Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Sulla sconcertante performance maschilista di Vittorio Zucconi e Vauro contro Santanché.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

MTE5NTU2MzE2MTkzNzE5ODE5

Marie Curie, una grande donna

di Rina Brundu. Quella di ieri sera è stata senz’altro una delle puntate più faticose di “Otto e mezzo” (La7) per la conduttrice Lilli Gruber. Ospiti in studio Vauro Senesi, Vittorio Zucconi, in esterna Daniela Santanché, l’argomento: il terrorismo islamico. La conversazione non sarebbe potuta partire in maniera più scoppiettante, con gli illustri (sic!!) ospiti impegnati a punzecchiarsi a vicenda, o per meglio dire con Zucconi e Vauro impegnati a punzecchiare Santanché e viceversa.

Il tutto fino al momento in cui Zucconi ha snobbato Santanché sostenendo che non poteva parlare di guerra perché non era mai stata in un teatro bellico (un poco come se lui non potesse parlare di atterraggio sulla luna perché non c’é mai stato): lui e l’altro masculo a far la guerra c’erano andati, invece, gioielli di famiglia tra le gambe compresi. Apriti cielo! La Santanché ha reagito alla sua maniera e non ha risparmiato stilettate.

Non é tanto questo usato pseudo-melodramma da destra-sinistra d’antan ad avere indispettito, quanto piuttosto l’atteggiamento dei signori uomini presenti, che ricordava scenari da saga corleonese stile Mario Puzo. C’era qualcosa di sconcertante e brutto, molto brutto, nel vedere questi due personaggi fatti e satolli, tromboni di un giornalismo da dimenticare, che si facevano forti a vicenda di un ideale know-how ed esperienza di vita di cui solo loro sapevano e che evidentemente li veniva soprattutto da diritti acquisiti atavicamente, magari dal portare qualche pendaglio anatomico tra le gambe. E poi parlano di islamismo contra femmine: almeno l’Islam non ha conosciuto le battaglie delle suffragette, non ha conosciuto il 68, non ha conosciuto gli anni 80 liberati e gaudienti! La verità è che il maschilismo viscerale è conclamato nel cuore e in fondo all’anima del masculo italico e non vi è parvenza, epidermide intellettualeggiante che possa scomodarlo.

In chiusura di trasmissione, Zucconi, forse resosi conto del pasticciaccio combinato, ha tentato di rimediare, ma era oggettivamente troppo tardi: fortuna che i giornali di regime non avranno lo “scandalo” in primo piano questa mattina, occupati come sono a dar spazio alla notizia del come procurarsi l’ultimo bonus governativo.

Contestualmente, è proprio così che noi italici moriamo ogni giorno un pochino di più, facendo finta di non accorgercene!

Advertisements

10 Comments on Sulla sconcertante performance maschilista di Vittorio Zucconi e Vauro contro Santanché.

  1. Ma dico, almeno un correttore di bozze tra tanto sdegno femminista riuscite a trovarlo? GUGLIEMO Zucconi, due volte. Giornallismo con due l, ridicoli e incerti neologismi come “epidermide intellettualeggiante” -dove passi pure intellettualeggiante ma … “epidermide” significa “pelle”, che c’entra dopo “parvenza”? “Intellettualeggiante” può essere spiritoso, ma l’intelletto è d’obbligo se si vuol scrivere e comunicare.

    • Gentile signor Tal dei tali (un nome ce l’ha?), benvenuto nel mondo di chi deve da un lato lavorare e dall’altro convivere con l’autocorrettore inglese (poi le spiego cos’é)…. ma in questo caso posso dire senza tema, soprattutto prima di commentare si assicuri di non stare a scrivere cazzate e si qualifichi con nome cognome e claims to glory… poi un tutor a casa glielo mando quando vuole. Questo non è il bar all’angolo a cui è evidentemente abituato ma un vocabolario glielo raccomandiamo comunque… lasci stare le cose dell’intelletto e non sforzi troppo il neurone rincoglionito…
      Best Regards.

      Rina Brundu
      Io il nome e cognome li ho e li metto sempre in calce a ciò che scrivo.

  2. Tenga presente che questo è un sito dove ci si confronta face to face e la prossima volta pubblico il suo IP
    Grazie

    PS Mi auguro che lei non insegni nella sua università perché le sconcezze che ha coniato in un solo commento fanno paura!

  3. Considerazioni acute e concrete, complimenti. Per quanto riguarda Zucconi tempo fa ne ammiravo il suo attento ed arguto senso critico…ora e purtroppo intravedo poca arguzia e molta appartenenza…

    • Che siano critiche o complimenti (che proprio non fanno per me), ripeto che preferisco trattare con chi si qualifica…

      Detto questo mi preme precisare che non conosco né Zucconi né Vauro (anche se Vauro l’ho sempre seguito di più)… Avrei detto le stesse cose di chiunque anche fosse stato Gesù Cristo….

      Mi consenta l’espressione (che sicuramente non potrà piacere allo user radical chic che ha commentato per primo, scrivendo una marea di imbarazzanti considerazioni)… ma ieri Vauro e Zucconi hanno fatto davvero cagare….

      E la Santanché é stata una signora perché se fossi stata io quella supponenza pseudo intellettualeggiante (mi ripeto, sempre per far felice lo user di cui sopra)… gliel’avrei fatta passare su per il culo…

      Non c’é giornalismo possibile dove non c’é rispetto!
      Non c’é interazione possibile dove non c’é rispetto!
      Non c’é nulla di nulla dove non c’é rispetto! Mai!

  4. @Truglio
    Comunque grazie della sua cortesia e soprattutto per essersi concentrato sul punto grave che si voleva sottolineare sebbene con la solita fretta…
    Per il resto evidentemente il giornalista Guglielmo Zucconi (defunto purtroppo, ma a cui chiedo scusa) è nella mia memoria più dello Zucconi in vita…
    Sic.

  5. sestatedesca // 29 November 2015 at 17:20 //

    Mi scuso per avere inavvertitamente dimenticato di firmare. Mi chiamo Franco Rampazzo, insegno Analisi Matematica all’Università di Padova, so bene cosa significhi un correttore inglese, non sono affatto radical, e neppure, credo, tanto chic. Curiosità: quando il correttore ha scritto “epidermide”lei cosa aveva inserito?

    • Benissimo Franco, intanto si è guadagnato la mia stima (per quel che può valere e per quel può importargliene) per essersi presentato. Questo mi permette anche di ringraziarla per avere segnalato il refuso sul nome di Guglielmo Zucconi, cosa quanto mai importante dato che si trattava di un post critico (e parecchio incazzato per la gravità di quanto è stato mostrato in tv).

      Detto questo le confermo che “epidermide” è invece corretto… e resta lì…. non vi è nulla da cambiare in quel passo. Inoltre, se io debbo spiegarle che cosa intendevo usando quel termine in quel modo… non ritengo che questo blog (dove pure amiamo molto i prof di matematica, con il mitico Ed Witten che è la nostra luce), sia per lei.

      I would also suggest since you can handle the English Language pretty well (or so you state), to avoid works such as The Finnegans Wake by James Joyce as you could be in for some surprises….
      All the best.
      RB

      PS Fermo restando che la mia ignoranza è la mia più grande amica perché è l’unica che mi spinge ad alzarmi ogni giorno per colmarla, a volte è meglio risultare supponenti, presuntuosi e sciocchi piuttosto che soccombere al maschilismo dei tempi. Il programma di cui sopra docet.

  6. Mi preme precisare però che il maschilismo di cui sopra è decisamente nulla se confrontato all’oscurantismo dei tempi… vedi caso Rozzano!

    PS Per il ministro Franceschini caso mai passasse di qui: ma si può fare qualcosa contro questa ennesima crociata cristiana coraggiosamente portata avanti dal gagliardo Giletti in tv? No, caso mai…. restasse un secondo.

  7. Da notarsi che il Corriere si è accorto oggi dell’alterco… meglio tardi che mai
    http://video.corriere.it/lite-santanche-zucconi-buona-dici-tua-sorella-lui-sei-zanzara/664b7148-977a-11e5-921c-1e256576138f
    ma se aspettiamo parole di ferma condanna…. meglio un titolo depistante… ed eccolo lì puntuale.. però poi festeggiano la “pesta” della donna… sic.

Comments are closed.