Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Berlusconi melanconico a “Che tempo che fa”: “Siamo in regime di Democrazia Sospesa, serve una Rivoluzione Liberale. Alfano? È attaccato alla poltrona con forte affetto. Grillo? È finito”. E sull’intervista di Fazio.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

Nel giorno in cui Moretti si scopre profetico (“I francesi mi giudicano solo per i miei film”) e la debacle del cinema italiano al Festival di Cannes è stata totale, ecco l’impensabile mediatico-televisivo, ovvero il miracolo di una buona intervista di Fabio Fazio nel suo “Che tempo che fa” (Rai3). A dirla tutta non mi abbandona il dubbio che il lavoro del conduttore sia stato facilitato dalla straordinaria vena malinconica di un Silvio Berlusconi – l’intervistato – che è apparso a momenti vittima della sorrentinica Sindrome di Youth e a momenti politicamente rassegnato, ma magari mi sbaglio….

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

3 Comments on Berlusconi melanconico a “Che tempo che fa”: “Siamo in regime di Democrazia Sospesa, serve una Rivoluzione Liberale. Alfano? È attaccato alla poltrona con forte affetto. Grillo? È finito”. E sull’intervista di Fazio.

  1. Buona Intervista e difficile. C’è stato un momento che il Fabio nazionale stava per abboccare all’amo del caimano incontenibile, ma si è ripreso bene è ha sottolineato quello che c’era da sottolineare, con garbo e una certa autorevolezza. è vero è stato aiutato dalla patetica vena di Silvio, ma così vanno le cose.Buona settimana!

    Like

    • Stai mettendo il dito nella piaga. Mi sono pentita subito di avere scritto che è stata una buona intervista… Quello che intendevo dire era che Fazio era senz’altro più agitato e questo lo toglieva dalla poltrona comoda di sempre. D’altro canto il suo intervistato non era Renzi davanti al quale il conduttore si sarebbe inginocchiato e quindi ha fatto qualche domanda valida… Magari non tutti se ne sono accorti perché le ha fatte nel solito stile faziano… cioè scusandosi, rigirando le parole… guai insomma a far incazzare l’ospite. A mio avviso però in questo contesto era il miglior modo di procedere perché l’ospite apparteneva a quella categoria di politici che sono come i protagonisti del film The Others di Alejandro Amenabar: sono morti che non sanno di esserlo.
      Ciao

      Liked by 1 person

      • Ho visto su un “prestigioso” giornale l’occhiello titolato… Berlusconi: “Serve una nuova coalizione di destra”. Proprio tutto il contrario di ciò che ha detto Silvio. Ha detto che non voleva più una coalizione di partiti tipo Casa della Libertà, ma un unico partito dove entità diverse potessero entrare.. anche i club….

        Robe utopiche naturalmente ma questo è ciò che ha detto e bisognerebbe evitare di riportare cazzate.

        Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: