Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Enigmi della Sfinge (3) – Il mistero di Ollantaytambo (Cuzco – Perú). Ingegneri di tutto il mondo unitevi e dimostrate che il fisico teorico Sheldon Cooper ha torto su di voi: risolvete il “problema”!

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Avevo solo dieci anni quando, con mio padre Antonio, senatore del MSI, sbirciai per la prima volta su Rosebud… (Ignazio La Russa. aka rb)

olianto3Problema: Posto che hai la ridente cittadina peruviana di Ollantaytambo, situata a 75 km a nord-est di Cusco e collocata a circa novemila piedi di altezza sul livello del mare. Posto che la cittadina sarebbe una fortezza Inca (1). Posto che nella stessa – oltre ad una variegata serie di altri monumenti megalitici abbastanza impressionanti – vi è un muro di pietra granitica costruito con almeno 6 blocchi pesanti ciascuno tra le 50 e le 65 tonnellate, peraltro meravigliosamente levigati, incastrati, uniti, finanche vetrificati nelle rifiniture (vedi foto), e posto che è stato appurato che codesti massi gigantesci arrivano da una cava situata in un’altra montagna confinante, altrettanto alta (e dunque è stato necessario prima trasportarli in discesa dalla precedente e poi trasportarli in salita); posto che mai nessun utensile è stato ritrovato che dimostri come questo muro sia stato costruito e che a quel tempo gli Inca usavano solo utensili minimali di pietra o di legno, descrivi CON PAROLE TUE MA CHIARE E “SOUND”, come questi  ingegneri inca (o megalitici?) abbiano potuto ottenere il risultato.

Strumenti di lavoro utili:

  • Per aiutarvi a capire di cosa stiamo parlando, e a risolvere, potete usare il video in calce o qualsiasi altro video relativo e di vostro gradimento.
  • Non fate i furbi e concentratevi SOLO SU QUEL MURO (per inciso questo della featured image in alto), non ce ne frega niente degli altri centinaia di muri e muretti che pure abbondano nello stesso loco e di cui diamo sicuramente il merito ai bravi colleghi ingegneri Inca.
  • Il primo che ci dice che i blocchi da 60 tonnellate ciascuno sono stati portati giù dalla prima montagna e poi su per l’altro monte (specifico anche che non ci sono strade, oggi come ieri), da 6 milioni di schiavi tiranti le funi e imprestati dal fararone egiziano dell’epoca, non solo verrà squalificato ma pure radiato dall’albo (Non valgono neppure le soluzioni con gli elefanti di Annibale o improbabili forti nevicate che avrebbero permesso di far slittare i massi sul ghiaccio, etc).
  • In essence, usate la testa e lasciate perdere l’archeologia di ieri, di oggi, di domani! Ci interessa solo una rispostan fisico-matematica, pragmatica, precisa, fattibile, empiricamente dimostrabile, tenendo conto della base e dell’altezza, del peso, del tempo e di tutte le altre variabili.
  • L’ingegnere vincitore avrà la nostra riconoscenza imperitura, sarà l’uomo o la donna of the Year su Rosebud e, qualora avesse tempo, lo manderemo a condurre il traffico sulla mont… pardon, a condurre il Festival di Sanremo con Conti e la De Filippi: che si può volere di più dalla vita? Un Lucano?

oliantoolianto2olianto1

Serie DIMOSTRIAMO A SHELDON COOPER (2) CHE NON E’ UNA PAROLACCIA DIRE CHE GLI INGEGNERI (SPECIE GLI INGEGNERI ITALIANI) SONO INTELLIGENTI QUANTO I FISICI TEORICI!

(1)  Ollantaytambo è una cittadina del Perù situata a 75 km a nord-est di Cusco.

Questa fortezza inca di cui il nome significa locanda di Ollantay (il nome di un guerriero), fu una delle città dove inca e spagnoli si sono battuti quando Manco Inca cercava di raggruppare la resistenza inca dopo la disfatta di Cusco. Percorrendo le scale che si inerpicano sui terrazzamenti risalenti all’epoca incaica, si arriva al cuore del tempio, di cui restano solamente poche pietre perimetrali. Una volta giunti sulla sommità del sito si può apprezzare una costruzione particolare sulla montagna di fronte.

Si tratta di un grosso deposito Inca per il cibo (probabilmente un granaio), la cui posizione era stata individuata in modo da trovare un luogo più fresco (grazie ai venti della zona) dove le scorte potessero mantenersi più a lungo. Ai piedi di questa fortezza, si sviluppa una cittadina, stazione di partenza del treno che porta a Aguas Calientes, ultimo avamposto prima di salire a Machu Picchu. Da segnalare inoltre che da qua è possibile partire a piedi e percorre il cammino inca che porta a Machu Picchu, due o tre giorni di viaggio attraverso le montagne, in compagnia dei portatori locali che fanno anche da guida lungo i sentieri.

2) Clicca qui per leggere il parere di Sheldon Cooper sugli ingegneri.

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: