Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Diario di bordo (20) – Cinque anni di dot com. E sulle università.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

A un certo punto – durante il suo intervento in aula – ho temuto che Renato Brunetta stesse per scoppiare a piangere: il vincolo partitico non è acqua e benché Maurizio Lupi fosse ministro del cattivo governo renzista, vederlo abbandonare la poltrona in pelle umana non deve essere stato un momento facile, né per lui né per molti altri forzisti. Non deve essere stato un momento facile per nessun rappresentante della casta politica, mentre – con esclusione dell’intervento di Alessandro Di Battista del M5S – la giornata parlamentare si è risolta in una sommatoria di dichiarazioni meste quando non tristi o profondamente partecipi, addolorate. Funebri quasi. Inoltre pareva di sentirlo nell’aria il pensiero che tutti andavano facendo, ma che nessuno aveva sufficiente coraggio per esternare: dimetterti? No, va-là Maurizio… dovevi resistere, resistere, resistere! 

Tratto dal Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu.

Per l’E-Book clicca qui.

autumn10di Rina Brundu. Non ricordo esattamente da quanto tempo vivo online, la data più probabile è il 1997. Sicuramente costruivo piccoli siti dedicati alla scrittura molto prima dell’uscita nel 2003 del mio primo libro (Tana di Volpe, Flaccovio Editore). Poi fino al 2007-2008 circa fu il tempo del sito di Terza Pagina a cui parteciparono centinaia di autori. Questo blog è nato nel 2010, ma solo il primo novembre 2011 è nato l’URL rinabrundu.com.

Francamente non ho mai capito perché, cioè perché abbia atteso così tanto per crearlo. Certo è che in questi cinque anni questo piccolo sito ha fatto delle cose davvero straordinarie e non ci vorrà troppo tempo prima di coprire almeno una visita da tutti i paesi del mondo (al momento le nazioni dalle quali si sono ricevute visite sono circa 173, forse qualcuna in più).

Ciò che mi meraviglia è la qualità delle “visite” ricevute e tra i tanti che potrei citare – oltre a tutti i ministeri italiani – preferisco citare le visite del CERN e del CNR. Ma a fare la parte del leone sono le università: se dovessi contare tutte le università che nel tempo hanno visitato Rosebud queste sarebbero centinaia in tutto il mondo, inclusa, incredibile a dirsi, la stessa università vaticana.

Non so perché il sito abbia tanto appeal per questi “user”, probabilmente perché contiene articoli anche straordinari, e saggi davvero validi di autori altrettanto validi, nonché un approccio sovente “pepato” alle cose. Certo è che sono molto grata per questa attenzione, sebbene forse l’unica cosa che di cui farei a meno è la visibilità che porta seco. L’ideale immagino sarebbe stato un sito di nicchia per pochi.. then again, sono questi i tempi, purtroppo! Tempi “social” per tutti anche quando se ne farebbe volentieri a meno.

Anyways, grazie a todos… cinque anni dopo.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

1 Comment on Diario di bordo (20) – Cinque anni di dot com. E sulle università.

  1. PS. Dimenticavo di aggiungere che questo 2016 è stato il migliore: sotto qualsiasi prospettiva, specialmente di maturazione intellettuale. Penso che abbiamo adesso una sorta di piattaforma dove costruire per il futuro, e magari costruire sostanza. Besos.

    Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: