Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (224) – Sull’incredibile spot renzista del Massimo Cacciari melanconico intervistato da “Repubblica”. E su un opinabile sillogismo mancante di qualsiasi logica.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

cacciari.

Calabresi titola “Referendum, Cacciari: “Riforma maldestra ma è una svolta. L’attacca chi ha fallito per 40 anni”e Renzi gode. Entrando poi nel merito dell’ultima intervista repubblichina a Massimo Cacciari, l’orgasmo è intenso in quel di Palazzo Chigi quando il solerte “reporter” riporta la prima risposta del filosofo Massimo Cacciari ”(Chi ha fallito?) Noi, la mia generazione, a destra come a sinistra. Sia i politici che noi intellettuali”. Cacciari avrebbe fatto anche i nomi ed i cognomi “Marramao, Barbera, Barcellona, Bolaffi, Flores, si ricorda?”. Come no! La speranza naturalmente è che il cronista se li sia ricordati perché oltre la madre dubito che qualcuno li ricordi: un intellettuale italico valido degli ultimi cinquanti anni è più raro dei panda cinesi più esposti alla definitiva annihilation...

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!