Breaking News

RAI – Il disastro nel disastro (15) – Federico Rampini e le curiose cogitazioni sui sondaggi al TG1, o dell’esempio plastico?

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Filosofia significa, in verità, essere in cammino. Le interrogazioni e le domande sono per essa più essenziali delle risposte, e ogni risposta viene nuovamente e continuamente rimessa in questione.
(Karl Jaspers)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

La ragione è l’illusione dello spirito di essere arrivato. (Rina Brundu)

femm3Il TG1* stasera ha chiesto a Federico Rampini (Repubblica), di spiegare perché i sondaggisti americani avessero fallito a proposito dell’exploit di Trump. Rampini ha risposto pronto: “C’è uno scollegamento tra l’establishment mediatico, istituzionale che non capisce più le esigenze del popolo, da qui anche il fallimento dei sondaggi”. Questo era il “gist” del discorso più allungato e forbito, insomma.

Con tutta la buona volontà (tecnica e operativa) di questo mondo non riesco a capire il senso di questa sorta di cogitazione mandata su scala nazionale: in che modo un detachment di visione (ma anche di gap di interesse reciproco tra due mondi, qualunque essi siano) può esercitare una sua influenza su un elemento operativo quale è il sondaggio? Sta dicendo Rampini che tali interrogazioni riflettono meramente una opinione dell’establishment, sono un mero esercizio intellettuale? Se fosse così non sarebbero sondaggi fatti sul campo, ma altra roba, e si spiegherebbe perfettamente il perché non funzionano (e, d’altro canto, non è neppure plausibile o credibile un ammutinamento-di-classe, i.e. un ammutinamento generale dei possibili-intervistati in 50 stati per nascondere le loro intenzioni di voto al suddetto establishment, anche perché i sostenitori di Trump sono tutto tranne che timidi!).

O forse si tratta solo di un caso di un Rampini che è sembrato esempio plastico dello “scollegamento” di cui sopra, specie nel suo ruolo di pedina-mediatica incapace di cogitazioni più “impegnate” in senso sartriano? Il dubbio, lo confesso, mi assilla, così come quest’altro: ma se non ha risolto perché lo hanno intervistato con i nostri soldi? Ah saperlo!

*A scanso di equivoci vorrei precisare che si sono visti i primi dieci minuti del telegiornale nella piena certezza che si sarebbe parlato di Trump. E così è stato, poi il faccione dell’editore di riferimento è subito comparso nel background per le congratulazioni con il nuovo presidente USA, e quello è stato pure l’ultimo secondo di tg RAI visto: sic!

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Attività editoriali per scrittori e autori

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: