Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (232) – Sull’impudenza dei boiardi mediatici di Stato in fine campagna elettorale (vedi palleggio Renzi-Alfano-Orfini al TG1) e su… lo dice (non lo dice) il Corriere ma lo controllo su Il Fatto.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

ragg2

L'occhiello di oggi sul Corriere.it

Non ho dubbi nell’affermare che quella di ieri – giornata di chiusura della campagna elettorale pro ballottaggi delle Amministrative 2016 – sia stata una delle giornate più tristi del Servizio Pubblico italiano e del TG1 in particolare, o per meglio dire una delle tante giornate “più tristi”. Non c’é stata edizione dello sblob notiziabile diretto da Francesco Giorgino, dove non abbiamo dovuto assistere al “palleggio” tra il “servizio” dedicato a Renzi e quello dedicato ad Alfano in un’ideale e metaforica riproposizione “politica” della partita europea vinta per miracolo e per culo dalla nazionale guidata da Antonio Conte….

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

raggi3

E qui il completamento del lavoro in serata, sempre in virtù dell’imbecillità che si attribuisce al pubblico di lettori a priori: che schifo!

Advertisements

info@ipaziabooks.com

8 Comments on Quello che il renzismo non dice (232) – Sull’impudenza dei boiardi mediatici di Stato in fine campagna elettorale (vedi palleggio Renzi-Alfano-Orfini al TG1) e su… lo dice (non lo dice) il Corriere ma lo controllo su Il Fatto.

  1. Mi sono permesso condividerlo sul mio blog …………. ove ti dispiaccia dimmelo che lo tolgo.
    E questo tuo scritto mi porta indietro nell’era del 1993\94 che c’era in tv al grido della seconda repubblica e come bravi imitatori una cerchia di popolo italiano ………. il pescivendolo, il piccolo negoziante, l’operaio ecc ecc, nella mia città allora ha preso una barca di voti perchè si diceva in giro che avrebbe comprato la squadra e la voleva far volare in serie A ………………questo, momento infausto, l’Italiano che pensa con la propria testa per quanto possa gridare non riesce a farsi sentire …………………… isolato.

    Like

    • Nessun problema (quando ho avuto problemi ho scritto alle redazioni di riferimento), anzi ti ringrazio. Ho sempre detto che i blogger saranno gli editori “puri” del futuro e la loro importanza in Italia è ancora sottovalutata… nonostante i risultati siano sotto i loro occhi, vedi il caso M5S. Questo blog ha registrato centinaia di migliaia di visualizzazioni sugli articoli politici il che mi fa dire che basterebbero una ventina di blogger “impegnati” per contrastare al meglio la sbobba di cui sopra. E di fatto così sarà in futuro piaccia non piaccia agli spin-doctors renzisti e ai loro scribacchini genuflessi impiegati in RAI e pagati con i nostri soldi.
      Saluti.

      Like

  2. Sai Rina ………… non mi fermo all’apparenza e cerco di andare alla sostanza …………..è per quello che vedo o sento …………..se Mi voglio bene e Voglio bene gli altri dunque non posso mai votare un Renzi………….. che ha dimostrato palesemente di non volerci bene ………….. dunque è da non Votare Il suo PD creato a sua immagine.
    CREDO sia dovere leggendoti condividere il tuo post
    Cordialità

    Like

  3. attikus // 19 June 2016 at 12:07 //

    è la legge della conservazione (Darwin docet): poichè è assodato che “cumanari e megghiu ca futtiri” i PiDocchi leopoldioti si sono adattati a sopravvivere al ‘DDT dell’onestà’
    E comunque, supponi per un attimo che dovessero perdere il cadreghino, quanti di questi dovrebbero (terrore!!!) cominciare a lavorare !!!!

    Like

    • Come si suol dire, qui, caro Attikus, hai messo il dito nella piaga. Cio’ che lega la corte adorante al leader maximo è la comun fobia del dover tornare a lavorare. Seguita subito dopo dalla paura di dover passare qualche annetto in gattabuia una volta che i grillini tirano fuori il marcio e mostrano i conti. Che sarebbe la prima cosa da fare non appena arrivano. La prima.

      Like

1 Trackback / Pingback

  1. La faccia tosta di quasi tutto il PD | L'Importanza Di Alito Di vento Nel Tempo Per IL Principe Con Un Pugno Di Mosche In Mano ---

Comments are closed.

%d bloggers like this: