Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Arturo Toscanini, un grande italiano

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Arturo_Toscanini2Arturo Toscanini (Parma, 25 marzo 1867 – New York, 16 gennaio 1957) è stato un direttore d'orchestra italiano.

Considerato uno dei più grandi direttori di ogni epoca per l’omogeneità e la brillante intensità del suono, la fenomenale cura dei dettagli, l’instancabile perfezionismo e la memoria visiva prodigiosa, viene ritenuto in particolare uno dei più autorevoli interpreti di Verdi, Beethoven, Brahms e Wagner.

Fu uno dei più acclamati musicisti della fine del XIX e della prima metà del XX secolo, acquisendo fama internazionale anche grazie alle trasmissioni radiofoniche e televisive e alle numerose incisioni come direttore musicale della NBC Symphony Orchestra.

—-

Il regime e l’esilio

Di idee socialiste, dopo un’iniziale condivisione del programma fascista, fu un forte oppositore del fascismo e del nazismo. Infatti, nel novembre 1919 si era a candidato alle elezioni politiche nel collegio di Milano nella lista dei fasci di combattimento (con Mussolini e Marinetti, ma non fu eletto)[3], allontanandosene poi a causa del progressivo scivolamento a destra di Mussolini e passò all’antifascismo già prima della marcia su Roma. Divenne una voce critica e stonata nella cultura omologata al regime, riuscendo, grazie all’enorme prestigio internazionale, a mantenere l’orchestra della Scala sostanzialmente autonoma nel periodo 1921-1929. Al riguardo si rifiutò di dirigere la prima di Turandot, dell’amico Giacomo Puccini, se Mussolini fosse stato presente in sala.

Il 14 maggio 1931, al teatro Comunale di Bologna, dove doveva dirigere un concerto in memoria di Giuseppe Martucci, si rifiutò di eseguire Giovinezza e la Marcia Reale al cospetto di Costanzo Ciano e Leandro Arpinati e venne perciò aggredito e schiaffeggiato dalla “camicia nera” Guglielmo Montani[4] nei pressi di un ingresso laterale del teatro, venendo poi spintonato a terra. Per questi atteggiamenti di aperta ostilità al regime subì una campagna di stampa ostile sul piano artistico e personale, mentre le autorità disposero provvedimenti come lo spionaggio delle telefonate e della corrispondenza e il ritiro del passaporto, che ne misero in pericolo la carriera e la stessa vita. L’aggressione subita fu alla base della rinuncia a dirigere orchestre in Italia fin quando il fascismo e la monarchia fossero stati al potere.

Nel 1933 infranse i rapporti anche con la Germania nazista, contestando e rifiutando in malo modo un invito di Hitler ed abbandonando il festival wagneriano di Bayreuth. Nel 1938, dopo l’annessione dell’Austria da parte della Germania, abbandonò anche il festival di Salisburgo, nonostante fosse caldamente invitato a rimanere. Nello stesso anno inaugurò il festival di Lucerna (per l’occasione molti, soprattutto antifascisti, andarono dall’Italia per seguire i suoi concerti) e l’anno successivo, anche a seguito della sempre più dilagante persecuzione razziale, abbandonò l’Europa per gli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti, l’università di Georgetown gli conferì la Laurea honoris causa e fu creata appositamente per lui la NBC Symphony Orchestra, formata dai più virtuosi musicisti americani, che diresse regolarmente dal 1937 al 1954 su radio e televisioni nazionali, divenendo il primo direttore ad assurgere al ruolo di stella dei mass media.

Continuò dagli Stati Uniti a servirsi della musica per lottare contro il fascismo. Le sue idee lo portarono fino in Palestina, dove nel 1936 fu chiamato a Tel Aviv per il concerto inaugurale della Palestine Symphony Orchestra (ora Orchestra filarmonica d’Israele), destinata ad accogliere e a dare lavoro ai musicisti ebrei in fuga dal nazismo, e che diresse gratuitamente. Nel frattempo anche il governo italiano aveva adottato una politica antisemita con la promulgazione delle leggi razziali del 1938, in linea con quelle degli alleati tedeschi. Toscanini mandò su tutte le furie Mussolini quando le definì “roba da medioevo”, ribadendo più volte: “maledetti siano l’asse Roma-Berlino e la pestilenziale atmosfera mussoliniana”. Si adoperò anche per cercare casa e lavoro agli ebrei perseguitati e ai politici fuoriusciti dal regime hitleriano.

Albert Einstein gli scrisse: …Sento la necessità di dirle quanto l’ammiri e la onori. Lei non è soltanto un impareggiabile interprete della letteratura musicale mondiale… Anche nella lotta contro i criminali fascisti lei ha mostrato di essere un uomo di grandissima dignità’. Sento pure la più’ profonda gratitudine per quanto avete fatto sperare con la vostra opera di promozione, di valori inestimabile, per la nuova Orchestra di Palestrina di prossima costituzione. Il fatto che esista un simile uomo nel mio tempo compensa molte delle delusioni che si è continuamente costretti a subire.[5]

Durante la seconda guerra mondiale diresse esclusivamente concerti di beneficenza a favore delle forze armate statunitensi e della Croce Rossa, riuscendo a raccogliere ingenti somme di danaro. Si adoperò anche alla realizzazione di un filmato propagandistico nel quale dirigeva due composizioni di Giuseppe Verdi dall’alto valore simbolico: l’ouverture della Forza del destino e l’Inno delle Nazioni, da lui modificato variando in chiave antifascista l’Inno di Garibaldi e inserendovi l’inno nazionale statunitense e l’Internazionale. Nel 1943 il teatro alla Scala, sui cui muri esterni figuravano scritte quali “lunga vita a Toscanini” e “ritorni Toscanini”, venne parzialmente distrutto durante un violento bombardamento da parte degli alleati. La ricostruzione avvenne in tempi rapidi, grazie anche alle ingenti donazioni versate dal maestro.

Il ritorno

Nel 1946 Toscanini ritornò in Italia per votare a favore della Repubblica e per dirigere lo storico concerto di riapertura della Scala, ricordato come il concerto della liberazione, dedicato in gran parte all’opera italiana. Quella sera dell’11 maggio il teatro si riempì fino all’impossibile; il programma vide l’ouverture de La gazza ladra, il coro dell’Imeneo, il Pas de six e la Marcia dei Soldati dal Guglielmo Tell, la preghiera dal Mosè in Egitto, l’ouverture e il coro degli ebrei dal Nabucco, l’ouverture de I vespri siciliani, il Te Deum di Verdi, l’intermezzo ed estratti dall’atto III di Manon Lescaut, il prologo ed alcune arie dal Mefistofele. In quell’occasione esordì alla Scala Renata Tebaldi, definita da Toscanini “voce d’angelo”.

Diresse ancora nel massimo teatro italiano il concerto commemorativo di Arrigo Boito, comprendente la Nona sinfonia di Beethoven, nel 1948, la Messa di requiem di Verdi nel 1950 e, per l’ultima volta, un concerto dedicato a Wagner nel settembre 1952.

Il 5 dicembre 1949 venne nominato senatore a vita per alti meriti artistici, ma decise di rinunciare alla carica il giorno successivo. Mandò, da New York, un telegramma di rinuncia all’allora presidente della Repubblica Luigi Einaudi:

« È un vecchio artista italiano, turbatissimo dal suo inaspettato telegramma che si rivolge a Lei e la prega di comprendere come questa annunciata nomina a senatore a vita sia in profondo contrasto con il suo sentire e come egli sia costretto con grande rammarico a rifiutare questo onore. Schivo da ogni accaparramento di onorificenze, titoli accademici e decorazioni, desidererei finire la mia esistenza nella stessa semplicità in cui l`ho sempre percorsa. Grato e lieto della riconoscenza espressami a nome del mio paese pronto a servirlo ancora qualunque sia l’evenienza, la prego di non voler interpretare questo mio desiderio come atto scortese o superbo, ma bensì nello spirito di semplicità e modestia che lo ispira… accolga il mio deferente saluto e rispettoso omaggio »

Il ritiro

Si ritirò a 87 anni dopo una straordinaria carriera duratane 67; il suo ultimo concerto, interamente dedicato a Wagner, compositore sempre molto amato, fu con la NBC Symphony Orchestra il 4 aprile 1954 alla Carnegie Hall di New York. Proprio in occasione di quell’ultimo concerto il maestro, celebre anche per la sua straordinaria memoria, per la prima volta perse la concentrazione e smise di battere il tempo. Vi furono ben 14 secondi di silenzio, dopo i quali riprese la direzione del brano di Tannhäuser. Alla fine del concerto raggiunse rapidamente il camerino, mentre in teatro gli applausi sembravano non smettere più.

Si spense alle soglie dei 90 anni nella sua casa newyorkese di Riverdale e fu sepolto al Cimitero Monumentale di Milano, nella tomba di famiglia precedentemente edificata alla morte del figlioletto Giorgio dallo scultore Leonardo Bistolfi.

Vita privata

Toscanini e la moglie Carla De Martini ebbero quattro figli: Walter, nato il 19 marzo 1898, Wally, nata il 16 gennaio del 1900 (nel corso della seconda guerra mondiale elemento importante della Resistenza italiana[6]), Giorgio, nato nel settembre 1901 e morto di difterite il 10 giugno 1906 e Wanda, nata nel 1906, diventata celebre per avere sposato il pianista russo-ucraino e amico di famiglia Vladimir Horowitz.

Toscanini ebbe varie relazioni extraconiugali: con il soprano Rosina Storchio, dalla quale nel 1903 ebbe un figlio nato cerebroleso e morto sedicenne; con il soprano Geraldine Farrar, che gli impose di lasciare la moglie e i figli per sposarla. Non gradendo l’ultimatum Toscanini si dimise da direttore d’orchestra principale del Metropolitan nel 1915 e ritornò in Italia. Infine ebbe una relazione durata 7 anni (dal 1933 al 1940) con la pianista Ada Mainardi; tra i due, nonostante vi fossero 30 anni di differenza, nacque un profondo legame, come risulta da una raccolta di 600 lettere e 300 telegrammi che il maestro le inviò.

(brani tratti dalla pagina wikipedica italiana)

 

 

Advertisements

info@ipaziabooks.com

2 Comments on Arturo Toscanini, un grande italiano

  1. Un uomo più grande del musicista che è stato: un mito, un modello di vita, semplicemente straordinario!

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: