Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Fisici italiani che fanno la storia della Fisica: GABRIELE VENEZIANO, alle origini della STRING THEORY (1968)

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

GabrieleVeneziano

Gabriele Veneziano, source Wikipedia, thanks to the author

Gabriele Veneziano (Firenze, 7 settembre 1942) è un fisico italiano, noto per l'introduzione in fisica delle particelle di una nuova grandezza denominata ampiezza di Veneziano.

I suoi studi sulla gravitazione quantistica, nati per spiegare le interazioni di campo e che hanno portato nel 1968 all’elaborazione della grandezza fisica a lui intitolata, hanno permesso, grazie all’ampliamento della sua idea originaria, di formulare l’ipotesi dell’esistenza di oggetti primordiali non puntiformi chiamati stringhe. Per questo motivo viene ritenuto il padre fondatore dell’omonima teoria.

Biografia
Si laurea in fisica nel 1965 presso l’Università di Firenze (direttore della tesi: Raoul Gatto). Nel 1967 consegue il dottorato in fisica presso l’Istituto Weizmann di Rehovot (Israele), dove torna come professore (cattedra speciale Amos de Shalit) nel 1972, dopo un soggiorno al MIT dapprima come post-doctoral fellow e poi come Assistant Professor.

Dal 1978 è Permanent Senior staff member presso il CERN di Ginevra, dove è stato anche direttore della divisione di fisica teorica tra il 1994 e il 1997.

A un suo lavoro del 1968 si deve la nascita dei modelli duali (Modello di Veneziano o Dual Resonance Model), dai quali traggono origine le teorie delle stringhe, una delle frontiere attuali della ricerca di una teoria unificata delle interazioni fondamentali. I suoi contributi più importanti sono nell’ambito delle teorie di campo, di quelle di stringa e dei modelli cosmologici suggeriti da queste ultime.

Scopre che la funzione Beta di Eulero, usata come un’ampiezza di scattering (Ampiezza di Veneziano), ha molte caratteristiche utili per spiegare le proprietà fisiche di particelle che interagiscono secondo le interazioni forti. Nel 1968 scopre una funzione riconducibile all’integrale di Eulero, in grado di descrivere il comportamento di quark, elettroni e fotoni, ma non adatta per le altre particelle nucleari.

Le sue ricerche più recenti sono focalizzate sullo studio del Big Bang originario e sulla elaborazione di una teoria cosmologica del tutto che possa unificare le interazioni fondamentali della materia. A tale riguardo, Veneziano ha lavorato in cosmologia di stringa ed ha sviluppato un modello del pre-Big Bang.

Attualmente ricopre la cattedra di fisica delle particelle elementari, gravitazione e cosmologia presso il College de France ed è molto attivo in vari settori della ricerca della fisica delle alte energie.

Membro dell’Accademia delle Scienze di Torino: dal 1994
Membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei: dal 1996
Membro de l’Academie des Sciences, Francia: dal 2002

«Sono idee ancora speculative, ma non è pura filosofia.[..] Con l’energia del Large Hadron Collider si potrà studiare il plasma di quark e gluoni dell’Universo primordiale; ma se fossero vere le ipotesi di questa nuova cosmologia, potremmo esplorare fenomeni cosmologici ancora più antichi. Quanto al puzzle che si complica sempre di più, è vero. Ci piacerebbe molto descrivere la natura con una sola equazione: ma se questa equazione cela una matematica così sofisticata da rendere la sua risoluzione impossibile, allora la semplicità è illusoria. »
(Gabriele Veneziano)

Onorificenze
1999 Premio Pomeranchuk, Mosca
2000 Medaglia d’oro della Repubblica Italiana come benemerito della cultura
2004 Premio Dannie Heineman della American Physical Society
2005 Premio Enrico Fermi della Società italiana di fisica
2006 Medaglia Albert Einstein
2007 Oskar Klein Medal and Memorial Lecture
2007 Commendatore al merito della Repubblica Italiana
2009 James Joyce Award, Dublino
2009 Premio Felice Pietro Chisesi e Caterina Tomassoni
2009 Medaglia Schola Physica Romana, dell’Università La Sapienza, Roma
2014 Medaglia Dirac del Centro internazionale di fisica teorica di Trieste

(Biografia tratta da Wikipedia Italia)

Advertisements

info@ipaziabooks.com

2 Comments on Fisici italiani che fanno la storia della Fisica: GABRIELE VENEZIANO, alle origini della STRING THEORY (1968)

  1. Wow. Carriera impressionante. Che ci faceva in Italia? 🙂

    Like

    • Si, era da tempo che volevo mettere questo post ma non c’ero mai riuscita… di fatto non tutti sanno che a ridare sostanziale importanza alla teoria delle stringhe e quindi a farle intraprendere il viaggio che la fara’ diventare l’attuale M-Theory di Ed Witten fu la particolare attenzione che Veneziano diede a datate equazioni come descritto qua sopra.

      Come si vede dalla lezione linkata… Veneziano non sta praticamente quasi piu’ in Italia… sta al CERN, sta in Francia, in America ma di lui in Italia se ne sente parlare poco…. come accade sempre con le persone capaci.

      In Italia purtroppo si sente parlare di un altro suo concittadino ma noi stiamo con Veneziano senza se e senza ma.
      Ciao

      Liked by 1 person

Comments are closed.

%d bloggers like this: