Breaking News

Quello che il renzismo non dice (289) – Sull’attacco renzista all’ex isola-felice informazionale La7: Crozza, resisti almeno tu! E sulle “lodi” di Andrea Scanzi a Eugenio Scalfari.

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

La più grande vendetta è la felicità: niente manda in bestia le persone più che vederti fare una fottuta bella risata.
(Chuck Palahniuk)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

La ragione è l’illusione dello spirito di essere arrivato. (Rina Brundu)

Rina Brundu

riformenodi Rina Brundu. Sono tempi difficili, tempi in cui anche gli augusti e “distaccati” sudditi di Sua Maestà Britannica, dimenticando le glorie imperiali, le stanno pensando tutte pur di rientrare in Europa dalla finestra e non importa che lo facciano con la coda tra le gambe. Sono tempi in cui, se non fosse che è davvero arrivato il tempo per avere un sedere femminile poggiato sullo scranno più potente del pianeta, ci si augurerebbe senza troppe ipocrisie di vedere Donald Trump al potere, tanto che differenza potrà mai fare, oltre il solito stracciarsi le vesti dei potentati “liberal”, poteri-forti con i guanti di velluto?

E che dire dell’Italietta proviciale “caught between a rock and a crazy place”, ovvero tra i problemi e i terremoti di ieri, di oggi e di sempre e la corsa pazza e dittatoriale del ducetto e di Claretta per ottenere l’improbabile risultato desiato al Referendum? L’altra notte, a tarda notte, questo signore non-eletto imperversava finanche tra le “ultime notizie” dei telegiornali RAI, mi è parso in verità su tutte e tre le Reti principali, in perfetta solitudine, senza interlocutore, senza che nessuno muovesse un dito per gridare allo scandalo. Non c’é quindi che da plaudire a quei pochi personaggi, come questo magistrato di cui alla featured image, che trovano il coraggio per venirne fuori a dire ciò che dovrebbe essere detto: ovvero che minare la nostra Costituzione nel modo in cui è stato proposto, con il rischio di consegnare il potere nelle mani di personaggi come Matteo Renzi è davvero  un lusso che un Paese troppo piccolo come il nostro – per certi versi anche anelante al suo destino di feudo – non si può davvero permettere.

berlu2Per tutti basti raccontare l’attuale epopea informazionale dell’ex isola-felice La7: dopo gli attacchi della corte renzista sono giorni ormai che i membri di quella stessa corte si sono trasferiti nelle trasmessioni politiche del canale di Cairo. I renzisti hanno insomma capito che gli italiani si erano rifuggiati colà e hanno deciso di abbattere le mura di quel fortino; non hanno capito però che la ragione della fuga da tutte le altre reti – specie quelle oKKupate della RAI – è dovuta al fatto che Renzi e i suoi falchi non vogliono vederli manco dipinti. E Cairo che fa? Penso che sia importante saperlo, che sia importante sapere se dobbiamo considerare di muovere in altro loco, magari un luogo ancora Sconosciuto a questi personaggi. La speranza è che almeno Maurizio Crozza, stasera, riesca a resistere e a continuare a cazziare il renzismo come sempre ha fatto, senza farsi intimorire.

E sempre a proposito di questi discorsi di continuata “devozione” al potentato di turno, cosa dobbiamo dire di quell’Andrea Scanzi – gagliardo e bravo giornalista de IL FATTO QUOTIDIANO – a cui avevamo sempre dato credito di una data capacità di critica e di un dato coraggio, che oggi si è invece accodato al resto dell’establishment mediatico e ha prodotto un editoriale mellifluo e scaltro (vedi terzo screenshot) nei confronti dell’incommentabile Eugenio Scalfari che ieri sera ha “sfidato” lo straordinario Di Battista ad ardua tenzone dalla Gruber? Caro Scanzi, capisco che tra i tuoi sogni ci possa essere quello di diventare un giorno direttore di Repubblica ma proprio per questo dovresti raccontare la verità senza cincischiarci intorno. Non vedo nulla di male nel dire che ieri sera Scalfari ha fatto semplicemente cagare (ed è stato anche offensivo nei confronti dei pentastellati, non viceversa!): inoltre, dovresti dargli un qualche credito, perché se lui è davvero lo spirito intelligente e capace che tu ritieni non potrà che darti ragione… altrimenti, il programma lo hanno visto tutti e che tu, insieme al resto della corte mediatica, lo dica oppure no non cambia di una virgola il risultato: i telespettatori di La7 non sono minchioni e questo bisognerebbe capirlo!

Il discorso vale naturalmente anche per gli attacchi renzisti, ma quelli, si sa, sono come le ciliegie: uno tira l’altro, a prescindere!

scanzi3

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Most Read Today – Più letti nelle 24 ore…

Attività editoriali per scrittori e autori

4 Comments on Quello che il renzismo non dice (289) – Sull’attacco renzista all’ex isola-felice informazionale La7: Crozza, resisti almeno tu! E sulle “lodi” di Andrea Scanzi a Eugenio Scalfari.

  1. attilio cece // 5 November 2016 at 10:39 // Reply

    povero vecchio…….. mi ha fatto pena

    Like

  2. Il duello era impari, Priamo è andato a combattere al posto di Ettore. Ma in modo meno evidente si è assistito alla stessa cosa tra Renzi e Zagrebelski. La visone del mondo a partire di una certa età cambia, o più esattamente rimane ferma e inadeguata ai tempi. Il si/no con Mentana ierisera era equilibrato anche se non riesco a capire le ragioni del no. Anche ora ho trovato nella cassetta delle lettere un volantino in 5 punti da un comitato del NO (www.iovotono.it) di nessun valore: persino io sono in grado di ribaltare le loro deduzioni. Il grave è che una larga maggioranza di cittadini non ha materialmente non tanto le conoscenze e le esperienze necessarie quanto le rectas ideas di base. Purtroppo temo che noi Italiani faremo concorrenza agli Inglesi della Brexit, con gli stessi successivi pentimenti.

    Like

    • Hai ragione che era impari la lotta: non mi risulta che Di Battista abbia diretto un giornale per una vita!
      E sicuramente conosco tanti anziani più anziani di Scalfari e più capaci.
      Mio zio a 100 anni era più lucido di lui senz’altro.
      Senza dimenticare che se uno non si sente adatto dovrebbe evitare di presentarsi in tv. Io non lo farei mai perché non ritengo che i miei skills siano li.
      Tempo fa fui invitata a delle trasmissimoni radio dissi di no perché ritengo che la mia capacità di critica io posso esercitarla al meglio solo pensando prima e poi scrivendo….
      Perché non pensiamo prima tutti?
      E poi io non parlerei per tutti… i giovani di oggi sono in generali molto più knowledgeable degli adulti per enne motivi… e dunque dati discorsi non reggono più
      ciao

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: