Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Segni dei tempi: c’é posta! Scrive…. Paolo Campidori.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

campidoriNota bene

Ho ricevuto questa email da Paolo Campidori senza altre indicazioni. Se l’ha mandata a Rosebud, dato che di norma non intrattengo conversazioni private, immagino fosse per pubblicazione, eccola pubblicata dunque con la sola rimozione dell’indirizzo email per questioni di privacy. Invece, se é uno scherzo non mi fa ridere. Detto questo la domanda è pregnante:

Scusi, Paolo, ma lei usa Facebook per parlare di lavoro, dei suoi interessi, del suo “impegno” d’intelletto? Se lo usa sono problemi suoi. Glielo dico anche da persona che ha fatto battaglie sostanziali per avere un sito dove, da adulti, si possa dire cazzo al cazzo e fica alla fica… non ho mai amato il puritanesimo vittoriano o la filosofia da perpetue d’antan. Questo modo di fare mi è costato pure tante cosiddette “amicizie”, ma se da un lato tale status quo mi ha aiutato a liberare questo luogo virtuale da personaggi che a mio modo di vedere non avevano i minimum requirements per frequentarlo, dall’altro mi ha regalato la libertà d’intelletto, la maturità d’intelletto che è l’unica cosa che mi preme.

Peraltro, non sono mai intervenuta in una conversazione facebookiana (e anche tutti i post vengono messi su in automatico da WordPress), tranne una volta in cui avrei dovuto procedere per querela, ma dato che il personaggio era quello che era e si spiegava da sé, l’unfriending imperituro è stato conseguenza delle cose. Ed è bastato. Facebook non è un luogo per dirimere di cose serie, ma un vicinato di gossip dove chi, a torto o a ragione, ritiene di avere altro da dire non si dovrebbe mai affacciare! Solo il mio parere, che è sempre stato lo stesso peraltro…. e non cambierà mai in proposito.

Cordialmente

  • Ps. Aggiungo anche, visto che ci sono, che nelle due pagine che mi riguardano (una esistente perché legata al sito), mi ritrovo iscritta a gruppi, luoghi, eventi che non so neppure cosa siano e non ho mai visitato… Se quello è luogo serio meglio la Medjugorie di Brosio! Evitare simili luoghi, come la peste: chi ha il coraggio delle sue opinioni scrive i suoi post, li firma e si confronta come fanno tutte le persone serie. Facebook non serve a un cazzo! Come si evince anche dalla email ricevuta! Si contenti invece di esserne stato estromesso e si dedichi ai suoi studi, se è di queste cose che si interessa.
Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: