Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

L’OMBRA di RITA SANNA

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

shadowNon saprò mai se tu mi guardi quanto
io invece ti veda.Di solito al primo mattino.
Pur pigramente assonnata,osservo che ti alzi
dolente d’età ma ancora con voglia di vita.
Il gesto è comune davanti allo specchio:
entrambe le mani,le tue un po’ tremanti,
tiran la pelle con ugual tentativo.Illusorio.
Rughe profonde le tue,le mie un po’più piane.
Con passo pesante,seguito dal mio più leggero,
t’accingi a fare il tuo primo caffè mattutino.
Ne avverto l’odore ed il gusto è lo stesso.
Poi, per gustarlo di più,t’adagi sulla poltrona.
Io ti vedo!Non so se mi guardi anche tu!
Consumi il tuo tempo con boccate di fumo,
mentre io vado veloce.Il dovere mi chiama.
-A dopo-sempre ti dico,illusa di rivederti.
Ancora non so se mi guardi!
E’ solo la tua ombra che viaggia parallela
alla mia per  stare sempre con me!

Advertisements

2 Comments on L’OMBRA di RITA SANNA

  1. Bellissima Rita, grazie! Buone feste!

  2. rita(ippolita) // 7 December 2015 at 10:16 //

    Grazie ,Rina,del tuo giudizio gratificante!Buone feste anche a te

Comments are closed.