Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

MASSIMO PITTAU – I COGNOMI DELLA SARDEGNA. LETTERA C, ESTRATTO.

Significato e origine di 8.000 cognomi indigeni e forestieri

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

 

C

Caadducciu (Bassacutena, Luogosanto, Sassari): è una variante del cognome Cadducciu (vedi) e pertanto significa anch'esso «cavalluccio».

Cabanu, Cabbanu (Sassari, Villagrande Strisaili): sono due varianti del cognome Gabbanu (vedi) e pertanto significano anch’essi «gabbano, cappotto».

Cabbas (prov. di Nùoro): 1) può corrispondere al cognome spagn. Cabas, attestato, ad es., a Madrid, che è di significato ignoto; 2) può essere una variante del cognome Gabbas (vedi) e pertanto significare anch’esso «gabba, beffa, scherzo», col plur. di famiglia.

Cabboi (Cabbòi, Cabbói) (Assemini, Bitti, Bolotana, Carbonia, Mamoiada, Oliena, Perdasdefogu): è una variante grafica del cognome Caboi (vedi).

Cabbua (Cabbúa) (Cagliari, Donori, Quartucciu, Terralba): è una variante grafica del cognome Cabua (Terralba; vedi).

Cabeccia (Cabèccia) (Sassari, Sorso): probabilm. è un cognome di origine spagn. corrispondente all’appell. cabeza «testa, capo».

Cabella (Cagliari, Guspini, Oristano, Tempio, Trinità): 1) può essere una variante del cognome Gabella (vedi) e pertanto significare anch’esso «gabella, tassa, dazio»; 2) può anche essere un cognome propriam. ital. derivato dall’espressione Ca(sa) Bella (DCI 96).

Cabiddu/o (Arzana, Esterzili, Iglesias, Oristano, Orune, Sedilo, Urzulei): 1) corrisponde all’appell. logud. cabiddu «copricapo» (DULS 3°, 318) e «specie di cardo selvatico» (VOSLI), il quale deriva dal lat. capillus «capello»; 2) può derivare dal cognomen lat. Capillus (RNG); 3) in subordine potrebbe corrispondere a Cabillu, vocabolo con cui gli abitanti del Sulcis e dell’Iglesiente chiamano, anche in senso dispregiativo, l’abitante della Sardegna sett., cioè del cosiddetto Cabu de Susu «Capo di Sopra» (DILS) (vedi Cabilla).- È documentato nelle Carte Volgari AAC VIII come Cabillu. La forma Cabiddo è stata italianizzata nella vocale finale.- Vedi Capiddu.

Cabigiosu/o (Cagliari, Ploaghe, Pula, Sassari): è una variante del cognome Cabizzosu e pertanto significa anch’esso «fornito di grossa testa» oppure «capriccioso» (vedi). La variante Cabigioso è stata italianizzata nella vocale finale.

Cabigliera (Ozieri, Pattada): corrisponde all’appell. logud. cabigliera «capigliatura», che deriva dallo spagn. cabellera (DILS).

Cabilla (Baunei, Silanus): 1) può corrispondere al femm. dell’etnico Cabillu-a «abitante del Capo di Sopra» (vedi Cabiddu³); 2) può essere un cognome di origine spagn. corrispondente all’appell. cabilla «caviglia».

Cabit(t)a (Cagliari, Lei, Macomer, Olbia, Oristano, Silanus): corrisponde all’appell. logud. cabitta «testa, capo», che deriva dal lat. capitia (DILS); ricorre come Capita, Capitha, Capiza nei Condaghi di Silki, di Trullas e di Salvennor. Vedi Capit(t)a, Cabitza.

Cabittu (prov. di Nùoro): può corrispondere al diminutivo dell’appell. cabu, capu «capo» ed anche «inizio, cima», che probabilm. deriva dal corrispondente italiano.

Cabitza, Cabizza (Cagliari, Nùoro, Olbia, Oristano, Santa Giusta, Selargius, Tertenia): 1) può essere una variante del cognome Cabit(t)a (vedi) e pertanto significare anch’esso «testa, capo»; 2) in subordine potrebbe corrispondere al campid. cabitza «spiga del grano», che deriva dal lat. capitia (DILS); 3) ancora in subordine potrebbe corrispondere al campid. femm. cabitza «svasso minore» (palmipede), che è una retroformazione da cabitzoni «tuffetto» (uccello acquatico) (DILS); 4) ancora in subordine potrebbe corrispondere all’appell. cabitza «cavezza» (Mogoro), che deriva dal corrispondente ital. (DILS).- Compare come Cabiza nel Condaghe di Trullas. Vedi Cabitzeddu.

Cabitzeddu (Seneghe): è il diminutivo masch. (indicante eventualm. la filiazione) del cognome Cabitza (vedi).

Cabitzudu (Cabras, Cagliari anno 1654, Cuglieri, Narbolia, Seneghe): corrisponde ad un aggett. *cabitzudu «fornito di grossa testa», derivato da cabitza «testa, capo». Vedi Cabitza; cfr. Cabizzosu.

Cabizza (Cagliari, Bulzi, Sassari, Tertenia): è una variante grafica del cognome Cabitza (vedi).

Cabizzosu (Cabitzosu) (Abbasanta, Bolotana, Cagliari, Macomer, Nùoro, Ulassai): corrisponde a un aggett. *cabitzosu «fornito di grossa testa» oppure «capriccioso», derivato da cabitza «testa, capo». Vedi Cabigiosu; cfr. Cabitza, Cabitzudu.

Caboi (Cabòi, Cabói) (Cagliari, Macomer, Nùoro, Olbia): è una variante campid. rust. del cognome Caboni (vedi). Vedi pure Cabboi.

Caboni (Ales, Cagliari, Borore, Nùoro, Siniscola, Sardegna merid.): corrisponde all’appell. campid. caboni «gallo», che deriva dal lat. capone(m) (DILS). Vedi Cab(b)oi; cfr. Gallu², Puddu.

Cabra (Baunei, Orgosolo sec. 1700): è una variante del cognome Capra (vedi); ricorre nei Condaghi di Silki, di Trullas, di Bonarcado e di Salvennor. Vedi Cabras, Craba, Cabredda.

Cabrai (Cabrái) (Cagliari): può essere la sardizzazione del cognome ital. Caprai, il quale corrisponde all’appell. capraio, col plur. di famiglia.

Cabrargiu (prov. di Nùoro): corrisponde all’appell. cabrárgiu «capraio», il quale deriva dal lat. caprarius (DILS). Vedi Crabargiu.

Cabras (Bosa, Cagliari, Cardedu, Girasole, Nùoro): 1) può essere il plur. di famiglia del cognome Cabra (vedi Crabas); 2) può corrispondere al nome del villaggio Cabras (prov. di Oristano) indicando in origine la nascita di un individuo in quel sito (cfr. Crabesu).

Cabredda (prov. di Nùoro): è il diminutivo femm. (indicante eventualm. la filiazione) del cognome Cabra (vedi).

Cabriolu (Baressa, Cagliari, Sassari, Villacidro): corrisponde all’appell. cabriolu, crabiolu «daino», il quale deriva dal lat. capreolus (DILS). Vedi Crabolu, Caprolu, Crapolu.

Cabua (Cabúa) (Cagliari, Lula, Masullas, Mogorella, Quartucciu, Terralba): probabilm. è la variante campid. rust. del cognome Cabula (vedi). Vedi pure Cabbua.

Cabuderra (Mores): corrisponde al nome sardo del villaggio di Capoterra (prov. di Cagliari) e indicava in origine la nascita di un individuo in quel sito. Il topon. compare come Cabuderra nelle Carte Volgari AAC XIII, XIV, e come Capoterra nel CDS II 43 per l’anno 1410 (DILS II 575). Vedi Cabuterra, Gabuderra.

Cabula (Laconi, Magomadas, Nùoro, Olbia, Oristano, Riola, Terralba): è una variante del cognome Capula (vedi). Vedi pure Cabua.

Caburosso, Caburrosso (Nughedu San Nicolò, Ozieri): costituisce un parziale adattamento sardo del cognome còrso Caporosso (DCSC).

Cabuterra (Mores): è una variante del cognome Cabuderra, Gabuderra (ibidem; vedi).

Cacabu, Cacau (mediev., CSMB 73, 88, 125, 167): può derivare dal cognomen lat. Cac(c)abus (RNG; UNS 146).

Caccamo (Cáccamo) (Cagliari, Torpè): è un cognome propriam. ital. corrispondente al nome del paese di Caccamo (prov. di Palermo) e indicante in origine la nascita di un individuo in quel sito.

Cacceddu, Caceddu (Cagliari, Oliena): è la variante di Oliena (NU) del cognome Catteddu (vedi) e pertanto significa anch’esso  «cagnetto».

Cacciarru (Aggius, Cagliari, Iglesias, Tempio, Villaperuccio): è l’adattamento del cognome di origine spagn. Cacharro, che corrisponde all’appell. cacharro «vaso di argilla».

Caccioni (Chiaramonti, Santa Maria Coghinas, Sassari): 1) può essere un cognome gallur. corrispondente all’accrescitivo dell’appell. còrso cácciu «germoglio» (DCSC); 2) può essere un cognome propriam. ital. (col plur. di famiglia), corrispondente all’accrescitivo dell’appell. cacio «formaggio».- Vedi Catzona.

Caccuris (mediev., CSNT² 250): potrebbe derivare dal gentilizio lat. Cacurius (RNG; UNS 146). È da confrontare col nome del paese di Caccuri, prov. di Catanzaro.

Caceddu (Oliena): è una variante grafica del cognome Cacceddu (vedi).

Cadalanu (Nùoro, Oliena, Orosei, ecc.): 1) corrisponde all’etnico Cadalanu «Catalano», indicando in origine un individuo nato nella Catalogna; 2) può corrispondere all’appell. cadalanu «bacherozzolo, blatta», nome dato dai Sardi a questo insetto schifoso per dispregio dei dominatori catalani (DILS).- Compare nel Condaghe di Bonarcado 94. Vedi Cadelanu.

Cadau/o (Cadáu) (Belvì, Cuglieri, Gavoi, Macomer, Noragugume, Nùoro, Nuxis, Oristano, Scano M., Silanus, Tortolì): 1) può essere una variante del cognome Gadau, il quale significa «Gherardo» (vedi); 2) in subordine potrebbe corrispondere al mediev. Cataus (RDS 981), che è di significato e origine ignoti.- La forma Cadao è stata italianizzata nella vocale finale.

Per acquistare questo testo in formato E-book o cartaceo clicca vai su www.ipaziabooks.com

Advertisements

Regala i noltri libri a Natale. Acquistali qui, risparmia!