Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Tipi geniali (1) – Ernő Rubik

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

Ernő Rubik (Budapest, 13 luglio 1944) è un designer e architetto ungherese all’istituto universitario d’arte e design Moholy-Nagy Művészeti Egyetem di Budapest.

Deve principalmente la sua notorietà all’invenzione dell’omonimo cubo e di altri giochi di logica e strategia.

Biografia
Rubik nasce durante la Seconda guerra mondiale a Budapest. Suo padre era ingegnere aeronautico, sua madre poetessa. Laureatosi nel 1967 in architettura presso l’Università di Budapest (Műszaki Egyetem) inizia a studiare scultura e architettura d’interni. Dal 1971 al 1975 lavora come architetto, per poi far ritorno all’Accademia d’Arte Applicata Moholy-Nagy di Budapest assumendo la cattedra di architettura. Durante questo periodo, nel 1974, inventa il Cubo, che inizialmente si diffonde in modo limitato in alcuni circoli scientifici.

Agli inizi del 1980 diviene editore di una rivista di enigmistica dal nome “… És játék” (“… e giochi”). In questo periodo il Cubo inizia a diffondersi anche internazionalmente, dando origine ad una “mania” che spinge il rompicapo ad essere in assoluto il gioco più venduto di quel periodo, ed il suo creatore a divenire la persona più ricca del suo paese.

Nel 1983 crea il Rubik-Studio, per la progettazione di mobili e giochi. Nel 1990 diventa presidente dell’Accademia di ingegneria d’Ungheria. Nell’ambito della stessa crea la “Fondazione Rubik”, per promuovere giovani ingegneri e designer particolarmente dotati. Nel ventunesimo secolo Rubik si occupa dello sviluppo di videogiochi, di architettura e dirige ancora il Rubik-Studio.

(Tratto dalla sua pagina wikipedica italiana)

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: