Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (296) – Al lupo, al lupo: sul perché la strategia della “paura” non imbroglia più nessuno, il dibattito Scalfari-Di Battista docet!

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

“M”? Aldo Grasso ha scritto che il titolo del programma sperimentale“M” del Michele Santoro schiacciato verso Rignano, sia stato ispirato dal Fritz Lang del mostro di Dusseldorf. Curioso! Io di primo acchitto ho pensato alla Teoria M di Ed Witten che non ha mai chiarito in pieno il significato della consonante, ma poi ho cambiato idea: un renzista che si occupa di mondo subatomico senza tornaconto? No, “schiacciato” per “schiacciata”, è molto più probabile che la “M” stia per la terza inevitabile opzione! (Rina Brundu)

Rina Brundu

carl_larsson_-_little_red_riding_hood_1881di Rina Brundu. Dopo il grande fallimento comunicazionale della kermesse-La Leopolda, sembrerebbe che il team di advisors renzisti abbia esaurito tutte le cartucce! Sondaggi politici e referendari alla mano non sanno davvero più che pesci prendere, a che santo votarsi, insomma. Ecco allora che si giocano l’ultima carta (di nuovo!): detto fatto, prendono il telefono in mano e chiamano i direttori dei loro giornali (quasi tutti): bisogna battere sul tema del “dopo”, del vuoto che verrà, dell’ecatombe che distruggerà il paese senza di noi, scrivere, scrivete, scriviamo, si scribacchi ma che il messaggio passi! E i direttori, ubbidienti e muti, naturalmente, eseguono.

Fermo restando che con un Premier non-eletto che parla a nome dei suoi inesistenti elettori, che con una signorina di buona famiglia (peraltro invischiata nello schifiltoso e mai risolto caso Banca Etruria) che insieme ad un altro signore “impegnato” in numerosi processi, sfibra e violenta la Costituzione dei Padri, con un debito pubblico alle stelle, con un servizio informativo asservito come non si vedeva dai tempi del Duce, io ho serie difficoltà ad immaginare “un’ecatombe” amministrativa peggiore di quella presente… è pure indubbio che questa storiella dell’al lupo al lupo!, usata dalla casta renzista per pararsi il culo, non solo non ha più senso, non impensierisce più nessuno, ma è diventava finanche fastidiosa e insultante.

Senza perderci troppo nelle usate chiacchiere e circomlocuzioni anelanti al sartrismo de noartri – a queste ci pensano gli articoli di editorialisti più trendy (si fa per dire:)), – per tutti basti ricordare l’epocale momento televisivo della scorsa settimana nel quale l’Eugenio Scalfari renzista le ha prese di santa ragione da Alessandro Di Battista (M5S). E come gliele ha suonate quel giovanotto? Semplicemente, sedendosi al tavolino e interpretando il ruolo della persona normale, del cittadino italiano normale, del miglior cittadino possibile. Insomma, della persona educata quando si trova in casa d’altri, della persona qualunque rispettosa dell’età del suo avversario anche quando quest’ultimo offende e spara cazzate, della persona capace e cosciente dell’altrui storia e dell’altrui percorso intellettuale.

E dunque di questo che secondo gli spin-doctors renzisti dovremmo avere paura? Dovremmo avere paura della nostra normalità? Che ci manchino le usate trame intessute nell’ultimo mezzo secolo da giornalisti scaltri alla Scalfari e da politicanti nullafacenti alla Renzi? Al lupo al lupo? Come no! Diceva Cappuccetto Rosso, che non era cogliona, “E che faccia tosta che avete, nonnetti… forse per…”. Be’ lasciamo perdere, letteratura erotica per letteratura erotica meglio i diari Siffredi-Moana*. Sic!

*Tranquilli, inutile cercare su Amazon, me li sono inventati! In compenso ci sono quelli veri Boschi-Verdini e sono di “facile” lettura in forma di Costituzione rivista…. Enjoy!

epicfail

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

info@ipaziabooks.com

1 Comment on Quello che il renzismo non dice (296) – Al lupo, al lupo: sul perché la strategia della “paura” non imbroglia più nessuno, il dibattito Scalfari-Di Battista docet!

  1. Orgogliosamente italiaNO

    Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: