Breaking News

Faccia di… (2) – TUTTI I REAZIONARI SONO STUPIDI: SOLLEVANO MASSI PER FARSELI CADERE SUI PIEDI

INDEPENDENCE DAY 4 DICEMBRE 2016. Grazie Italia per avere salvato la nostra Costituzione. Grazie.

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perchè l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti.
(Charlie Chaplin)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

È riuscito a rompere il cazzo anche con il discorso di dimissioni più lungo della storia, ma infine si è tolto dai coglioni. Si è tolto? Più che un aforisma un dubbio atroce. (Rina Brundu)

Roberto Renzetti

quattro-dicembre... nel titolo parlavo di uno sciocco sbruffone di Firenze.

di Roberto Renzetti. 

STA BENE COSI’

Ora Roma è passata ai 5 stelle, dopo che era stata di Marino. Ma Marino era innocente ed allora?
Fermo restando che Marino è innocente in nessun caso auspicherei un suo ritorno a sindaco di Roma. E non per lui ma per la banda del PD che avrebbe preso possesso ancora della città.
Inutile ormai nascondersi dietro un dito. Roma è stata la mangiatoia del PD (anche di ciò che c’era prima) da Rutelli, a Veltroni agli impresentabili della giunta Marino. della parentesi del fascista Alemanno non parlo perché i discepoli sanno fare sempre meno e peggio dei maestri piddini.
E perché parlo della giunta Marino come colpevole, collusa, quantomeno servile e strisciante per intessi incoffessabili? Perché il ducetto Renzi ha ordinato e loro hanno in modo pecoreccio ubbidito.

E come potevano degli incapaci (avete presente Esposito?), privi di ogni mestiere, al massimo avvocaticchi, rinunciare ad un posto sicuro, ad una mangiatoia infinita, dove sistemare mignotte varie, gigolò, amici, parenti, amici degli amici? Poi Renzi li avrebbe puniti non mettendoli o non facendoli mettere in lista da nessuna parte. La fine! Ed allora, come pecore prive di cervello ma con portafogli gonfi di nostri soldi sono andati da notaio, distruggendo con un atto amministrativo ciò che i romani avevano fatto con il loro voto.
Diciamoci però la verità. I piddini romani, tra cui spicca il nanetto Orfini, ormai sapevano di essere del tutto impresentabili dovunque e comunque, e tra poco parlerò della mia esperienza. In tale situazione come perdere il malloppo del comune? Presentando alla carica di sindaco una persona pulita, un chirurgo, un estraneo a tutte le beghe, cordate e schifosaggini romane (vero Orfini?), uno come Marino. Poi Marino ha mostrato di non essere un burattino e pagliaccio ed allora Renzi ha cominciato a proteggere i ladroni operanti in tutto l’apparato romano per mandarlo via. Ho una carissima amica che ha lavorato per anni in posti in responsabilità, alle dirette dipendenze di persone molto ma molto importanti. Discutendo di Marino, lei che è ora simpatizzante renziana, mi ha detto che mai il suo capo ha firmato uno scontrino e che era lei a farlo. Aggiungendo che questo è un lavoro di grande fiducia che impossibile faccia il big della situazione. Credo insomma di aver capito (resta comunque un mio forte sospetto) che l’inizio della fine sia iniziato con quegli scontrini falsi o manipolati dalla segreteria che era posta lì per controllare strettamente Marino, il marziano che non cedeva, ad esempio, ai voleri di Caltagirone. Chiunque è romano sa quale potenza di fuoco abbia questo personaggio. Non ha solo il Messaggero con giornalisti ubbidientissimi, ma vari altri giornali in Italia (ad esempio, il Mattino di Napoli dove era direttore quel simpaticone di Mario Orfeo, quello che Renzi ha imposto come Direttore del TG1 e che ha fatto una campagna indegna contro Marino sindaco). Ha in mano il 49% di ACEA Acqua ed Energia, una vera potenza economico-finanziaria e politica italiana. Ma il 51% è del Comune di Roma. Ricordo che la prima cosa che fece Marino fu sbarazzarsi del Consiglio di Amministrazione di Acea dipendente da Caltagirone per farne uno nuovo dipendente dal Comune. Basta? Ricordate la campagna del Messaggero e del TG1 contro la candidata Raggi quando in campagna elettorale disse che si doveva rendere ACEA più trasparente e dipendente dal Comune? Ricordate gli strilli per l’inventata caduta in borsa di ACEA? Ogni giorno questo Volantino di Caltagirone (il Messaggero dedica pagine e pagine contro M5S e Virginia Raggi. Sulla stessa strada vi è un ex giornale, ora carta straccia, come Repubblica dove spica una pretesa giornalista di nome Cuzzocrea.
Altri sospetti aleggiano, questa volta sulla Procura romana, soprattutto su alcuni sostituti (non certo su Pignatone). Perché su Muraro sappiamo tutto e di più (fino a prova contraria, invenzioni mescolate a fatti certi, comunque riservati) mentre su Zingaretti, implicato da Buzzi in mafia capitale, non abbiamo saputo nulla? Vi sono pressioni su qualche sostituto che ubbidisce alla grande piovra economico-finanziaria che si esprime con Renzi? Mi chiedo come mai nessuno sembra si sia reso conto che Renzi sta operando per rendere questo Paese una colonia Usa e tedesca, svendendo tutti i nostri gioielli, tra cui le nostre conquiste sindacali di almeno un secolo di lotte?
Non si deve votare più. Liberi una sola volta per dare il potere a Renzi o a qualche altro come lui per finire poi a catena. Vi siete accorti che Renzi pretende di decidere su tutto? Ha cacciato Marino ed ora interviene pesantemente su Roma e la sua giunta eletta con 770 mila voti mentre il ducetto non si è mai sottoposto ad una elezione che lo collochi in quel posto (so che la Costituzione lo permette ma in quella carta si dice anche che occorre gestire il potere con dignità ed onore. Renzi ha dignità? Ha onore?
E la sua cricca di governo? Pensate all’Ambiente con un commercialista come Galletti (lo era di Casini) che non ha detto nulla sul referendum delle trivelle ed ora si sbraccia, insieme a Casini, sul referendum della Costituzione. Pensate a Franceschini che permette l’uso dei musei, come gli Uffizi, per mostre che sfregiano anche il solo buon senso. Pensate a Delrio che è davvero un mostro di ignoranza? Pensate a Poletti che oltre allo schiaffo in testa che gli danno ogni mattina per pettinarlo ha come curriculum l’aver sfruttato per anni le cooperative in nome del suo essere comunista. Ed ormai gli emiliano romagnoli, ai quali si vanno avvicinando i toscani, emergono solo per questo. Pensate alla Giannini, un’opera vivente dell’ultimo Picasso. Una che si è fatto scrivere la più orrenda riforma della scuola da due radicali incompetenti presi dal bagaglio di Emma Bonino. E poi il guardiamarina Orlano che ci spiega la giustizia, con la Boschi estimatrice del fascista e razzista Fanfani che scrive le riforme sulla Costituzione antifascista. E poi Madia discendente diretta di avvocati di gran fama del fascismo e della massoneria (ma perché stupirsi se anche Veltroni aveva un papà che aveva grande considerazione nell’EIAR fascista?). Lasciamo gli altri per pietà cristiana (pensate cosa riesco a dire!).
Ma occorrono almeno poche parole su Napolitano. Anch’egli fascista in gioventù e sempre massone di rango. Fu proprio la sua fede massonica che gli permise di essere il primo comunista (sic!) ricevuto ufficialmente negli USA. E senza il placet degli USA mai sarebbe potuto diventare Presidente della Repubblica italiana. Costui si pose sempre alla destra del PCI e divenne il capo di una corrente chiamata migliorista (non c’entra qui il voltagabbana Migliore), corrente molto amica di Craxi e come i craxisti, unica corrente del PCI che ebbe vari arresti in mani pulite. Costui è il padre politico di Renzi che ha un contorno di massoni ed il placet di Israele. Costui lo ha nominato come terzo non eletto presidente del Consiglio dimenticando che esistono le elezioni, come il suo pupillo Renzi. Napolitano che ha vissuto per una settantina di anni come politico a 20 mila euro al mese odierne, è ora senatore a vita con stessa paga. Fa quasi pena vederlo ancora pontificare per rendere l’Italia un Paese in cui finisce la Costituzione antifascista ed inizia quella di J.P. Morgan ed amici delinquenti internazionali e nazionali.
Si potrebbe continuare ma sono sfinito con la memoria che ho ancora nonostante vada scemando. Mettere insieme tutte le delinquenze soprattutto degli ex comunisti al potere mi fa vedere una mia vita sprecata per far arricchire dei grandi figli di puttana con una vergognosa democrazia cristiana che riprende tutto il suo potere alla faccia nostra che l’abbiamo sempre combattuta.
Davanti abbiamo il Referendum ed io spero ancora in uno scatto di dignità da parte di quei comunisti come me che dal 1960 hanno lottato nelle piazze, nei giornali, nelle radio per la dignità e l’emancipazione del lavoro. E ai vecchi rincoglioniti ex PCI che ora votano Renzi vada tutto il mio disprezzo per la conversione al liberismo più sfrenato.

R

PS. La mia esperienza personale.
Dal 2002 sono Presidente del mio comitato di quartiere (Monteverde, zona Aurelia, XII Municipio di Roma). Dal 1995 ho una casa che, quando la comprai, era persa nel nulla. Una stradina portava alla casa ed intorno avevo tutte case modeste. I grandi spazi che erano intorno erano zona verde che nei piani dovevano diventare giardini. Nel 2000, nell’assoluta non conoscenza di alcuno dei residenti cambiò la destinazione e le zone verdi divennero edificabili ad alta densità abitativa (20% in più del consentito). Appena siamo venuti a sapere della scellerata scelta fatta dall’Ulivo, PDS, Margherita, PD abbiamo iniziato a fare la protesta diretta verso il nostro Municipio che storicamente è sempre stato di sinistra. Ci hanno soavemente detto che ormai era passato il tempo per opporsi al piano perché era passato il tempo utile. Noi, tutti noi, non avevamo saputo nulla e non è pensabile che uni la mattina si alzi e vada a vedere cosa approva il Municipio (più ragionevole è pensare all’affissione di manifesti nella zona interessata).
Abbiamo iniziato allora a pretendere l’applicazione degli accordi della cessione a privati delle ex aree verdi. Vi erano degli obblighi di chi costruiva relativa a costruzione di infrastrutture (viabilità, fogne, ….) obblighi che furono rispettati pagando le opere al Municipio (circa 15 milioni di euro). Questi soldi dovevano essere utilizzati per il quartiere senza toccare in alcun modo il bilancio del Comune di Roma. Abbiamo lottato per 15 anni contro i Presidenti del Municipio (successivamente: Mancini, Bellini, Maltese) anche con denunce alla Procura della Repubblica per edificazioni di piani in più rispetto a quanto previsto. Il Municipio inviava i vigili urbani a controllare, gli stessi vigili che avrebbero dovuto controllare i lavori. Naturalmente era sempre tutto in regola. Con la Maltese, vera renziana venditrice di pentole bucate, siamo arrivati anche a scontri verbali forti.
In particolare quando abbiamo chiesto la sorte dei 15 milioni di oneri pagati da chi aveva costruito ci è stato risposto che erano “finiti nel calderone” senza sapere che questa affermazione mostra una distrazione colpevole di denaro.
Come risultato finale il nostro quartiere è diventato un insieme di palazzi e palazzoni in aree verdi senza alcun servizio di urbanizzazione: strade longitudinalmente a metà asfaltate con buche e metà non asfaltate, senza illuminazione, con fogne ipotetiche, senza marciapiedi, senza servizi AMA, con un’ATAC che ha un solo autobus con partenze dal capolinea a piacere (a volte per un’ora senza autobus a cui seguono 3 autobus di fila). Ma per quel che riguarda le tasse le paghiamo come ai Parioli quartiere dove non a caso ha vinto il PD.
L’ultimo episodio era avvenuto poco prima delle ultime elezioni nelle quali la Maltese aveva pensato di mettere in lista in ogni quartiere un personaggio noto nel quartiere stesso (non interessava la sua provenienza politica). E nel mio quartiere non fui chiamato io.
Per la prima volta il Municipio era spazzato via dal Movimento 5 stelle e l’ambiziosa Maltese è stata ridotta a inutile rappresentante della minoranza (come 13 dei 15 presidenti di Municipi a Roma)
Io non conosco chi ha vinto, non so nulla dei 5 stelle della zona ma hanno vinto a man bassa. Renzi ed i renziani, le capre ed il pastore, stanno ammazzando ogni speranza che una volta si chiamava sinistra. I 5 stelle riusciranno a farci dimenticare la pessima amministrazione che serviva solo ad arricchire i supposti politici e riusciranno al più presto a realizzare anche le più piccole cose che da moltissime anni ci mancano.

Ed i 15 milioni di opere di urbanizzazione chi li ha presi?

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Attività editoriali per scrittori e autori

1 Comment on Faccia di… (2) – TUTTI I REAZIONARI SONO STUPIDI: SOLLEVANO MASSI PER FARSELI CADERE SUI PIEDI

  1. Non vorrei essere volgare.. ma si potrebbe pure dire che tutti i renzisti sono stupidi: di tanto in tanto si fidano e gli danno le spalle….

    Sic.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: