Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Buona azione (editoriale) dell’anno – SOSTENETE “IL FATTO QUOTIDIANO”. E del 2016 annus horribilis per il giornalismo italiano.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

 

La “volontà di potenza” renzista più che una degna pulsione infinita verso il rinnovamento, pare una sub-categoria delle filosofie motivazionali new-age in virtù delle quali se “thoughts become things” (i pensieri diventano cose) perché le parole non possono diventare fatti? Detto altrimenti, sembrerebbe che sia perfetta convinzione della corte renzista e di Matteo Renzi in particolare, che basti affermare l’essenza della realtà (pardon, di una data realtà, quella di cui sono convinti e di cui intendono convincere il popolo italiano) per definire quest’ultima. Da qui a venirne fuori con le anelanti e usate dichiarazioni che hanno costellato questi ultimi 30 mesi di laissez-faire politico, economico, amministrativo, il passo è breve: “Il Jobs Act è stato un successo”, “L’Expo è stato un successo”, “La Riforma costituzionale cambierà l’Italia”, “L’Italia è ripartita”… e in ultimo proprio l’odierno “Abbiamo dimostrato di non essere il problema”.

(Dal “Diario dai giorni del golpe bianco” di Rina Brundu, prossimamente).

Rina Brundu

Di norma sono restìa  a fare marchette di qualsiasi tipo, ma in questo caso non ho problemi, anzi! Di fatto voglio fare mio l’appello di Peter Gomez e vi invito a scegliere IL FATTO QUOTIDIANO, nel caso in cui quest’anno decidiate di optare per l’abbonamento a un giornale digitale o cartaceo, visto che in Italia questi ultimi si leggono ancora molto.

Come credo si sia visto specialmente durante l’ultimo anno, non ho mai esitato a criticare qualsiasi organo informativo se l’ho ritenuto giusto dal mio punto di vista di lettrice, e questo è vero anche per il giornale di Travaglio, come ben testimonia il mio post odierno sulle posizioni lenient de Il Fatto verso un discorso presidenziale oggettivamente non all’altezza né della situazione politica nè soprattutto di quella sociale: il nostro amore per quell’istituzione, infatti, lo dimostriamo meglio, a mio avviso, aiutandola a migliorarsi, e ognuno intervenendo come può, non accettando tutto quel che ne viene perché si rischia di essere irrispettosi. Dubito molto che ci siano italiani che non rispettino la Presidenza della Repubblica, anzi, ne sarei molto sorpresa!

Non dubito neppure che, qualora dovessi continuare con le mie attività di blogger d’opinione, ci saranno molte altre occasioni per criticare il giornale di Gomez e Travaglio. Questo è normale, come è normale ed è doverosa l’autocritica per chiunque: da questo punto di vista assicuro che non sono rare le volte in cui mi trancerei volentieri la lingua e le dita, di mio.

Detto  questo, alla redazione de IL FATTO QUOTIDIANO noi italiani dobbiamo davvero tanto, tantissimo. E glielo dobbiamo specialmente per ciò che ha fatto in un 2016 horribilis per il giornalismo nostrano. Tanto “horribilis” che se in virtù di quei nefasti achievements, la Freedomhouse.org decidesse di escluderci ad infinitum dalle sue classifiche sulla libertà di Stampa – mentre oggi si limita a tenerci tra gli Stati canaglia – nessuno avrebbe ragione di darle contro o di lamentarsi.

Ma soprattutto non  dimentichiamo la grande campagna vincente del giornale di Gomez, Travaglio e Padellaro a difesa della nostra Costituzione: un qualcosa per cui saremmo loro grati per generazioni.

Mi ripeto, quindi: oggi voglio fare mio l’appello di Gomez e vi invito tutti a sostenere IL FATTO QUOTIDIANO se potete: il buon giornalismo per ogni paese libero e democratico non è una opzione trendy, ma una variabile da cui dipende la sua stessa, di quel Paese, salute civile!

Rina Brundu

PS: per arrivare sulla pagina abbonamenti de IL FATTO cliccate sulla featured image (l’immagine principale a corredo di questo post), con il titolo dell’articolo di Gomez in risalto.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: