Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (103) – Voto sull’Italicum o dell’occasione storica del “riscatto” a sinistra. E un appello ai DEM.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Non ci sono dubbi che l’incombente voto sull’Italicum rappresenti una occasione importante per la sinistra storica desiderosa di redenzione e purificazione, nonchè per il suo datato tentativo di riagguantare una qualche credibilità e possibilità di riaffermazione della propria dignità sul panorama politico nazionale e internazionale. Ecco dunque il mio appello ai DEM e alle altre minoranze in seno al PD: votate NO e mandate a casa questo governo!

Francamente non penso, ne auspico, che il futuro governativo dell’Italia sia delle entità politiche note, né di destra né di sinistra, e per il tempo che verrà preferirei pensare ad un Paese gestito da aggregazioni di cittadini – movimenti nati dal basso molto simili all’attuale M5S – che considereranno la “carriera” politica una carriera a termine e un onore che è soprattutto occasione unica per rendere umile servizio agli altri…

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!