Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8º. Breaking News

Alessandro di Battista a “Otto e mezzo”: “L’ambasciatore americano? Non è proconsole in Italia. Giuste le critiche della Stampa al M5S ma dovrebbero usare lo stesso metodo con Alfano, Boschi e gli ‘ndranghetisti in Parlamento. Il Corsera non ha fatto certo bella figura…”.

ROSEBUD TV – Bob Marley – Redemption Song

AFORISMI MEMORABILI E ZIBALDONE


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Attenzione la versione definitiva di questi testi uscirà solo dopo le elezioni politiche


Il caso diffamatorio su Wikipedia 

————————————————–

  • Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice (George Orwell). Clicca qui per leggere tutto
  • —————————————————-

 
CHI SARÀ IL NUOVO PREMIER ITALIANO? VOTALO QUI!

Gli stornelli del 4 marzo e dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

LEGGILI TUTTI QUI

Oppure scarica i PDF e diffondili

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

Stornelli politici per il 4 marzo 2018

———————————–

Promuoviamo una coscienza e una lotta politica civile e democratica. Liberiamo l’Italia dal renzismo, dai suoi interessi familisti, dai suoi boiardi di Stato e dai suoi scandali. Per le ultime notizie su questi argomenti, clicca qui.

boschifratello“Che ne penso dell’interferenza dell’ambasciatore americano in Italia? Penso che sia stata una ingerenza sguaiata… Si ricordino che non sono proconsoli in Italia… In Italia la sovranità appartiene al popolo. Siamo alleati non sudditi e poi… lui rappresenta davvero gli americani o gli interessi di parte, magari di JPMorgan?… (….)… Mi dica lei, Gruber, se esiste un altro paese europeo dove il Presidente del Consiglio può nominare i direttori di Rete della TV pubblica che poi nominano i direttori dei telegiornali… Quel soggetto lì (nda Renzi)… ha occupato la televisione italiana e interviene per cacciare chi non gli garba… gli italiani debbono svegliarsi e capire che la situazione è grave. Siamo in epoca di dittatura mediatica… (…)… Amministrare Roma è più difficile di fare il Premier per come è stata ridotta… noi abbiamo fatto diversi errori… anche se da oggi in poi il sindaco Raggi opererà in completa autonomia. Io sono contento se la Stampa sottolinea i nostri errori perché questo ci aiuta a crescere, ma dovrebbero usare lo stesso metodo anche con gli Alfano, i Boschi e gli ‘ndranghetisti in Parlamento…

Anche il Corriere ha strumentalizzato le dichiarazioni del Vaticano sull’amministrazione romana… è non ha fatto bella figura…..

Il voto per il NO al Referendum… è una battaglia di civiltà, una battaglia per la sovranità. Io non faccio ciò che mi conviene ma ciò che è giusto… altrimenti organizzerei un comitato per il NO e prenderei 42 milioni di rimborsi…”.

Alessandro di Battista, “Otto e mezzo” (La7), 13 settembre 2016

Advertisements

info@ipaziabooks.com