Breaking News

SEGNALI DI FUMO

INDEPENDENCE DAY 4 DICEMBRE 2016. Grazie Italia per avere salvato la nostra Costituzione. Grazie.

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perchè l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti.
(Charlie Chaplin)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

È riuscito a rompere il cazzo anche con il discorso di dimissioni più lungo della storia, ma infine si è tolto dai coglioni. Si è tolto? Più che un aforisma un dubbio atroce. (Rina Brundu)

Tommaso Mondelli

indianidi Tommaso Mondelli. Eravamo già alla soglia dell'anno 1940, in Europa era iniziata, da almeno sei mesi, una strana guerra ed io in quei giorni ero sui Monti della Luna, uno dei probabili fronti, e avevo il compito di tenere sott'occhio ciò che sarebbe potuto succedere oltre frontiera, lungo un fronte di circa cinque chilometri, per osservare se avvenissero, e in quali densità e caratteristiche, movimenti di truppe al di là del confine.  Di solito, nulla era avvertibile, poiché eventuali manovre sarebbero potute avvenire al coperto, in quanto, tutto era trincerato nel fronte opposto. Accadeva a febbraio, ero addetto al servizio informazioni (SI) e ne dovevo percorrere un tratto di circa sette chilometri, con gli sci ai piedi.

     Di mattina partivo dalle casermette, dove alloggiavo, nei pressi del lago Tana e in salita, fino alla base di Cima Fournier, e al lago Gignoux, o dei sette colori, che in quella stagione era bianco come tutto il resto del territorio. Svoltando verso Nord iniziavo il mio percorso, spesso accompagnato da due o tre militari della Guardia di Frontiera.

Dopo aver percorso un buon tratto, senza scorgere nulla di nuovo sul lato opposto della cresta in quell’ampio letto di neve, fu possibile notare a breve distanza la presenza di tre uomini in divisa militare e in movimento.

    Come se avessimo fissato un appuntamento, mentre proseguivamo lungo la parte centrale del confine all’altezza di un cippo notammo, dalla parte opposta, i loro spostamenti verso Nord, per poi accostare sempre più verso il confine. Erano dotati, come noi, di armi leggere e, come noi, con un tranquillo andare.

    Noi eravamo dichiaratamente non belligeranti, ma già schierati e quindi un incidente di frontiera non sarebbe stato utile a nessuno. In certe situazioni non si sa mai cosa possa accadere e, man mano che i due gruppi proseguivano e più ci si avvicinava, maggiore era la sensazione che ci sarebbe potuto essere un incontro proprio all’altezza di quel cippo, dove poi effettivamente avvenne, attraverso un amichevole saluto da parte loro, che noi ricambiammo con altrettanta cordialità. Sedemmo vicini, annullando così la striscia teorica di confine, ed iniziammo a chiacchierare, con un scambio di sigarette tra Gauloises e Popolari.  Come i pellerossa con il calumet della pace!

Prima volgemmo il pensiero al tempo e poi alla situazione internazionale. La Francia era ufficialmente in stato di guerra contro la Germania, ma ci si voleva augurare, stando così le cose, che il tutto sarebbe potuto sfociare in un accordo pacifico e definitivo. Uno dei tre, un ragazzo molto giovane che non  riusciva a nascondere il proprio nervosismo, sosteneva che Hitler era un filibustiere e non tutti lo avevano capito e, aggiunse, il mondo sarebbe stato da lui catapultato in una tragica situazione. A noi era sembrato un po’ esaltato, ma i fatti dimostrarono che aveva  ragione. Non volle parlare di Léon Blum, il coniglio che governava il suo paese con Pierre Laval, e della sua resa verso Hitler nei precedenti convegni internazionali.

     La conversazione finì con un augurio e una stretta di mano.  Al mio Comando non segnalai nulla, non avendo avuto la sensazione che si trattasse di nuove truppe. La Francia si era posta in una situazione di difesa e non di offesa.

     Si era così conclusa una giornata diversa dalle solite, quasi un incontro ravvicinato del terzo tipo, sotto un sole che ci faceva immaginare di trascorrere settimane bianche sulla neve.

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Attività editoriali per scrittori e autori

1 Comment on SEGNALI DI FUMO

  1. grazie per la pubblicazione, soprattutto da parte di Tommaso Mondelli, oltre che mia.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: