Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Tra Sagan e Orwell uno straordinario discorso di fine anno 2015 di Beppe Grillo: l’Italia è un ologramma. Il testo e il video.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

Image16L’Italia è un ologramma. Chi vi parla è l’ologramma di Beppe Grillo. mi potete passare attraverso, come se fossi un fantasma. Io non esisto. come non esiste il governo, nè il capo del Governo, nè tanto meno Mattarella che è l’ologramma di sè stesso (unico caso al mondo) Domandatevi se avete mai visto il vostro sindaco dal vivo. Impossibile, anch’egli è solo un ologramma. E i referendum, le leggi popolari? Sono tutti ologrammi del Potere. Pensateci è mai possibile che uno come Gasparri sia senatore (che sia un discendente del cavallo di Caligola?)? E Brunetta un deputato? o Salvini un leader politico?. Non è possibile, infatti sono solo degli ologrammi venuti male. L’Italia non è un’espressione geografica, come diceva Metternich, ma un ologramma. Da lontano sembra che esista, che abbia una sua consistenza. Poi quando ti avvicini capisci che è un barbatrucco, non c’è nulla di vero, neppure le frontiere, neppure gli 80 euro. Fumo. Le banche sono ologrammi, il Parlamento è un ologramma, i media sono ologrammi che creano ologrammi. I media infatti sono i più grossi responsabili di questa nazione. Gli ologrammi si creano dal nulla, per questo chi non ha un’identità deve controllare e usare i media per averne una .Un ologramma per amico ha però i suoi vantaggi. Non sporca, non mangia, puoi anche fare a meno di fare conversazione come con tua moglie, lasciarlo parlare da solo, ma, nel caso, lo puoi contraddire senza timore se comincia spiegarti che l’Italia è un Paese democratico, libero da ingerenze straniere, con politici responsabili e che non fai mai nulla in casa. Tu sei lui e lui è te, una copia di schizofrenici. In Italia siamo in crisi di identità. Chi non lo sa finisce sempre nei guai. Chi si allea con noi, in realtà si allea con l’ologramma e infatti finisce sempre che cambiamo alleanza in corsa, come nella prima e seconda guerra mondiale, o rinneghiamo un trattato di pace bombardando la Libia come è avvenuto con Gheddafi. La colpa non è degli italiani, ma dei loro ologrammi e di chi ci crede. Buon anno dall’ologramma di Beppe Grillo

Serie “L’esegesi più breve di sempre… crepa d’invidia Vito Mancuso”!

Il video é qui in calce:

 

Advertisements

3 Comments on Tra Sagan e Orwell uno straordinario discorso di fine anno 2015 di Beppe Grillo: l’Italia è un ologramma. Il testo e il video.

  1. Giancarlo Melis // 1 January 2016 at 10:31 //

    Mi piace molto l’espressione: Chiudi gli occhi e vedrai. Mi ricorda la caverna di Platone, incatenati sin dall’infanzia alla religione e all’informazione del potere di turno.

  2. Giancarlo Melis // 1 January 2016 at 10:41 //

    Scusa ma il commento precedente era riferito all’articolo Masterpiece Rai3.

    • Ciao Giancarlo, buon anno. Non ti preoccupare, non ricordo l’articolo di cui parli ma mi pare che il commento calzi benissimo anche per questo pezzo. Di fatto il discorso di Grillo è bellissimo, altamente condivisibile specie dove dice: “I media sono ologrammi che creano ologrammi. I media infatti sono i più grossi responsabili di questa nazione.” Non a caso il Corriere renziano, citandolo, ha preferito mettere come titolo dell’occhiello denigratorio il fatto che Grillo avesse definito Mattarella un ologromma, glissando sul loro ruolo. Quel giornale è ormai senza speranza… L’unico appunto si potrebbe fare a questo discorso è che, a differenza dei veri ologrammi, gli ologrammi italiani sono più che virtuali quando si tratta di soffocare la gente, optare per la malapratica del favoritismo, del nepotismo, dell’inciucismo e di tutti gli altri ismi che producono tanfo in questa Repubblica. Continuano a dire che il movimento non sarà in grado di governare: dovrebbero forse andare ad imparare a farlo da questa casta di merda? Meglio starne lontani. Ciao.

Comments are closed.