Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

The Rise of the Power Blogger, quando la critica vive (6): Fisicamente.net e il pezzo “Faccia di…” : SONO DUE ANNI CHE LO DICO: CACCIAMO RENZI O SONO GUAI PER TUTTI NOI!”.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

renziImmagino che questo pezzo datato 4 aprile sia dello stesso Professor Renzetti, anche se non è chiaro. Di sicuro quello che segue è uno degli articoli che immaginavo sarebbero stati scritti dal Power Blogger a cui pensavo quando creai questa rubrica: chapeau!

Ad ulteriore dimostrazione che il vero giornalismo d’assalto oggi vive in Rete e lo facciamo noi, tutti noi! Enjoy!

RB

 

OPPORTUNISTI D’ACCATTO

di Roberto Renzetti. Leggo che SEL a Roma è spaccata. Parte sta come dovrebbe con Fassina. Parte ascolta le sirene ei banditi PD. Queste sirene sono di Giachetti, un radicale di destrache più di destra non si può. Chi manovra è Zingaretti il capo della Regione Lazio insieme ai SEL eletti in regione che spartiscono il potere con il PD. Opportunisti appunto. Tengono famiglia e sanno che se si sganciano da questo osceno rapporto dovranno vivere di misera pensione. Li avverto comunque che non hanno voti a disposizione vita natural durante. Per quel che mi riguarda farò del tutto perché NON siano votati. Nessuno vuole più dare i voti a sinistra per poi passarli nottetempo a destra in cambio di favori (non a noi) ma ai venduti. Di questi infami ne abbiamo già molti. Coloro che al seguito di Migliore (maddeché?), una decina sono passati con Renzi dopo essere stati votati come candidati SEL.
Tutti questi voltagabbana non solo non vanno votati ma spernacchiati e sputazzati. Sono degli esseri indegni di ogni rapporto umano. Degni solo di frequentare le combriccole di banditi al seguito del capo sbruffone, imbroglione e bugiardo.

A proposito di Renzi e Claretta vi sono ancor cose da dire.
Il poveraccio di Rignano oggi in direzione PD ha detto che le lobbies ed i poteri forti non hanno nulla a che fare con il PD. Che il PD vuole che chi sbaglia sia subito giudicato e che paghi se colpevole. Che i magistrati muovono varie inchieste e non arrivano mai a condanne.
Inizio da quest’ultimo punto augurandomi che le seconde condanne siano per Guidi e Renzi che, non godendo dell’immunità parlamentare possono essere anche arrestati (in tal caso andrei in pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo). Il poveraccio straparla credendo che tutti gli italiani siano imbecilli come i suoi elettori. Vediamo solo i titoli delle menzogne di alto bordo.
– Proprio oggi il Tribunale di Potenza ha condannato per questioni legate al petrolio lucano un gruppo di personaggi su cui l’inchiesta era partita nel 2008 (per questo ho parlato di un’eventuale seconda condanna per Renzi e Guidi).
– Di eventuali condanne per Boschi non parlo perché figurarsi se il Parlamento asservito al poveraccio di Rignano voterebbe l’autorizzazione a procedere. E questo la dice lunga sulla magistratura che inizia i processi e non arriva a condanne. Quanti infami sono stati salvati dai processi proprio dalla maggioranza parlamentare di Renzi?
– Se i tempi della giustizia sono lunghi con le prescrizioni che incombono non è colpa dei magistrati ma di tutti i governi succedutisi fino ad ora dalla fine del secolo scorso. Faccia qualcosa il bugiardo per sveltire il tutto. Ad esempio riduca a due i gradi di giudizio. Faccia poi una riforma che ritengo fondamentale contro le prescrizioni: dopo l’eventuale condanna alla galera in primo grado, il condannato vada subito in prigione e da lì faccia ricorso. Succede così nel decantato Paese più civile del mondo, gli USA.
– Il conflitto d’interessi che doveva essere una priorità è sparito dai radar.
– Affermare che il PD di Renzi non ha nulla a che fare con lobbies e poteri forti è una boutade che, detta con Totò, fa scompisciare. Renzi è figlio di banche, Confindustria (ama Marchionne), Assicurazioni, petrolieri, fabbricanti di armi, Comunione e Liberazione, Treellle (che ha scritto la riforma della scuola) … E’ il peggior figlio del peggio che il mondo offre.
– Ed intanto non solo non restituisce i soldi ai truffati dalle 4 Banche che avrebbe salvato ma quella Commissione d’inchiesta parlamentare promessa è sparita all’orizzonte. Nel frattempo babbo Boschi è indagato per bancarotta fraudolenta, mica un prospero.
– Così Marchione ha fatto di più di certi sindacalisti? Ecco qui da una parte prendere a calci chi dice cose del genere, dall’altra devo dire che ad un sindacato così remissivo devono essere date molte sberle.
– Caro Cuperlo, oggi per la prima volta ti ho sentito dire qualcosa in direzione PD che condivido: il Premier NON E’ ALL’ALTEZZA. Fa piacere che dopo due anni ti sia accorto che il Premier è un ragazzotto viziato e totalmente incapace. Anzi, capacissimo ma a vendere pentole o tappeti tarlati.
Vi è un’altra paternità per Renzi. Il massone Napolitano. Questo ex “comunista” (per questo si parla di crimini del comunismo: pensano a lui, a Ferrara, a Veltroni, a D’Alema, …) ha portato avanti una vita tutta protesa a destra. Ha minato da decenni ogni speranza di emancipazione dei deboli, di coloro che più abbisognavano di sostegno pubblico. Vivere per oltre 60 anni a 20 mila euro al mese è bello, alla faccia nostra!
– Infine TOTAL. Lì si parla di traffico di influenze con un beneficio per l’amante della Guidi (2,5 milioni di euro in appalti); disastro ambientale per inquinamenti selvaggi; ed altro che via via si vedrà. Renzi dice che le opere pubbliche vanno salvate dalla burocrazia. Anche qui ripeto che i problemi si affrontano alla radice e non scavalcandoli con un voto di fiducia. Hai proposto tu un emendamento ad una legge che tu avevi fatto. Ti emendi da solo? E poi quell’emendamento permette di far passare un oleodotto attraverso la Puglia senza che la Puglia possa dire nulla. Ma poi dove deve andare quel petrolio? Gli imbecilli servetti PD dicono che a noi serve quel petrolio e bla bla bla. Ma quel petrolio, pieno di zolfo non è per l’Italia ma per la Turchia! Lo sa lo sbruffone? Inoltre i profitti sono tutti per Total e Shell. Ottime premesse per allungare le trivellazioni in Adriatico. Chi ci guadagna? Chi paga chi? Aspettiamo e sapremo.
Con Cyrano de Bergeraac: se ne potevan dire … ed io via via dirò tutto ciò che ti deve inchiodare a fare il venditore di pentole alle gite degli anziani come me che su un autobus sgangherato va in visita alla meravigliosa città di Firenze nelle mani di personaggi da tregenda (a proposito i 600 mila euro di scontrini dell’ex sindaco Renzi – e non i 2 mila di Marino – quando li potremo vedere?).

Gli estratti in appendice leggeteli cliccando qui….

Advertisements