Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

IVREA, nel nome del padre. Il target? Il 40%, ma anche un’altra Italia.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

Rina Brundu

Ponte_Vecchio_Ivrea (1).jpg

Ponte vecchio, Ivrea (Source Wikipedia in English, author Mirrys, own work)

Non sembrano neppure foto scattate in Italia quelle che si sono viste oggi. I politici seduti zitti ad ascoltare da un lato e gli esperti delle aziende, i professori universitari in cattedra a spiegare: ma a Ivrea, durante il convegno “Capire il futuro” organizzato dal M5S per parlare di futuro appunto, sarebbe successo proprio questo, chapeau!

Chapeau a Davide Casaleggio che nel nome del padre ha voluto questo incontro di Ivrea; chapeau perché ha iniziato a muovere oltre le parole, ad estrinsecare anche intellettualmente ed operativamente la nazione che hanno in mente i pentastellati, nella speranza che, per almeno 24 ore, gli editorialistucoli arruolati dal corrierucolo della sera e dalla repubblichina si zittiscano.

Intanto a Bari il ducetto continuava a sproloquiare portandosi a braccetto uno di quegli operai che non ha degnato per tre lunghi anni…. Sic!

Un’altra dimostrazione plastica che il target di Ivrea non dovrebbe essere solo il 40% per governare da soli, ma anche e soprattutto il far nascere l’Italia che verrà, un’Italia proiettata verso il futuro, verso il fare, verso l’imprenditoria, verso la best practise di business come mai prima d’ora.

Un miraggio forse, ma oggi sicuramente più vicino di quanto lo fosse ieri.grillo

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com

4 Comments on IVREA, nel nome del padre. Il target? Il 40%, ma anche un’altra Italia.

  1. Come attori di un minuetto sono perfetti anche per me, coma autisti di un torpedone di 60 milioni di viaggiatori mi spaventano. Devono rendere solare la faccenda della democrazia assembleare, incompatibile con la maturità della popolazione e del mondo esterno.

    Like

  2. Cento anni fa, ad ottobre, c’é stata la rivoluzione bolscevica (da cui indirettamente e indegnamente anche il famigerato PDR, Partito di Renzi, discende), dubito molto che i monarchici, zaristi, lo abbiano classificato come un movimento democratico.
    Dalla sua il M5S ha invece tutta una serie di punti solidi di partenza
    – É un movimento pacifista nella sua natura
    – Ha un garante che non fa, non farà politica e non ha interessi in politica
    – Sposa ideali di onestà nell’amministrazione e guarda verso il futuro
    – Ha il sostegno di tutta l’Italia giovane e che sarà…

    Con questi presupposti caro Andrea è indubbio che si possa andare molto lontano, aggiustare e migliorare cammin facendo come si fa con tutti i percorsi seri (non con i discorsi esaltati dei piazzisti) e tu come ingegnere lo dovresti sapere bene.

    Per il momento è importantissimo che Grillo tenga le redini e dimostri urbi et orbi che fanno sul serio tenendo a bada i profittatori, gli infiltrati i convertiti dell’ultima ora che ci saranno sempre.
    Senza considerare che se Grillo mi dice “fidatevi di me”, almeno nel breve periodo io mi fido…. nell’attesa che i processi vengano limati…

    Se me lo dice Renzi… io… qualora lo avessi… afferro il mio Rolex… prendo la borsetta…. mi assicuro di avere i miei reni attaccati perché non si sa mai (e un rene nel mercato nero costa) e poi corro… corro… corro senza fermarmi e senza guardarmi mai indietro.

    Spero di avere chiarito il mio pensiero. Ciao.

    Like

    • Il tuo pensiero mi è chiarissimo, ma io, sarà l’età, sono più prudente. Vedo gli aspetti positivi dei 5 stelle, ma devono risolvere problemi troppo grossi: L’Europa e l’Italia non sono Roma, e vedi come annaspa la Raggi, malgrado che sembri stia ottenendo qualche risultato. Buona l’impostazione di Ivrea, ma non basta a rifondare storture radicalizzate. Il passaggio alle correzioni è molto complesso, sono lì le mie perplessità.

      Like

  3. Io ti consiglierei di guardare meno gli immondi telegiornali RAI (che tra l’altro sovvenzioniamo), di stare lontano dagli orgasmi corrierucoli e repubblichini e di leggere quei pochi giornali italiani che al tempo della dittatura del ducetto (perché quella si che è dittatura), le notizie le danno (proprio come quella che ti ho aggiunto in calce al pezzo).

    Vero è però che chi ha una certa età sembra restio a cambiare sistema….

    La fortuna dell’Italia è che i giovani italiani la pensano diversamente e forse questa volta ci riusciamo davvero a fare in modo che in Italia RENZISMO MAI PIU’! (Per inciso un periodo che ci fa invidiare la Turchia e la Corea del Nord, almeno quei dittatori non si fingono ciò che non sono!).

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/04/10/sondaggio-m5s-partito-pigliatutti-piace-agli-elettori-di-sinistra-come-ai-leghisti-a-operai-e-imprenditori/3512273/
    ciao

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: