Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Cosimo de Medici “Datemi un popolano italiano qualunque e con pochi bonus ne faccio un dirigente RAI renzista che manda messaggi subliminali”. E su I MEDICI (2016, RAI1)

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

i_medici_serie_tvÈ opportuno, a mio avviso, che il bravo critico, o anche quello mediamente bravo, non si perda troppo in lunghe pippe e vada subito al sodo. A questo proposito ben insegna quel noto aforisma di Marcel Achard “Ho avuto la critica più breve che sia mai stata pubblicata. Diceva “Ieri sera al teatro è stato rappresentato “Domino”. Perché?”.

Dopo avere visto i primi quindici minuti de “I MEDICI” (2016, RAI1), basti dire che io – alla stregua di un migrante disperato – ho cercato “rifugio politico” da Floris (DiMartedì, La7) e mi sono pure ascoltata i discorsi “economici” dell’incerto Ministro Padoan. Poi dopo alcuni minuti mi sono risintonizzata su Rai 1 e di nuovo mi ha ucciso la noia. Dopo un’ora ho definitivamente abbandonato lo spettacolo con un solo dubbio arcano: “Ma come fanno i programmi RAI a rendere scoglionanti anche le sceneggiature inglesi? O per caso anche gli scriptwriters stranieri Viale Mazzini li sceglie a bella posta? Ah, saperlo!

Madonna Rina Brundu Fecit, Anno Domini MMXVI

Annus renzisticus medicensus terzus (ma parente centu!)

Advertisements

info@ipaziabooks.com

1 Comment on Cosimo de Medici “Datemi un popolano italiano qualunque e con pochi bonus ne faccio un dirigente RAI renzista che manda messaggi subliminali”. E su I MEDICI (2016, RAI1)

  1. Per Andrea, se per caso passi di qui.
    Quando avrai capito pienamente che cosa hanno fatto i luogotenenti renzisti in RAI con questo programma, capirai per davvero la pericolosità del signore che li governa a bacchetta.
    E quel signore non è Cosimo de Medici, purtroppo, sulla cui famiglia, sulla cui storia, sulla nostra storia più degna oggi l’Italia ha sputato.
    E, naturalmente, gli scriptwriters inglesi non c’entrano niente, per una volta neppure le nostre velleità artistiche scornate.

    Ciao

    Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: