Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Dalla “Corazzata del Corsera” Aldo Grasso da (implicitamente) del “Fantozzi” a Grillo e cita quel Claudio Giunta di “Essere Matteo Renzi”: ma per favore lasciamo fuori Ėjzenštejn!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

Soldati_potemkin

I soldati sparano sulla folla

di Rina Brundu. La caduta verticale del giornale fontaniano sembra non avere fine e di questi tempi sembra avere coinvolto anche gli ultimi mohicani dell’intelletto che resistevano, nel caso specifico quel professor Aldo Grasso di cui si era sempre ammirata la capacità moderatrice e il senso della misura.

Ecco quindi l’immancabile occhiello renzista-per-esclusione, per la serie cerchiamo di non farla fuori troppo, con l’immancabile riproposizione in salsa renzista-per-elezione dell’immortale momento in cui il ragionier Ugo Fantozzi ne “Il secondo tragico Fantozzi” (1976) prorompe in un liberatorio «Per me “La corazzata Potëmkin” è una cagata pazzesca». La teoria che sembrerebbe giustificare il breve pezzo grassiano (e che per rinforzarsi cita nientepocodimenoche quel Claudio Giunta dell’epocale “Essere Matteo Renzi” già noto ai frequentatori di questo sito), sembrerebbe vedere alle radici dell’anti-politica grillesca una sorta di archetipo fantozziano presente in tutti noi, o così almeno mi sembra di capire. Usando l’usato metodo retorico del procedere via interrogazioni che per loro natura saranno destinate a restare senza risposta (e che per loro natura permetteranno sempre di tenere il piede in due scarpe), il professore sembra procedere quindi a teorizzare un grillismo dottrina figlia di un dio minore rispetto alle “grandi idealità” proposte per esempio (dico io) dal renzismo imperante…. un grillismo che nasce dalla frustrazione e vive nella frustrazione che lo costringerebbe dunque ad esprimersi col turpiloquio.

Image2

Screenshot dal Corriere.it

Sarà! Io mi chiedo però se il prof abbia mai considerato che alle radici del grillismo ci possano essere le giuste recriminazioni di un archetipo italico che si è rotto le palle (ops!) di essere, per dirla con Crozza, Inc-Cool-8 dalla casta profittatrice che il Corsera difende a spada tratta (e che paga lo stipendio a Grasso). Un archetipo italico tanto capace che invece di darsi al terrorismo rosso (come fecero a suo tempo i tanti protetti dal giornale da cui Fontana proviene, L’Unità), si è solo lasciato andare a qualche parolaccia di troppo (KMN)… Point taken – direbbe Sheldon Cooper – vorrà dire che dopo la rivoluzione per la legalità il movimento farà anche la rivoluzione del linguaggio patinato ma fino a quel momento confidiamo nell’infinita pazienza dei media italiani di regime…

Quanto sopra è ovviamente una mia interpretazione del pensiero di Grasso, non è una verità (sarò vittima anche io di un forte attacco da… archetipo?)… nel dubbio però consiglierei agli opinionisti fontaniani di continuare a citare Giunta ma di lasciare fuori da queste pseudo-querelles Ėjzenštejn (che con il renzismo ci sta quanto la cacca sui maccheroni), a mio modesto avviso è meglio!

Advertisements

1 Comment on Dalla “Corazzata del Corsera” Aldo Grasso da (implicitamente) del “Fantozzi” a Grillo e cita quel Claudio Giunta di “Essere Matteo Renzi”: ma per favore lasciamo fuori Ėjzenštejn!

  1. Grazie o “coraggioso” che hai messo un like… ma c’é poco di cui felicitarsi. Pensate a quando non esisteva la Rete e bisognava sorbirsi tutto ciò che dicevano alcuni “eletti” senza possibilità alcuna di interagire, non importa la boiata. Val la pena notare che da questo stesso giornale si sono più volte lanciati anatemi contro gli altri che si esprimono in Rete e a quanto pare oserebbero “protestare” in modi indegni. Che dire? So finiti i tempi delle boiate intellettualeggianti, a-gratis. Grazie CERN!

Comments are closed.