Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Di gabelle opinabili e altri dazi, o “dell’estorsione” annuale della Chiesa nei giorni di Pasqua. Una pillola e qualche rapido conto in tasca.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

Church_of_Tithes,_Kiev,_ruins_in_1826.jpg

Chiesa della Decima

di Rina Brundu. Non so da altre parti ma in queste zone interne della Sardegna esiste una datata malapratica messa in essere dalle tribù ecclesiastiche nel periodo pasquale: due o tre giorni dopo l’improbabile Resurrezione un prete accompagnato da qualche chierichetto si presenta nelle case dei paesani a benedire “i luoghi” e così procedendo, facendo leva sul buon cuore e sull’ignoranza se ne torna a casa con un borsellino ricco di offerte che non si sa mai che fine facciano.

Non abito qui e quindi non posso dirimere, non posso impedire queste “visite” cosa che farei senza pensarci un solo secondo a casa mia, e tuttavia resto perplessa. Penso, per esempio, che essendo questo un servizio dovrebbe essere richiesto e non si dovrebbe subire questa sorta di visitazione improvvisa volenti o nolenti. Non c’é peggior estorsione di quelle fatte predando sulla credulità popolare e sull’indole ospitale.

Detto questo temo che quella di quest’anno non sarà l’ultima: a occhio e croce e facendo un rapido conto in tasca, una visitazione pianificata in un paesino di 800 anime devote dovrebbe portare in tasca circa 6-7000 Euro. Vuoi mettere? Altro che Jobs Act!!

Advertisements