Breaking News

Il 4 dicembre votiamo NO e difendiamo la Costituzione – Patrioti italiani (16) – LA LEVA DEI RAGAZZI SARDI DEL 1899, la Brigata Sassari e DIMONIUS.

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita, il posto che vi teniamo, i nostri rapporti con gli altri uomini. Ha cultura chi ha coscienza di sé e del tutto, chi sente la relazione con tutti gli altri esseri.
(Antonio Gramsci)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Date vite ci insegnano, tra le altre cose, che c’é solo un dato grado di disperazione che si può raggiungere e che, sull’altro versante, c’é solo un dato grado di felicità materiale che si può ottenere, dopo siamo soli con noi stessi. (Rina Brundu)

reparto-della-brigata-sassari-in-trincea

Davanti a questi signori, che sono di altra specie, ci si inchina e su tu non lo hai ancora capito NON dovresti essere qui…

Durante la prima guerra mondiale, ragazzi del ’99 era la denominazione data ai coscritti negli elenchi di leva che nel 1917 compivano diciotto anni e che pertanto potevano essere impiegati sul campo di battaglia.

Storia

Furono precettati quando non avevano ancora compiuto diciotto anni. I primi contingenti, 80.000 circa, furono chiamati nei primi quattro mesi del 1917, e frettolosamente istruiti, vennero inquadrati in battaglioni di Milizia Territoriale. Alla fine di maggio furono chiamati altri 180.000 ed altri ancora, ma in minor numero, nel mese di luglio. Ma i primi ragazzi del ’99 furono inviati al fronte solo nel novembre del 1917, nei giorni successivi alla battaglia di Caporetto. Il loro apporto, unito all’esperienza dei veterani, si dimostrò fondamentale per la vittoria finale.

Le giovanissime reclute appena diciottenni del ’99 sono da ricordare in quanto nella prima guerra mondiale, dopo la disfatta di Caporetto (24 ottobre 1917),[1] in un momento di gravissima crisi per il Paese e per il Regio Esercito, rinsaldarono le file sul Piave, del Grappa e del Montello, permettendo all’Italia la riscossa nel ’18 a un anno esatto da Caporetto con la battaglia di Vittorio Veneto e quindi la firma dell’armistizio di Villa Giusti da parte dell’Impero austro-ungarico. A partire dal primo dopoguerra, il termine “ragazzi del ’99” si radicò ampiamente nella storiografia e nella pubblicistica italiana da entrare nell’uso comune per riferirsi a tutti i militari nati nel 1899.

Riconoscimenti
Non esistono dati certi sui soldati caduti sul campo di battaglia o decorati, ma il ricordo di questi giovanissimi combattenti sopravvive nella memoria popolare: a Nervesa della Battaglia un’osteria era intitolata ai ragazzi del ’99 e vi è anche un piccolo quartiere di Santa Croce del Montello definito “città dei ragazzi del ’99”. Via “ragazzi del ’99”, testimonia a Milano la targa affissa sul muro di un edificio sul lato orientale di piazza San Fedele dietro Palazzo Marino, a un passo dalla Galleria, a Gorizia è stato dedicato ai “ragazzi del ’99” un viadotto.

In molte città italiane vi sono inoltre vie o piazze dedicate alla loro memoria.

Ai ragazzi del ’99 si riferiscono numerosi canti nati dopo Caporetto tra i giovani del fronte ed ancora oggi conosciuti.

«Novantanove, m’han chiamato.
m’han chiamato m’han chiamato a militar. e sul fronte m’han mandato. m’han mandato m’han mandato a sparar.
Combattendo tra le bombe. ad un tratto ad un tratto mi fermò. una palla luccicante. nel mio petto nel mio petto penetrò.
Quattro amici lì vicino. mi portaron mi portaron all’ospedal. ed il medico mi disse. non c’è nulla non c’è nulla da sperar.
Croce Rossa Croce Rossa. per favore, per piacer, per carità. date un bacio alla mia mamma. e alla bandiera, alla bandiera tricolor. date un bacio alla mia mamma. e la bandierà tricolor trionferà, trionferà. »

Nel 1999 le Poste Italiane hanno dedicato un francobollo per il centenario dei “ragazzi del ’99”.

Il “ragazzo del ’99” più longevo fu Alberto Agazzi, nato a Piacenza il 30 gennaio 1899, che morì a 108 anni ad Alseno il 13 aprile 2007[2].

Encomio
I Ragazzi del ’99 ebbero il seguente Encomio dell’Esercito (come Ordine del Giorno dell’Esercito da diramare fino ai Comandi di Plotone) da parte del Comando supremo militare italiano del Regio Esercito Italiano (citato sul Bollettino Militare del 22 novembre 1917):

« I giovani soldati della Classe 1899 hanno avuto il battesimo del fuoco. Il loro contegno è stato magnifico e sul fiume che in questo momento sbarra al nemico le vie della Patria, in un superbo contrattacco, unito il loro ardente entusiasmo all’esperienza dei compagni più anziani, hanno trionfato. Alcuni battaglioni austriaci che avevano osato varcare il Piave sono stati annientati: 1.200 prigionieri catturati, alcuni cannoni presi dal nemico sono stati riconquistati e riportati sulle posizioni che i corpi degli artiglieri, eroicamente caduti in una disperata difesa, segnavano ancora.
In quest’ora, suprema di dovere e di onore nella quale le armate con fede salda e cuore sicuro arginano sul fiume e sui monti l’ira nemica, facendo echeggiare quel grido “Viva l’Italia” che è sempre stato squillo di vittoria, io voglio che l’Esercito sappia che i nostri giovani fratelli della Classe 1899 hanno mostrato d’essere degni del retaggio di gloria che su loro discende
Zona di guerra, 18 novembre 1917 – Il Capo di S.M. dell’Esercito A. Diaz »
Con Circolare nº 639 dell’8 novembre 1923, pubblicata sul Giornale Militare Ufficiale – Dispensa nº 51 del 9 novembre 1923 a Pag. nº 1468, l’Encomio dell’Esercito si commutò in una Medaglia o Croce al Valor Militare.

Cittadinanze onorarie
I Comuni di:

Bassano del Grappa;
Fossalta di Piave (con Deliberazione Consiliare nº 68 del 20 settembre 1981);
Mede (con Deliberazione della Giunta Comunale nº 208 dell’8 ottobre 2007);
Moriago della Battaglia;
Nervesa della Battaglia (il 3 maggio 1959 in occasione del 1º Raduno Nazionale);
Treviso (con Deliberazione del Consiglio Comunale del 1º novembre 1958);
Vittorio Veneto (con Deliberazione del Consiglio Comunale nº 81 del 30 giugno 1968);
hanno nel corso degli anni tributato la cittadinanza onoraria ai Ragazzi del ’99.

Comune di Fossalta di Piave

Diploma di Cittadino Onorario del Comune di Fossalta di Piave per i “Ragazzi del ’99”
Nel 1981 i “Ragazzi del ’99” tennero a Fossalta di Piave un raduno nazionale, tornando nei luoghi di battaglia 65 anni dopo ed inaugurarono un “cippo” sull’Argine Regio, dove più violenti furono i combattimenti. Sempre sull’Argine Regio eressero un “Monumento Battistero”, quale segno perenne di pace, di riconciliazione e di fratellanza.

Per l’occasione il Comune di Fossalta di Piave, con Deliberazione Consiliare nº 68 del 20 settembre 1981, nominò tutti i “Ragazzi del ’99” suoi Cittadini Onorari, ad ogni effetto di legge, con la seguente motivazione: “grato e riconoscente ai “ragazzi” del ’99 che nel 1917 e nel 1918 sbarrarono al nemico le vie della Patria”.

“”I Ragazzi del ’99” Associazione Nazionale fra combattenti della Classe 1899 nella Guerra 1915-1918″ il 24 maggio 1982 per l’occasione predispose un Diploma d’Onore per tale conferimento di Cittadinanza Onoraria.

Domenica 23 giugno 1983 fu inaugurato il “Monumento Battistero” e promossa l’annuale “Giornata della Pace” realizzata dal Comune di Fossalta di Piave.

L’Associazione Nazionale “I Ragazzi del ’99”
Associazione Nazionale
“I Ragazzi del ’99”
Abbreviazione I Ragazzi del ’99
Tipo Associazione Combattentistica e d’Arma
Fondazione 1921
Sede centrale Italia Roma
Lingua ufficiale Italiana
Motto “Tutti eroi! O il Piave o tutti accoppati!”

Al termine della Prima guerra mondiale, un gruppo di reduci della classe del 1899, decise di dar vita ad un proprio sodalizio, con il compito di onorare e di custodire la memoria dei ragazzi del ’99. Nonostante la contrarietà di alcuni che ritenevano necessaria la confluenza in un’unica grande associazione di reduci, la prima Sezione fu aperta e costituita nel 1921. Il nome scelto fu “”I Ragazzi del ’99” Associazione Nazionale fra combattenti della Classe 1899 nella Guerra 1915-1918″, utilizzando per simbolo la riproduzione dipinta della celebre casa sbrecciata di Sant’Andrea di Barbarana di San Biagio di Callalta (TV) con il testo “Tutti eroi! O il Piave o tutti accoppati!”.

L’Associazione è tuttora oggi presente in alcune città come Bassano del Grappa, Roma, Milano, Brescia e Novara dove continua nell’opera di custodia e di raccolta dei figli e nipoti dei celebri ragazzi del ’99, partecipando alle cerimonie ufficiali. La Presidenza Nazionale è oggi affidata a Benito Panariti. Come altre associazioni combattentistiche e d’arma l’Associazione Nazionale “I Ragazzi del ’99” è collocata sotto il controllo del Ministero della Difesa[3].

Celebri Ragazzi del ’99
Maceo Casadei
Vincenzo Rabito

L’inno della Brigata Sassari, altrimenti nota come Dimonios (Diavoli), è una marcia militare italiana, cantata in lingua sarda nella sua variante logudorese.

Il testo è stato scritto nel 1994 dal capitano Luciano Sechi, del 45º Reggimento “Reggio”, così come la musica,[1] poi armonizzata e arrangiata dalla banda della Brigata Sassari.[2]

« Dimonios

China su fronte
si ses sezzidu pesa!
ch’es passende
sa Brigata tattaresa
boh! boh!
e cun sa manu sinna
sa mezzus gioventude
de Saldigna

Semus istiga
de cudd’antica zente
ch’à s’innimigu
frimmaiat su coro
boh! boh!
es nostra oe s’insigna
pro s’onore de s’Italia
e de Saldigna

Dae sa trincea
finas’ a sa Croazia
sos “Tattarinos”
han’iscrittu s’istoria
boh! boh!
sighimos cuss’olmina
onorende cudd’erenzia
tattarina

Ruiu su coro
e s’animu che lizzu
cussos colores
adornant s’istendarde
boh! boh!
e fortes che nuraghe
a s’attenta pro mantenere
sa paghe

Sa fide nostra
no la pagat dinari
ajò! dimonios!
avanti forza paris. »

« Diavoli

Abbassa la fronte
se sei seduto, alzati!
ché sta passando
la Brigata “Sassari”
boh! boh!
e con la mano saluta
la miglior gioventù
di Sardegna

Siamo la stirpe
di quell’antica gente
che al nemico
fermava il cuore
boh! boh!
Oggi sono nostre le loro insegne
per l’onore dell’Italia
e di Sardegna

Dalla trincea
fino alla Croazia
i “sassarini”
hanno scritto la storia
boh! boh!
seguiamo le loro orme
onorando quell’eredità
sassarina

Rosso il cuore
l’animo come il giglio,
questi colori
adornano il nostro stendardo
boh! boh!
e forti come i nuraghi
all’erta per mantenere
la pace

La nostra fedeltà
non c’è denaro che la paga
andiamo! Diavoli!
avanti, Forza Insieme! »

(dati tratti dalle rispettive pagine wikipedica, foto dagli archivi della Brigata Sassari online)

Referendum per la Riforma Costituzionale: il 4 dicembre vota NO – Scarica il GIF di Rosebud e diffondilo…

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Most Read Today – Più letti nelle 24 ore…

Attività editoriali per scrittori e autori

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: