Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Filosofia dell’anima e femminismo – Della patata bollente di Raggi, del pisello “seccato” di Feltri, di altre metafore provinciali e di una colletta per “Libero”.

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

La libertà intellettuale è una tradizione profondamente radicata, senza la quale è improbabile che esisterebbe la nostra cultura specificatamente occidentale. È una tradizione alla quale molti dei nostri intellettuali stanno visibilmente voltando le spalle.
(George Orwell)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Non dico che per rinnovare la fiducia al renzismo occorra essere ad un tempo rincoglioniti e coglioni, però aiuta! (Rina Brundu)

Rina Brundu

vcampi

La fruttivendola di Vicenzo Campi

Oggi davvero si voleva muovere oltre, dimenticare gli usati scandali italici, non ultime le recenti gesta della casta mediatica più vergognosa di sempre: dallo Scalfari che va in televisione a parlare di future balene bianche guidate dal Renzi in chiave anti-pentastellata (ma possibile che questo signore anziano, evidentemente in grossa difficoltà umana oltre che intellettuale, non abbia una badante che sappia consigliarlo altrimenti?), alle marieteresemeli di lotta di governo renzista, a tutte le altre coglionate che purtroppo chi ha la sventura di capitare in dati siti mediatici del Bel Paese (o di comprare la carta igienica che quegli stessi editori mettono in vendita sotto forma di quotidiano), deve sopportarsi quotidianamente.

Niente da fare, non ci è stato possibile! Perché? Perché Vittorio Feltri, anziano pisello che si occupa della direzione di un quotidianetto italiano chiamato “Libero” (o così mi dicono perché non leggo mai queste robe e pornografia per pornografia meglio i diari di Rocco Siffredi), l’altra sera, dopo avere forse mangiato pesante e avere avuto una qualche “defaillance” che possiamo solo immaginare nella sua natura, evidentemente si è seccato e ha pensato bene di mettere in prima pagina la disiata “patata bollente” di Virginia Raggi, dunque di provare anche quest’ultima strada pur di infangare il nome della sindaca capitolina.

Apriti cielo!: anche la Boldrini si è sentita in dovere di intervenire e di denunciare il supposto sessismo di codesta immonda metafora provinciale. Cioè, durante tutti questi mesi in cui la Raggi è stata messa sulla griglia dagli sgherri mediatici che da tre anni sostengono il renzismo vergognoso di cui anche la Boldrini per tanti versi è espressione, per motivi e con fini meramente politici, la Presidente della Camera non ha mai pensato di intervenire, ma ora, ecco, ora, l’idea della “patata bollente” sembrerebbe metterla in imbarazzo: purcua? Che serva una badante anche alla Boldrini? Tutto può essere.

Onestamente la metafora feltriniana a me non scandalizza. Francamente mi scandalizza molto di più la tenacia, la determinazione di questi avvoltoi mediatici di regime che proprio non si concedono limiti nella loro azione a supporto della causa politica di riferimento. Certo, è anche un poco schifiltoso questo provincialismo retorico d’antan, espressione plastica della sub-cultura provinciale, appunto, che ha prodotto intere generazioni di cosiddetti intellettuali figli oscuri di una Europa meridionale da secoli ormai culturalmente abbandonata a se stessa, vittima della sua stessa mancanza di know-how tecnico, dell’attitudine al servilismo, del dogma familiare, religioso e quant’altro… ma a queste cose in Italia ci siamo abituati, o no?

Torniamo piuttosto a discorso più seri, preferisco fare notare infatti che la Raggi è senz’altro una bella ragazza ma per far rivivere un pisello così “seccato” (magari anche da una avvilente e sempre più frustrante mancanza di attenzione, i.e. si vocifera che Libero venda tre copie ma nella famiglia di Feltri sarebbero in quattro e ancora non si sia capito chi sia il franco tiratore), serve senz’altro altro tipo d’azione. Nello specifico io propongo di fare una colletta per mandare finalmente il direttore ad Amsterdam e riconsegnargli nuova vita: domani tutti a comprare Libero e se vi vergognate di farvi vedere con quel giornale in mano, acquistate Playboy mettete il giornale di Feltri al suo interno e sarà la morte… vostra. Sic!

Rina Brundu

PS A proposito di vendite di giornali riprendo questa nota dal sito Blitz Quotidiano:

“Fra i giornali che hanno perso di più c’è Libero, che nel confronto anno su anno ha perso l’11,7% a luglio e il 16,3% a giugno. Perde tanto anche La Stampa di Torino, più del 10% sia in giugno sia in luglio. In giugno ha venduto 133.724 copie, in luglio 139.141 (effetto ombrellone), un terzo di quanto vendeva ai tempi d’oro.” Vedi che la serva serv…. pardon, la colletta serve?

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

Ipazia Books 2017

2 Comments on Filosofia dell’anima e femminismo – Della patata bollente di Raggi, del pisello “seccato” di Feltri, di altre metafore provinciali e di una colletta per “Libero”.

  1. Giampiero Utzeri // 11 February 2017 at 17:21 // Reply

    Secondo me Feltri e una grande mente genitale….

    Like

  2. Del resto è pure tutto ciò che occorre per fare il giornalista trendy e impegnato nell’Italia di oggi….

    Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: