Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

“MIA MADRE” di Edmondo De Amicis “letta” in napoletano da un vecchio scugnizzo

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

330px-Cuore_-_front_matter.jpg

Cuore, copertina di un'edizione Garzanti

di Raffaele Pisani.

M I A     M A D R E
Niente ha sciupato ‘o tiempo, oj vicchiarella,
niente t’hanno lévato chianto e affanne:
mo tiene sissant’anne
e i’ cchiù te guardo e cchiù me pare bella.
Songo chist’uocchie tuoje na calamita;
tu parle? e ride ‘e gioja chistu core.
Ah, s’io fosse pittore,
te faciarria ritratte tutta ‘a vita!
Te pittarria quanno vicina viene
e io te vaso chella trezza janca,
o quanno triste e stanca
c’’o pizzo a rrisa m’annascunne ‘e ppene.
Ma si cercà putesse a Dio na cosa
nun le cercasse ‘e addeventà Raffaello
p’arritrattà a cciammiello
‘sta faccia toja gentile cchiù ‘e na rosa.
Le cercarria ‘e cagnà cu’ na parola
vita cu’ vita e darte ‘a giuventù,
vederme io viecchio e tu
p’’o sacreficio mio turnà figliola.

 

Advertisements

1 Comment on “MIA MADRE” di Edmondo De Amicis “letta” in napoletano da un vecchio scugnizzo

  1. bella poesía

1 Trackback / Pingback

  1. “MIA MADRE” di Edmondo De Amicis “letta” in napoletano da un vecchio scugnizzo — Rosebud – Critica, scrittura, giornalismo online | Il Blog di Tino Soudaz 2.0 ( un pochino)

Comments are closed.