Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

I reblogging dello user daveyone1: copyright infringement?

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – IL TEOREMA RENZI-TAVECCHIO-VENTURA

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per leggere tutto l’articolo)

davey1rebloggingsNB Per darvi una idea, guardate la lista degli ultimi reblogging…. Che in realtà è anche molto più lunga dato che questo user é sempre presente. Mi sono stancata tanto tempo fa di stracciarmi le vesti in piazza per questi terroristi online. Ragion per cui  chi ha suoi lavori coinvolti, mi contatti e vediamo come procedere.

Enjoy!! Sic!

PS Ribloggherà anche questo post? Eventualmente vi faccio sapere (lo saprete voi e i suoi 13 followers).

Advertisements

info@ipaziabooks.com

7 Comments on I reblogging dello user daveyone1: copyright infringement?

  1. I understand Will. Please be aware that the site will make available to any of the authors involved or to any authority who will require it, your IP address and any other info available. Best Regards.

    Like

  2. Non mi è chiaro il concetto di reblogged. Mi spieghi in cosa consiste? Ti rubano i tuoi articoli e li fanno passare per propri? Best regards!

    Like

  3. Ciao Danila,
    Grazie per la domanda che mi dà occasione per spiegare anche perché tanti fanno I reblogging dei pezzi ma lo fanno onestamente e di questo li ringrazio (soprattutto avvertono e ringraziano).

    Il reblogging è una opzione di piattaforme come WordPress in virtù del quale se un blogger legge un post altrui che gli piace può decidere di riportarlo sul suo blog e farlo vedere ai suoi followers. Di norma l’opzione permette di leggere una parte di ciò che è stato postato sul tuo blog e poi devi necessariamente continuare a leggere sull’originale come è giusto che sia dato che il post è frutto del suo lavoro.

    Ciò che mi ha fatto venire i nervi di questo user è che da circa tre mesi riblogga tutti i pezzi tutti quanti, dimenticando anche che diversi pezzi presenti su Rosebud sono soggetti a copyright. Ieri ho raggiunto il limite di sopportazione e quindi gli ho chiarito che qualsiasi autore mi richiederà i suoi dati o qualsiasi autorità…. io non esiterò a passarli, indirizzo IP incluso.

    Continui pure come vuole ma io difendo gli interessi di chi mi da la sua fiducia pubblicando su questo sito e se ne accorgerà anche lui.

    Più che altro perdite di tempo causate da chi evidentemente non ha altro da fare. E non è il solo. Dimenticano però che questo blog è controllato molto di più di ciò che sembra. Io i dati li raccolgo poi cavoli loro. Del resto siamo nella società liquida, mica si può pretendere la serietà, no?

    Ciao, buone cose.

    Like

  4. Grazie Rina per la spiegazione. Qualche volta ho “rubato” anch’io alcuni tuoi articoli, ma di norma quelli firmati da me o da Mondelli. Ovvero, abbiamo sempre dato l’anteprima a Rosebud, e una volta che l’articolo è pubblicato in questo sito, magari lo riporto sul mio blog, ma ovviamente con l’indicazione chiara che è stato preso da qui. E con tanto di link diretto. Scusa il ritardo, ma ho avuto un intervento e sono un po’ sbalestrata. Ciao a te, e buon tutto

    Like

  5. Ciao Danila
    grazie a te. I reblogging vanno benissimo per un blog, o se si riprende in altro modo basta citare la fonte. Il caso di questo user è diverso: di fatto stava costruendo un Rosebud parallelo nel suo sito senza mai chiedere nulla!
    Però gli ultimi tre non li ha rebloggati io credo che abbia capito. Ci si chiede solo perché per ottenere il minimo rispetto del lavoro altrui si debba urlare.
    Mi faccio in quattro per citare le fonti, e se non riesco a trovarle, metto una nota, perché cosi bisogna comportarsi, sempre. Esattamente come si vorrebbe che gli altri facessore con noi. Sic! Ma ho ragione di pensare che sia risolto.
    Ho perso la pazienza di un tempo d’ora in poi qualsiasi cosa viene sparata pubblicamente… L’avessi fatto anni fa (sebbene io conservi sempre tutto) mi sarei risparmiata tante cose al limite della querela che volendo potrei ancora azionare.
    Solo che si cerca per quanto si puo’ di continuare a comportarsi come persone raziocinanti piuttosto che come cazzoni senza testa. Sic

    ps Dovessi fare un testo su tutte le email che ho ricevuto e le comunicazioni deliranti, da offerte di matrimonio, a persone che pensavano mi fossi invaghita di loro, o ad altre cazzate incredibili, tra serie e serioso diventerebbe un best seller, fortuna che qui abbiamo un senso dell’umorismo ottimo e quando leggiamo ci divertiamo, sic! Speriamo in maggior serietà futura, ma credo che la nuova linea in verità stia producendo risultati straordinari, e nel tempo il sito sarà frequentato davvero solo da chi dovrebbe frequentarlo, gli altri non servono!
    Buone cose e abbiti cura.

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: