PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10

Marco Vukic – Tempo di sfilate

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

tempo-di-sfilate

3 Comments on Marco Vukic – Tempo di sfilate

  1. Dissacrante no per un sito come Rosebud ma Marco stavolta mi ha colto di sorpresa… dato da pensare… e pensando e ripensando penso che questa immagine dica tante cose profonde con una franchezza che per certi versi… coglie di sorpresa anche me…
    Bravo Marco!

  2. No, no, qui hai detto giusto… il “credere” e l’indottrinamento sono pratiche nefaste sempre… indipendentemente dal campo in cui la dottrina si esercita…

    Ti diro’ di più: ci sono stati indottrinamenti perniciosi anche in quei campi che io considero davvero “sacri”, ovvero la scienza e la filosofia…

    Questo per dire che ogni volta che gli essere umani lasciano la via del buon senso per inerpircarsi in strade non dimostrabili, astruse, sciocche… finiscono poi col ruzzolare a valle…

    C’é da aggiungere però – come diceva un qualcuno molto accorto – che io non ho mai sentito di un filosofo che abbia ucciso un uomo di religione, ma io ho sentito di infiniti uomini di Chiesa che hanno ucciso tanti filosofi… e questo la dice lunga…

    Il problema dell’indottrinamento religioso è comunque più serio degli altri campi… perché coinvolge le masse… ma soprattutto perché preda sulle nostre debolezze: chi può dire, in tutta onestà, di non essersi mai rivolto a pseudo-divinità invisibile quando messo davanti ad un grande dolore, a un problema? Nessuno, credo.

    Questo nostro modo di comportarci deriva certamente dall’indottrinamento che ci è stato inculcato (una mente scientifica cercherebbe subito una medicina non una preghiera), ma in minima parte anche dalle nostre paure istintive che, dato il nostro esistere alla stregua di pesci rossi dentro il loro acquario, sono anche comprensibili…

    Tuttavia la storia del mondo ci ha sempre dimostrato che non funziona così, non funziona a colpi di messe: le religioni passano ma restano le leggi fisiche anche quando tremende… anche quando si risolvono in nubifragi che ci annientano, in terremoti che ci scolvolgono, in esplosioni di supernove che frantumano anche il nostro dna….

    Le religioni sono riti tradizionali e non si dovrebbe mai lasciare che diventino un qualcosa di più. Chiunque abbia studiato un pò di storia ti direbbe che i cosiddetti “miracoli” c’erano anche al tempo dei pagani (infatti, più che miracoli occorrerebbe chiamarli “eccezioni” che esistono quando si tratta con le leggi dei grandi numeri), e che anche a quei tempi accadevano cose strane… prendi fenomeni tipo le “stigmate” che sono manifestazioni patologiche (molto simili alle gravidanze isteriche) che si estrinsecano dal complesso, e tuttora misterioso, rapporto mente-corpo. Misterioso, ho detto (vale a dire ancora da comprendersi), non paranormale o chissà che…

    In ogni caso per quanto mi riguarda ognuno è libero di credere ciò che vuole. Di sicuro però io non-credente in alcuna Fede dovrei avere il diritto di vivere una vita mentalmente libera (specie in uno stato che si dice laico), ma questo diritto in Italia io non ce l’ho. E francamente pagare un canone Rai – ma questo è solo un esempio – per guardare quelle puttanate diseducative mi fa girare i maroni a mille…

    Rgs

  3. Quel dio chiede amore, solidarietà, umanità. (Salvo)

    Il tuo ragionamento qui è arbitrario: tu non puoi dire cosa Dio chiede perché Dio non te lo ha mai detto… e a meno che tu non mi mostri i recordings delle conversazioni per me il tuo dire non è validante.

    Posso ammettere solo una cosa, ovvero che un eventuale engine (preferisco chiamarlo cosi) che ha creato questo universo… sembrerebbe che ci voglia coraggiosi e intelligenti. Perché lo dico? Che evidenze ho? Semplice, un intero universo tutto da scoprire.

    PS Dove, tra l’altro, per scoprirlo ci scanneremo l’un con l’altro come abbiamo sempre fatto e moriremo nelle maniere più terribili. Questa è la realtà. Piaccia o no. O, per meglio dire, una delle realtà… sono convintissima che esistano altri Stati dell’Essere, come suggerisce anche la Nuova Fisica, ma quelli per il momento non sono dimostrabili. Neppure dai miei amatissimi Ed Witten e Sheldon Cooper.

    Notte.

Comments are closed.