Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Quando la superstizione diventa questione mediatica. E sul perché penso che sarebbe un bene se Urbano Cairo rilevasse il Corriere.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

Image2ss

Screenshot dal Corriere.it di oggi

di Rina Brundu. Fa impressione vedere sulla Home del primo giornale italiano – seppure con finalità di delegittimazione politica – immagini incensanti la superstizione e che nel 2016 parlano ancora di blasfemìa. Da questo punto di vista, l’occhiello apparso quest’oggi sul Corriere.it (vedi featured image) è qualcosa di spettacolare nella sua naiveté-provinciale e dà veramente da pensare. Nello specifico l’occhiello riprende le critiche che un sottosegretario del PD, tal Lotti, avrebbe fatto ad uno spettacolo di Beppe Grillo dove quest’ultimo riprende o prende di mira il rito cattolico della Comunione.

Embeh? Vivaddio che abbiamo ancora personaggi capaci di prenderci in giro e di prendere in giro i datati riti che incensiamo a torto o a ragione. Ciò che fa impressione è che a scagliarsi contro un lavoro teatrale, quindi un parto dell’intelletto, sia da un lato un elemento che, in quanto elmento-politico, si occupa (o si dovrebbe occupare) del maggior bene della res publica e dall’altro un quotidiano nazionalpopolare che in principio dovrebbe essere il primo cane da guardia del sacro concetto della nostra laicità statale e l’inflessibile guardiano della nostra dignità intellettuale.

Per questi e molti altri gravissimi motivi, ma anche considerando l’ottimo lavoro di sana critica al Sistema che ho notato viene fatto da molti professionisti dello spettacolo (Maurizio Crozza soprattutto), sul suo canale La7, io penso che un’eventuale rilevazione del Gruppo RCS e in particolare del Corsera da parte di Urbano Cairo sarebbe la manna dal cielo che tutti attendiamo da tempo. Di più: che quel giornale glielo regalassero come chiede che facciano! Nella speranza che poi proceda a rivoltarlo come un calzino e a restituirgli l’immagine deontologica che gli compete… di diritto!

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: