Breaking News

Il 4 dicembre votiamo NO e difendiamo la Costituzione – Patrioti italiani (24) – PILADE BRONZETTI, compagno di Bixio e Mameli morì combattendo il 1º ottobre 1860, medaglia d’oro al valor militare

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

La più grande vendetta è la felicità: niente manda in bestia le persone più che vederti fare una fottuta bella risata.
(Chuck Palahniuk)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

La ragione è l’illusione dello spirito di essere arrivato. (Rina Brundu)

piladebronzettiPilade Bronzetti (Mantova, 23 novembre 1832 – Castel Morrone, 1º ottobre 1860) è stato un patriota italiano.

Biografia
Nacque a Mantova, allora territorio del Lombardo Veneto, vice regno austriaco. Era più giovane del fratello Narciso Bronzetti, anch’egli garibaldino, morto a Brescia il 17 giugno 1859 per i postumi di una ferita subita nella battaglia di Treponti. Fin da giovanissimo subì tutto il fascino delle idee liberali che reclamavano l’unità d’Italia e ne divenne zelante propugnatore e fervente patriota. Nel 1848, dopo la rivolta di Milano, a soli 16 anni d’età, abbandonò gli studi e si arruolò nella famosa Legione Mantovana, dove ebbe per compagni personaggi quali Nino Bixio, Goffredo Mameli, Luciano Manara, Gabriele Camozzi e altri. Fu protagonista di tutti gli eventi risorgimentali dell’alta Italia e nella battaglia di Varese del 25 maggio 1848, si meritò la sua prima medaglia d’argento al valor militare e la conoscenza personale di Enrico Cosenz, allora ancora colonnello, che, da quel momento lo volle sempre al suo fianco amandolo come un figlio.

Fu presente con eroico comportamento, anche nella breve epopea della Repubblica Romana proclamata da Mazzini. Fu esule in Liguria per sfuggire ad un mandato di cattura per la sua foga rivoluzionaria, dopo aver patito oltre sei mesi di carcere nella fortezza di Alessandria per connivenza nella sommossa di Massa Carrara. Nel 1859 con lo scoppio della seconda guerra di indipendenza si arruolò come tenente nei Cacciatori delle Alpi di Garibaldi accanto al fratello Narciso, che venne ferito, partecipando valorosamente a tutta la campagna e alla riconsegna della Rocca d’Anfo del 29 gennaio 1860 da parte della guarnigione austriaca.

Nel 1860 non fu tra i Mille di Garibaldi che sbarcarono a Marsala, ma solo perché Cosenz, ormai generale, lo volle con sé come capitano nella seconda spedizione che stava preparando. Combatté da eroe nella battaglia di Milazzo dove lo stesso Cosenz si congratulò abbracciandolo e promettendogli promozione e medaglia. Si distinse anche in modo particolare per un’azione piratesca nel catturare, con alcuni compagni, due vapori borbonici nel porto di Messina non ancora liberata. Per queste azioni e per altro ebbe promozione e medaglia. La prima alla vigilia della morte e la seconda alla memoria anche per il comportamento tenuto a Castel Morrone dove morì combattendo il 1º ottobre 1860. Le sue spoglie mortali vennero custodite per 40 anni da Matteo Renato Imbriani nella sua casa, per poi essere consegnate il 27 settembre 1921 alla città di Trento[1].

L’episodio della sua morte verrà riprodotto nel 1885 dal pittore casertano Luigi Toro, anch’egli partecipante alla battaglia del Volturno, in una grande tela ad olio (sei metri per quattro) denominata La morte di Pilade Brozetti a Castel Morrone.

Onorificenze
Medaglia d’Oro al Valor Militare – nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d’Oro al Valor Militare
«Maggiore Bersaglieri 1º battaglione bersaglieri
Per essersi distinto nei combattimenti di Milazzo e Solano 20 luglio e 22 agosto ed a Castel Morrone ove rimase estinto.[2]»

(tratto dalla pagina wikipedica italiana)

Referendum per la Riforma Costituzionale: il 4 dicembre vota NO – Scarica il GIF di Rosebud e diffondilo…

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Most Read Today – Più letti nelle 24 ore…

Attività editoriali per scrittori e autori

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: