Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

L’età della politica e dei media cazzari (3) – Urka: abbiamo già il “nuovo” governo! E ancora sull’imbarazzante attacco dell’Annunziata (pateticamente spalleggiata dal Corriere) a Di Maio: siamo già in campagna elettorale.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Rina Brundu

annunziata

Screenshot dello straordinario occhiello con cui il Corriere fontaniano è corso a difendere le “imbarazzanti” esternazioni di Lucia Annunziata….

Non é passata neppure una settimana fa dalla batosta subita dal non-eletto, che già abbiamo il “nuovo” (si fa per dire) governo: il Gentiloni I, presieduto dal Conte e già ministro della Repubblica Paolo Gentiloni. Urka, Mattarella come Superman, più veloce della luce: chi l’ha detto che in Italia non sappiamo fare, fare bene (o giù di lì) e fare in fretta?

Scherzi a parte bisognerebbe fare un monumento al Presidente Mattarella (la cui elezione è stata forse l’unico atto renzistico riuscito nel merito, benché sbagliatissimo nel metodo), per la serietà che ha messo in campo, specie davanti alle bizze, finanche sminuenti la sua autorità (vedi il caso delle consultazioni parallele esibite senza vergogna urbi et orbi), del bambinello cazzoso di Rignano. Insomma, comunque la si possa pensare, senz’altro un bell’esempio di azione politica che dimostra come quando si vuole anche l’amministrazione di una nazione si può espletare con una certa celerità.

Se questo è il caso, perché non si procede con lo stesso metodo anche per la legge elettorale e non si va a votare in primavera, come sarebbe giusto, dato il parere tonante espresso in merito dal popolo italiano, meno di una settimana fa? Del resto, non sono i suoi stessi quotidiani a raccontarci un Renzi anch’egli ansioso di andare ad elezioni subito? Più si tergiversa più l’impressione che ci formiamo noi signori Rossi qualunque, é che non si vada a votare – oltre che per gli interessi di portafoglio dei vari parlamentari, le cui ragioni tuttavia ci riguardano poco o nulla – soprattutto perché nel pensiero di personaggi come l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e degli altri suoi colleghi in forma di datato establishment sui-generis, ragazzi come Luigi di Maio o Alessandro Di Battista non saranno in grado di fare da ciceroni validi, capaci, durante il prossimo G7 che si terrà in Italia. C’ho preso?

Personalmente scommetto invece che non solo questi ragazzi ci faranno fare una ottima figura, ma una volta nella vita ci faranno sembrare anche una nazione moderna, proiettata nel futuro e in grado di rinnovarsi per il meglio, anche e soprattutto politicamente. Questi pensieri li coltivo da molto tempo ormai, dopo averli osservati a lungo questi giovanotti, dopo averli severamente criticati, finanche guardati con sospetto. E, a maggior ragione, li confermo quest’oggi, dopo avere visto l’imbarazzante puntata di In mezz’ora (Rai3), in cui Luigi Di Maio, riscopertosi gentleman degno del miglior baronetto inglese, ha tenuto botta con stile alla Lucia Annunziata, la conduttrice, che con una dialettica intessuta di accenti vernacolari quasi gli dava dell’hooligan pronto a bruciare gli avversari in piazza!

Questo anche per dire che simili esternazioni agitate della casta mediatica renzista, o di quella che ci appare tale visto come si comportano (interessante a questo proposito la patetica difesa dell’Annunziata subito azionata dal Corriere – vedi featured image – mentre intento a celebrare melanconicamente, e con deliranti accenti da coitus-interruptus vagheggianti di ferstledies e di compagnia cantante, la Renxit – vedi secondo screenshot in calce), dei TG RAI e di tutto l’apparato mediatico a disposizione di Matteo Renzi, non fanno che confermare che in campagna elettorale ci siamo già, comunque!

Ne deriva che prima si passa a perfezionare questa puntura, inserendo con decisione l’ago elettorale nel deretano, meglio sarà. Per tutti, specie per una nazione che ha già perso tre anni di tempo e davvero non si può permettere di perdere un altro giorno in più!

Rina Brundu

renxit

Il poster blanket-size del non-eletto trombato, collocato immediatamente sotto l’occhiello destro dedicato al “caso” Annunziata-Di Maio… sulla stessa home del Corriere.it. Sic!

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: