Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

L’angolo del neurone rincoglionito (26) – Se le donne vengono da Marte, da quale pianeta arrivano gli uomini che pensano con il cazzo? Riflessioni e considerazioni dopo un’altra puntata del programma “Forum” (Rete4). Brian Greene forever!

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

L’attacco sarebbe continuato, indefesso, senza esclusione di colpi almeno a leggere il rapporto Copasir a guida renzista, ovvero una ricerca sul campo tesa a scovare i “poteri forti” che tramano nell’ombra contro il renzismo, e finanziata in via amicale dalla Fiat-Chrysler e da qualche altra anima pia dei salotti buoni italiani intenerita dal viso dolce di Maria Elena Boschi che si interroga con i lacrimanti occhioni sbarrati: “Perché tanta acredine verso di noi? Che male può fare un governo che legifera ad personam, ad padrem, ad filium, ad spiritum santum, ad fidanzatum, ad rolexem, ad aziendam, ad bancam, ad lobbym?”.

(Dal “Diario dai giorni del golpe bianco” di Rina Brundu, prossimamente).

Rina Brundu

download

Marte (Nasa)

Da quando ho capito che il programma Forum condotto dalla Palombelli sia su Canale5 che su Rete4 (abbondantis, abbondantum), può diventare una ricca sorgente per alimentare questa rubrica del sito che è pure una delle mie preferite, faccio il possibile per vederlo, specie il sabato pomeriggio. E in effetti, fatta salva qualche puntata in cui, grazie alla tematica trattata, il neurone rincoglionito si riprende, si sente un altro, la materia prima per i mei scopi non manca e si esalta da par suo dentro il contesto alto borghese- nobile (vorrei ma non posso) che questa giornalista italiana ha voluto dare al suo programma (per la serie il renzismo non è venuto e andato senza fare le sue vittime in lochi degni!).

Prendi questo pomeriggio per esempio. Si sono presentati davanti al giudice due attori bellocci che inscenavano le “difficoltà” di una scalcinata coppia italiana così composta: lei, donna matura ma ancora piacente, avrebbe sacrificato la sua esistenza alla vita di coppia, facendo salti carpiati per rendere felice il di lei consorte, indossando gli abiti che colui preferisce, faticando in palestra (in miniera, no?) pur di mantenere un fisico degno, etc etc. Lui, un figurino (nella sua visione delle cose), ancora piacente a 45 anni (che tra l’altro si è permesso pure di chiedere alla giudice donna se lo considerava piacente), amante delle belle donne, affetto e afflitto dalla Sindrome del poliamore, incapace di resistere alla tentazione di sedurre, di tradire, di avere l’amichetta, la fidanzatina, il cazzo eretto per tutto il tempo, le fan (dice lui) su Facebook e mai qualche pensiero-diverso, bla bla bla, etc… etc…

Confesso che non ho resistito davanti a cotanto orrore eterico post-digitale e post-moderno e dunque ho abbasssato il volume. Però qualcosa su cui riflettere mi resta. Mi chiedo per esempio: se le donne vengono da Marte, da quale pianeta arrivano questi uomini che pensano con il cazzo? Cioè, in che ambienti malati si sono formati? Perché non esistono associazioni in grado di aiutare queste famiglie? La scuola dov’é? Per carità, qui la moglie è responsabile quanto il marito, forse anche di più dato che si è assoggettata ad una simile vita del cazzo appunto. Però, a mio modo di vedere, se da un lato è indubbio che personaggi così possono vivere insieme solo perché in dato modo si “ritrovano”, dall’altro lato, vista la “venerazione” che lei aveva per lui, è indubbio che in questo caso avrebbe potuto essere l’uomo il motore di “cambiamento”…

Figuriamoci! Forse sono solo io a pensarla così, ma non riesco ad immaginare una vita più inutile, più boring, più noiosa, più insoddisfacente, più ridicola del passare una intera esistenza accanto ad un personaggio che determina i suoi dealings e le sue azioni in base alle esigenze del suo cazzo. Ripeto: sono strana io? Può darsi! Tutto può essere.

Resta il fatto che sarebbe davvero meglio la scarlattina, un tumore al cervello, la peste nera, spararsi un proiettile in fronte, piuttosto che avere questi avanzi di DNA malaggiustato accanto a te per una intera esistenza: insomma, che cazzo hai fatto nella tua vita precedente per meritare tanto? E che esempi diseducativi, in televisione per giunta!! Sic! W Brian Greene, per tutta la vita (ma anche l’uomo elefante a confronto era un partito da considerare, finanche in virtù della sua estetica!)!

Rina Brundu

PS Non so cosa fosse ma confesso che questo signore convinto di essere piacentissmo, confinato nel suo Medioevo esistenziale, mi provocava ribrezzo e conati di vomito, quite peculiar, indeed!

Advertisements

info@ipaziabooks.com

2 Comments on L’angolo del neurone rincoglionito (26) – Se le donne vengono da Marte, da quale pianeta arrivano gli uomini che pensano con il cazzo? Riflessioni e considerazioni dopo un’altra puntata del programma “Forum” (Rete4). Brian Greene forever!

  1. Il discorso vale per entrambi i sessi. Se un essere umano punto soltanto sull’apparire, sul piacere a tutti i costi, a mio avviso manca di materia grigia. Certe trasmissioni poi, lasciano il tempo che trovano, perciò non le seguo più. Non vale la pena perder tempo con simili boiate!

    Like

  2. In genere non guardo la televisione italiana, ma a dire il vero neppure quella irlandese perché per le notizie internazionali guardo CNN e BBC News e per l’intrattenimento preferisco il Chromcast a YouTube e i DVD, di fatto facendomi il mio palinsesto.

    Vero è che essendo italiana a volte voglio anche informarvi su ciò che accade in Italia, cosa che faccio con Il Fatto Quotidiano e poi con il TG7. In rare occasioni guardo qualche programma speciale RAI ma non riesco proprio a resisterci più di tre minuti a questa lode sguaiata, continuata, diseducativa verso le gesta di un leader non eletto trombato e incapace che ti procura solo disgusto.

    Di tanto in tanto tuttavia “voglio” sentire qualcosa in italiano, è normale.

    Forum lo guardo in qualche occasione per la mera ragione che a suo tempo studiai diritto e la trovo una materia interessante. Dalle sentenze si impara tanto… anche a ragionare logico se vuoi. Infatti di norma le uniche parti che vedo sono il dibattimento (i giudici sono bravi e non si atteggiano) e la sentenza che sono a mio avviso le parti migliori della trasmissione.

    I problemi sono dati da questi aspetti a mio avviso:
    – Una conduttrice che proprio non è adatta a trattare tematiche serie. Se dovessi ridargli il titolo a programma dovrebbe essere “Figli di…”, di fatto è tutto uno sfilare di figli di mammà e papà di una noiosità che uccide, di norma incapaci di fare la minima utterance su un qualsiasi argomento interessante. Il contesto mi ricorda le interviste autorali di Bastista quel vecchio signore che un tempo era giornalista del Corriere e in fondo mi ricorda anche altre atmosfere demodé da Corriere: insomma atmosfere anni-70, 27sima ora, prurito per il gossip, questioni lontane mille miglia dall’attualità e dal mondo del reale, radical-chichismo per necessità più che per serio whim d’intelletto.

    • Una scelta di tematiche afflitte appunto dalla suddetta sindrome gossipara and so on and so forth…
    • Una saccenteria informativa che fa a pugni solo con la mia su questo blog, con la differenza che almeno io ne ho coscienza e non sono su canale nazionale.

    Più serio è invece il problema culturale che sta dietro tutto questo. Un problema che certo non esiste nel nord Europa dove si vedono ragazzi davvero belli assolutamente privi di queste sindrome italiche…

    Non so, magari sono anche io una sapiosessuale (tendenza di cui questo stesso programma si occupò alcuni mesi fa), ma vedere questi omettoli muscolosi il cui livello più alto mai raggiunto corrisponderà appunto, durante tutta la loro esistenza, all’altezza del cazzo eretto mi fa proprio ribrezzo… Un ribrezzo fisico che non so spiegare, non ne comprendo la natura e non mi interessa investigarla.

    In genere considero il tutto deleterio sotto tutti i punti di vista: hanno molta più dignità gli esseri che si vendono in strada per necessità.

    Qui di dignità, neppure l’ombra!
    Ciao

    Like

1 Trackback / Pingback

  1. L’angolo del neurone rincoglionito (26) – Se le donne vengono da Marte, da quale pianeta arrivano gli uomini che pensano con il cazzo? Riflessioni e considerazioni dopo un’altra puntata del programma “Forum” (Rete4). Brian Greene forever! –

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: