Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

RAI – Il disastro nel disastro (7) – Il caso dell’indecente parzialità sul Referendum costituzionale: perché non reagire con una class action?

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

A un certo punto – durante il suo intervento in aula – ho temuto che Renato Brunetta stesse per scoppiare a piangere: il vincolo partitico non è acqua e benché Maurizio Lupi fosse ministro del cattivo governo renzista, vederlo abbandonare la poltrona in pelle umana non deve essere stato un momento facile, né per lui né per molti altri forzisti. Non deve essere stato un momento facile per nessun rappresentante della casta politica, mentre – con esclusione dell’intervento di Alessandro Di Battista del M5S – la giornata parlamentare si è risolta in una sommatoria di dichiarazioni meste quando non tristi o profondamente partecipi, addolorate. Funebri quasi. Inoltre pareva di sentirlo nell’aria il pensiero che tutti andavano facendo, ma che nessuno aveva sufficiente coraggio per esternare: dimetterti? No, va-là Maurizio… dovevi resistere, resistere, resistere! 

Tratto dal Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu.

Per l’E-Book clicca qui.

Rina Brundu

tg3-linea-renzidi Rina Brundu. Credo che ciò che offende di più l’anima sia il doverci sentire alla stregua di cornuti e mazziati: da un lato siamo costretti a pagare l’abbonamento TV, dall’altro se anche solo per errore facciamo zapping su un canale RAI non c’é ora del giorno o della notte in cui si riesca a fuggire il viso satollo del bomba o la diseducativa campagna promozionale a favore del SI al Referendum.

Mi chiedo quindi cosa sarebbe successo se un simile pernicioso status-quo informativo fosse stato proposto negli Stati Uniti… Probabilmente tutti i responsabili a qualunque titolo si sarebbero ritrovati insieme a nutrire le ochette dei laghi del Gran Canyon dieci minuti dopo l’attuazione di un tal “programma”.

Mi chiedo anche se sia giusto che solo perché si è italiani ci si debba ritrovare costretti in un angolo, impossibilitati a protestare qualsiasi sia la marchetta politica che ci venga proposta su quei canali RAI che noi sovvenzioniamo. Dato che non si può neppure fare affidamento sulle associazioni italiane a difesa dei diritti del cittadino deputate, che ormai sembrerebbero avere da tempo staccato la spina sui controlli che occorrerebbe fare in materia di par-condicio informazionale, e fermo restando che ritengo ci siano anche delle legislazioni europee che dirimono in merito, perché non adottare le metodologie americane e pensare ad una class action sostenuta da ogni cittadino che non si ritrova rappresentato nelle marchette-di-parte-governativa della RAI e veicolata in Rete?

Io penso che questa tipologia d’azione debba essere una che parlamentari come quelli dei Cinque Stelle, ma anche di altri gruppi politici che si sentono danneggiati dallo status-quo – dovrebbero considerare e promuovere. A sostenerla dovremmo poi essere tutti noi, ovvero tutti coloro che pensano che sia nostro dovere vigilare sull’well-being di queste minime libertà fondamentali, sia pensando agli italiani che verranno sia pensando agli italiani di ieri e che magari sono morti combattendo con in mente un’Italia futura diversa.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: