PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Ferragosto con un geco: che fare? Dubbi etici e istinti criminali.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

untitleddi Rina Brundu. Che immagino ognuno abbia un suo modo di festeggiare il Ferragosto. Da bambina era così anche per me: si andava in campagna, si faceva festa con i cugini, si mangiava l’anguria, si tornava a casa tardi e poi si dormiva pesante per tutta la notte. Dopo una vita trascorsa in Irlanda, dove il 15 di agosto è di norma un’altra giornata uggiosa tra le parole anche quest’estate è fottuta, per me è scomparso il concetto stesso di Ferragosto. Oggi come oggi mi pare pure una brutta parola, mi propone una strana assonanza con un qualche oggetto appuntito che vorresti tra le mani in date situazioni complicate. Per risolvere.

Com’é come non è oggi ho deciso di trascorrerla da sola questa festività italica e per buona parte della giornata ci sono pure riuscita. Anche la pioggia che cadeva soffice mi ricordava Dublino e in un modo o nell’altro leniva la nostalgia. Poi saranno state le cinque quando ho improvvisamente alzato la testa dal computer e in un angolo di muro del salotto ho visto una piccola lucertola, immobile. Panico. Credo di avere lanciato una sorta di ululato fantozziano che ha invariabilmente allertato nessuno. Ma la colpa era comunque mia: la portafinestra era spalancata e il reprobo era sicuramente entrato da lì.

Che fare? Anni fa sarei corsa fuori di casa urlando all’impazzata, ma questi non sono più quei tempi. Oggi qualunque sia il problema bisogna “googlarlo”. Volendo anche Yahoo può andar bene, basta risolvere. It turns out, o almeno così sostengono i sagaci redattori internettianiche probabilmente il mio ospite non è una lucertola, ma un geco. La differenza? Che cazzo ne so e non ho alcuna intenzione di andare a controllarne il dna: l’animaletto mi mette brividi darwiniani addosso e non sono di norma abituata a gestire queste situazioni. Comunque se lo dicono su google sarà vero: si tratterà probabilmente di un geco.

Geco o non geco, sembrerebbe che questi altri-Esseri siano fondamentalmente “friendly”: uccidono le zanzare e non ti fanno casino. Sarà, ma a meno che non versi la sua quota IMU, io lo voglio fuori di casa. Dimenticato Google mi viene quella che ritenevo un’ideona: dal punto in cui si trovava… magari mi sarebbe stato più facile scacciarlo nell’andito. Apro la porta e contestualmente apro la finestra dell’andito… un modo come un altro per consigliargli una via d’uscita. Ma come muoverlo? Prendo una lunga scopa e lo sfioro. Mai l’avessi fatto: il reprobo corre veloce dietro una credenza lunghissima e per quanto ne so sta ancora lì.

Urlo di nuovo ma nessuno mi sente e al geco non gliene frega niente del mio terrore alla Psycho. A quel punto ho cominciato a spruzzare spray per zanzare per tutta la casa e mi sono quasi avvelenata senza ottenere un risultato visibile. Dopo diverse ore ho chiuso la portafinestra e adesso… sento che lui (lei?) è ancora qui con me. Anche il dilemma etico mi ha afflitto per tutto il tempo: muovere tutti i mobili domattina onde infilzarlo/a con un spiedo o attendere l’apertura dei negozi lunedì per sterminarlo/a con veleno per topi?

Poi la ragione ha fortunatamente ripreso il sopravvento e forse hanno davvero ragione I geniacci di Google: meglio scacciarlo amichevolmente, l’ultima cosa che vorrei è doverne ospitare i parenti durante il funerale…

PS Detto questo se qualcuno ha un valido consiglio per liberarmene presto senza commettere un gekicidio… sarei grata. Ci sono anche momenti buoni per sporcarsi la coscienza ma debbono valerne la pena, questo non mi pare uno di quelli…

4 Comments on Ferragosto con un geco: che fare? Dubbi etici e istinti criminali.

  1. Grazie per il like ma francamente mi serve una soluzione, l’Essere è ancora qui…

  2. Mano ferma? Non riuscirei mai a toccarlo mi incute un terrore atavico… E io non ho latte in casa mia, mai bevuto, mi fa schifo. Non ho neppure dormito tutta la notte a causa dell’idea del geco… L’unica buona cosa e’ che alle sei ho visto l’alba… Ho riaperto la portafinestra…. cercherò di farlo uscire in terrazzo anche perché la casa è modernissima e pulitissima quindi se non esce muore di fame… In ogni caso meglio che lo faccia entro oggi perché domani passerò ad altri sistemi. Anche a me non garba avere la sua vita sulla coscienza… ma è pur vero che siamo tutti di passaggio in questo mondo. Ciao

Comments are closed.