Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8º. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (165) – Sulla scelta dei sindaci da destra a sinistra, o del governo-tecnico 2.0. E sulla vera novità nelle amministrative 2016: il paradosso etico del caso Di Battista a Roma.

ROSEBUD TV – Roberto Vecchioni – Samarcanda (Live@RSI 1984)

AFORISMI MEMORABILI E ZIBALDONE


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Attenzione la versione definitiva di questi testi uscirà solo dopo le elezioni politiche


Il caso diffamatorio su Wikipedia 

————————————————–

  • Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice (George Orwell). Clicca qui per leggere tutto
  • —————————————————-

 
CHI SARÀ IL NUOVO PREMIER ITALIANO? VOTALO QUI!

Gli stornelli del 4 marzo e dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

LEGGILI TUTTI QUI

Oppure scarica i PDF e diffondili

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

Stornelli politici per il 4 marzo 2018

———————————–

Promuoviamo una coscienza e una lotta politica civile e democratica. Liberiamo l’Italia dal renzismo, dai suoi interessi familisti, dai suoi boiardi di Stato e dai suoi scandali. Per le ultime notizie su questi argomenti, clicca qui.

Rina Brundu

mario_monti_crop

C’era una volta, non troppo tempo fa, nella ridente nazione italica il governo tecnico di Mario Monti. Era stato “assemblato” d’urgenza dopo lo sfascio procurato dalla casta politica che aveva annichilito il Sistema e l’aveva portato ad un passo dal default finanziario. Il governo tecnico fu quello che, mercé la sua eccezionalità, dovette rimboccarsi le maniche e fare il lavoro sporco. Nel tempo che passava divenne, suo malgrado, il bersaglio preferito dalla suddetta casta politica che andava recuperando le sue truppe scalcagnate, e che tanto disse e tanto fece, – predando su un elettorato scontento quando non intellettualmente, politicamente passivo – fino a riuscire nell’intento di tornare al potere….

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

info@ipaziabooks.com