di trovare scampoli di tempo per buttare dentro il calderone fumante almeno qualche post svagato, su diversi argomenti, nelle occasioni “importanti”, nonché le usate facezie che fanno di Rosebud un sito davvero unico!

Besos a todos

Rina Brundu

easter-1289267_960_720.png

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

Ipazia Books 2017

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: