Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Vite che insegnano (6) – Del femminismo totale e della vita difficile di CLARA BOW, stella di prima grandezza del cinema muto. E su IT (1927).

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Macché, macché! Travaglio lo sopravvaluta (nda: sopravvaluta Renzi)…. Questo signore non ha una strategia perché non è capace di averla… Renzi spara cazzate! Il suo grande alleato è la vigliaccheria congenita del sistema politico italiano! E che fai tu, Gruber? Sei diventata una sostenitrice di Renzi? Non ti riconosco più! Cosa pensi possa accadere a un paese come questo guidato da un Premier come questo? Cosa credi sia successo oggi per giustificare la lettera a Repubblica pubblicata senza critiche? Renzi avrà chiamato Calabresi e gli avrà ordinato: “Senti, c’ho una lettera… pubblicamela!”. Un giorno chiamerà Cairo e gli dirà: senti, questa Gruber mi sta sulle scatole, toglila!”.

Giampaolo Pansa, Otto e mezzo (La7), 11 febbraio 2016

Tratto dal Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu.

Per l’E-Book clicca qui.

cbpic_clara_boop

Clara Bow è un nome che forse non dice nulla all’italiano medio moderno (e a volte neppure all’italiano più intellettualeggiante), ma sicuramente dice molto agli appassionati di storia del cinema e del cinema muto in particolare.

Di fatto Clara Bow è stata una delle prime stelle del cinema muto (sebbene poi come Greta Garbo sia riuscita a reinventarsi, anche se faticosamente, col sonoro), e una delle prime star di vera grandezza. A mio avviso ciò che la rende icona immortale è il suo femminismo vero, praticato, decadi prima del 68, che l’ha portata, tra le altre cose, a usare gli uomini come cerini e finanche  a mostrare un primo petto nudo già prima degli anni 30. Insomma, una donna unica, forse resa tale da una vita personale difficilissima ma degna dell’artista migliore che sa trasformarsi, sempre in virtù di quel suo dolore muto, in mito.

Qui di seguito pubblico due  pagine  wikipediche italiane : quella di Clara e quella del suo film IT (1927), purtroppo  tradotto da noi con “Cosetta” (una sorta di crimine contro l’umanità), che  pure meriteribbe un discorso a parte.

Tuttavia segnalo anche  le corrispondenti pagine in inglese che come al solito sono fatte con maggior metodo e cura.

https://en.wikipedia.org/wiki/Clara_Bow

https://en.wikipedia.org/wiki/It_(1927_film)

Enjoy!

RB

 

Clara Bow, nata Clara Gordon Bow, (Brooklyn, 29 luglio 1905 – Los Angeles, 27 settembre 1965), è stata un’attrice statunitense. Una delle dive più famose dell’età del jazz, diventò un’icona del cinema degli anni venti.

Biografia
Attrice simbolo dell'”età del jazz”, Clara Bow crebbe in una zona malfamata di Brooklyn, New York, in un ambiente familiare tutt’altro che sereno, con la madre schizofrenica (tentò di tagliarle la gola quando entrò nel mondo dello spettacolo) e il padre disagiato e violento che abusava sessualmente di lei.

I suoi capelli rossi, la famosa bocca a cuore e il portamento alla recitazione la portarono a sedici anni a vincere un concorso di bellezza istituito dalla rivista Motion Picture Classic[3] e le si aprirono così le porte del cinema. Nel 1924 vinse l’edizione di quell’anno del premio WAMPAS Baby Stars, un’iniziativa pubblicitaria promossa negli Stati Uniti dalla Western Association of Motion Picture Advertisers, che premiava ogni anno tredici ragazze giudicate pronte ad iniziare una brillante carriera nel cinema.

Scritturata dalla Famous Players-Lasky Corporation (la futura Paramount), nei primi anni venti l’attrice prese parte ad una serie di commedie; ma sarà grazie all’interpretazione della vivace commessa che seduce il suo datore di lavoro nel film sentimentale Cosetta che ella diventerà una star, introducendo il personaggio della flapper, la “maschietta” più famosa dei ruggenti anni venti. Il film, tratto da un romanzo della scrittrice Elinor Glyn che lo produsse insieme al regista Clarence G. Badger, diventò un vero caso, lanciando la moda dell’It che in Italia verrà tradotto con quel certo non so che .

La performance di Clara Bow ottenne grande successo e il film la lanciò come sex-symbol. Il pubblico si innamorò di lei[4].

clara_bow_1927Nello stesso anno, Clara è la donna teneramente innamorata del prestante aviatore Charles ”Buddy” Rogers nel drammatico Ali (Wings) di William A. Wellman, film che si guadagnò un Premio Oscar. Ormai era una stella: riceveva 45.000 lettere alla settimana dai suoi fans[4].

Proprio all’apice della sua carriera, l’attrice venne travolta da uno scandalo: la sua segretaria e amica, Daisy De Voe, vendette ad un giornale il diario dell’attrice, in cui erano riportati dettagli della sua vita sessuale[4].

L’avvento del sonoro poi fece il resto: la sua voce venne considerata poco fonogenica. Nel 1933, Clara Bow si ritirò dal cinema.

Nel ’31, intanto, aveva sposato l’attore Rex Bell, da cui avrebbe avuto due figli. Negli anni seguenti, le condizioni mentali dell’attrice si fecero via via più instabili, tanto che passò parecchio tempo ricoverata in diverse case di cura.

Morì a causa di un attacco di cuore all’età di sessant’anni.

Riconoscimenti
WAMPAS Baby Stars (1924)
Per il suo contributo all’industria del cinema, le venne dedicata una stella dell’Hollywood Walk of Fame.
Young Hollywood Hall of Fame (1920’s)
Nel 1994, le poste degli Stati Uniti le dedicarono un francobollo con la sua immagine disegnata dal caricaturista Al Hirschfeld.

it1927clarabow

Cosetta (It) è un film muto del 1927 diretto da Clarence G. Badger e da, non accreditato, Josef von Sternberg.

Trama
Betty Lou, ragazza di umile provenienza sociale, vive in un quartiere popolare assieme all’amica Molly, ragazza madre. Betty lavora come commessa al Waltham Department Store, dove si innamora del suo nuovo boss, Cyrus Waltham, figlio del proprietario del grande magazzino, sul quale ha messo gli occhi anche la ricca e algida Adela.

Un giorno Betty è notata da Monty, amico di Cyrus, che ritiene che la ragazza possieda l’it, quel certo non so che che fa innamorare gli altri. Monty invita la ragazza a cena e lei accetta, a patto di andare al Ritz dove sa che Cyrus passerà la serata. Presentatasi con un abito da sera confezionato in tutta fretta, Betty passa il tempo a guardare Cyrus e alla fine viene notata da lui, che ne resta affascinato. I due familiarizzano brevemente, con scorno di Monty.

Con sua sorpresa, il giorno dopo Betty viene riconosciuta da Cyrus che la invita ad uscire. I due vanno sulla spiaggia, poi al Luna Park. Quando poi lui la riaccompagna a casa la bacia e… si prende un bel ceffone! Ma Betty è raggiante.

Intanto, Molly è in difficoltà. Due assistenti sociali vogliono toglierle il bambino perché non ha i soldi per mantenerlo. Betty accorre per aiutarla e, per chiudere il caso, dichiara che il piccolo è suo (con sconcerto di Monty che assiste alla scena) e che può mantenerlo perché ha un impiego.

Cyrus vuol riparare alla brutta figura della sera prima e scrive un biglietto a Betty. Ma proprio in quel momento irrompono le assistenti sociali per indagare sul lavoro della ragazza. Così Cyrus apprende che lei ‘ha un figlio’; e se ne dispera.

Quando si incontrano di nuovo, Cyrus è freddo e scostante e Betty non sa farsene una ragione (ignora che lui è convinto che lei abbia un figlio). Cyrus la ama e giunge persino a confessarlo; ma si trattiene dall’abbracciarla, un po’ perché sa che questa sua passione non può avere futuro, un po’ perché sospetta che Betty sia solo una gold digger. Quando dunque le offre dei regali e dei gioielli, lei a sua volta fraintende il gesto, pensando che lui la voglia mantenere come amante; e se ne va in lacrime.

Betty si licenzia. Un giorno Monty, davvero innamorato di lei e pronto a ‘passar sopra’ la sua maternità, va a trovarla a casa. Lei divertita gli rivela la verità sul bambino. A quel punto però Betty si rende conto che anche Cyrus pensava che lei avesse un bambino! Vorrebbe correre a chiarire le cose; ma il pensiero che lui non le abbia neanche concesso il beneficio del dubbio, chiedendole direttamente come stavano le cose, la indispettisce. Decide dunque di vendicarsi: lo raggiungerà, lo farà ingelosire al punto da costringerlo a dichiararsi e solo dopo gli rivelerà la verità.

Betty appare dunque a sorpresa a bordo dello yacht di Cyrus, assieme al riluttante Monty del quale si finge una fiamma agli occhi degli altri ospiti, tra cui Adela. Cyrus prende la sorpresa con un mix di irritazione ed eccitazione. Durante la navigazione Cyrus si sente sempre più attratto da Betty e alla fine si dichiara nuovamente, chiedendole di sposarlo. Betty, come si era ripromessa, lo rifiuta, ridendogli in faccia! Poi però va a piangere sulla spalla di Monty che, finalmente, si decide a rivelare tutto all’amico.

Proprio mentre Cyrus sta andando da Betty a chiarire tutto, l’imbarcazione ha un incidente e la fidanzata ufficiale di Cyrus, Adela, cade in mare. Betty si getta in acqua per salvarla e Cyrus la segue. Finalmente i due, abbarbicati all’ancora, si abbracciano e si baciano.

Produzione
Il film fu prodotto dalla famosa scrittrice Elinor Glyn, autrice del libro da cui è tratta la sceneggiatura e dallo stesso regista, associati a B.P. Schulberg per la Famous Players-Lasky Corporation e la Paramount Pictures. Il film venne girato dal 7 ottobre al 6 novembre 1926.

Distribuzione
Distribuito dalla Paramount Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 15 febbraio 1927. Copia del film (duplicato positivo a 35 mm) è stato presentato negli ultimi anni in diversi festival internazionali. Nel 2004, la Milestone Film and Video lo ha distribuito in DVD in una versione di 77 minuti in NTSC[1].

Date di uscita
IMDb

USA 15 febbraio 1927
Finlandia 26 settembre 1927
Portogallo 16 aprile 1928
USA 1978 (riedizione)
USA 2 marzo 2004 DVD
Germania 8 febbraio 2007 (Berlin International Film Festival)
Canada 17 settembre 2009 (Toronto International Film Festival)
Norvegia 31 gennaio 2010 (riedizione)
Alias

Das gewisse Etwas Austria / Germania
Aquilo Portogallo
Az a bizonyos… Ungheria
Det Svezia
Ello Spagna
It Grecia
Jokin Finlandia
Le Coup de foudre Francia

Advertisements

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: