Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (222) – Del disastro sul Lungarno, o della favola sulle capacità manageriali di Matteo Renzi. Sul perché il renzismo giustifica il NO al Referendum.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Image3

Vorrei sentirli adesso gli adulatori dell’insostenibile senso manageriale renzista. Quelli che mentre si elencavano gli infiniti disastri dell’era Renzi, a partire dal tempo delle alluvioni genovesi elegantemente ignorate dal Premier, ci hanno fatto due maroni così con l’incessante ritornello della mancanza di alternativa a tale Esecutivo in virtù del supposto grande “acume” gestionale del suo leader. Ma il tempo è galantuomo ed ecco l’ennesimo scandalo-renzista proprio nel centro storico di Firenze, in quel Lungarno che fu il centro dell’impero dell’ex sindaco Matteo Renzi ed è tuttora il perno intorno al quale ruota il famigerato Giglio Magico del Matteo Renzi attuale Presidente del Consiglio….

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Image6

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!

1 Trackback / Pingback

  1. Abbiamo una micro occasione di liberarci (forse), cerchiamo di non perderla, per favore! | EVAPORATA®

Comments are closed.