Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (218) – Dalla Ferrari di Marchini alla retromarcia di Renzi, o l’arte di dare il popolo per scontato. Sulla battaglia per il Corriere della Sera governatizio e ancora sul Corriere contra M5S.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Image2335

Si potrebbe argomentare che la situazione politica italiana sia talmente degenerata che ormai viene davvero difficile anche scriverne, non ti fa voglia, salvo poi capire che è proprio quando si tirano i remi in barca che la casta ha vinto. Ma la casta ha vinto in Italia? Sembrerebbe proprio così, e quindi Renzi imperat sul TG1, sul TG2, sul TG3, su Repubblica, sul Corsera, su La Stampa e su tutti quegli organi informativi istituzionali che il governo italiano solitamente metabolizza. Renzi imperat e fa e disfa come meglio gli pare in un girotondo mediatico che offende la dignità di qualsiasi intelletto capace.

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Image26666Image12rrrImage2m5s

 

Advertisements

1 Comment on Quello che il renzismo non dice (218) – Dalla Ferrari di Marchini alla retromarcia di Renzi, o l’arte di dare il popolo per scontato. Sulla battaglia per il Corriere della Sera governatizio e ancora sul Corriere contra M5S.

  1. stanco // 17 May 2016 at 20:41 //

    Ne abbiamo piene le scatole di questo matteo inconcludente, solo parole e menzogne.

    Like

Comments are closed.