Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Contro il fanatismo religioso e la sessuofobia – Apologia della forza di Libby Lane, della determinazione di Alexis Tsipras, del coraggio di Michelle Obama.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

 
ORIANA FALLACI E' MORTA A FIRENZEOgni persona libera, ogni giornalista libero, deve essere pronto a riconoscere la verità ovunque essa sia. E se non lo fa è, (nell'ordine): un imbecille, un disonesto, un fanatico. Il fanatismo è il primo nemico della libertà di pensiero. E a questo credo io mi piegherò sempre, per questo credo io pagherò sempre: ignorando orgogliosamente chi non capisce o chi per i suoi interessi e le sue ideologie finge di non capire.

Oriana Fallaci

“No! Non è nella Bibbia!”. È con queste parole che, pochi giorni fa, uno dei religiosi presenti all’ordinazione di Libby Lane – la prima donna vescovo della Chiesa anglicana – ha tentato di interrompere la cerimonia. Ma la Lane non l’ha degnato di uno sguardo e con lei l’alto prelato che la consacrava….

“Giuro di rispettare sempre la Costituzione e le leggi nell’interesse del popolo greco”. Sono queste le parole usate dal giovane Primo Ministro Alexis Tsipras mentre – relegando la tradizione nel dimenticatoio – giurava sulla Costituzione e NON sulla Bibbia.

tzipras

“Non ho alcuna intenzione di coprirmi la testa!” queste invece potrebbero essere le parole usate dalla First Lady Michelle Obama quando – mentre in visita in Arabia Saudita in compagnia del marito – si è presentata a capo scoperto.

398px-Michelle_Obama_2013_official_portrait

Che dire? Semplicemente grandi! Un esempio e un modello da imitare. Fino a che esisteranno questi uomini e queste donne e fino a quando si potrà contare sul loro coraggio, sarà finanche impossibile far fuori la speranza.

Featured images sources Wikipedia.
Advertisements

15 Comments on Contro il fanatismo religioso e la sessuofobia – Apologia della forza di Libby Lane, della determinazione di Alexis Tsipras, del coraggio di Michelle Obama.

  1. Aspettiamo con ansia che qualcosa di simile accada anche qui da noi ed ho paura che l’attesa sia molto lunga

    • Sai che mi hai letto nel pensiero? Stavo per postare io lasciando un messaggio simile… poi mi sono detta che sarei stata esagerata al solito. Eppure è così. Mentre noi ci meniamo i maroni con questo teatrino ridicolo di presidente-meno-peggio… questi signori giovani, belli, fanno la storia. Costruiscono il mondo.. un mondo migliore. E da noi vengono ignorati o relegati ad articoli di contorno. Eppure è qui che si decide il nostro futuro ed è qui che si racconta davvero di che pasta siamo fatti. Quando mi dicono che sono severa… mi viene da ridere. Si è severi con chi lo merita e ad un tempo si rende onore a chi ci spiana la strada verso un futuro migliore.

  2. Heartafire // 28 January 2015 at 23:53 //

    Bravo!

  3. Tanto di cappello e mostrarsi il capo nudo…bello!

  4. Ci vuole coraggio però anche se sei Michelle Obama. Ad un tempo solo lei poteva farlo ora come ora: ma l’ha fatto ed è questo che conta. Nessuna donna dovrebbe entrare in nessun luogo con un velo in testa se non lo desidera. Nessun uomo. Nessun bambino. Nessun altro-essere. Fino a che non si capiranno pienamente questi concetti base non si andrà da nessuna parte. Il rispetto si porta invece nei modi, nell’anima, nel cuore. E nella compassione che i grandi saggi, tra i quali Cristo, hanno insegnato.

  5. grazie per questo “innovativo” assemblaggio di grandi persone e grandi eventi. Bisogna pure cominciare a fare qualcosa e non solo a blaterare. vedere Michelle in tutto lo splendore dei suoi capelli, dei suoi colori e della sua corporeità , tenere testa orgogliosamente a tanti uomini mi ha fatto scorrere brividi di speranza lungo la schiena. Persino Barack è sembrato più piccolo di fronte a lei. Il vescovo Libby fantastico e il richiamo alle leggi della Chiesa d’Inghilterra sublime . Il giuramento laico di Tsipras è un gesto che ristabilisce un ordine civile. Diamo a cesare quel che è di Cesare diamo a Dio quel che è di Dio. Forse è una citazione sbagliata in questo contesto, ma a sento e perciò la scrivo. Un abbraccio

  6. Reblogged this on Affascinailtuocuore's Blog and commented:
    un collage bellissimo da Rosebud sui cambiamenti in atto nei rapporti Uomo-Donna-Religione-Società e Potere

    • Ciao Ornella,
      grazie per il reblogging…. Magari fossero “cambiamenti”…. in realta’ sono gesti isolati di alcuni coraggiosi, fermo restando che sono sono i gesti isolati di alcuni coraggiosi che hanno cambiato il mondo in meglio. Le masse inginocchiate di solito lo hanno cambiato in peggio. Ciao.

  7. Forse il titolo corretto sarebbe stato contro il fanatismo e la misoginia…

  8. Una volta, quando ancora ero molto vicina alla religione cattolica, mio marito mi ha chiesto: “Ma tu che sei così pro-parità e che ti batti perchè non ci siano discriminazioni tra donne e uomini non ti senti discriminata dalla tua religione?” Devo dire che è stato un momento illuminante. Il messaggio che porta con se Libby Lane è importantissimo e ovviamente giusto. E la voce fuori dal coro totalmente ignorata spero sia segno che i tempi stanno cambiando. Grazie per il post!

    • Grazie a te per il commento. Certo che i tempi cambiano, ma in Inghilterra dubito molto che questo possa accadere in Italia. La domanda di tuo marito era giusta in principio. Personalmente non ho di questi problemi perché non do valore a questi miti. Sarebbe come arrabbiarmi perché é sempre il principe a liberare la principessa e non viceversa.

      Non possiamo mutare questa tipologia di sostrato culturale che è stato la nostra storia. Ma si può fare tanto per tenere lontare i ragazzi e per far capire che se c’é mai stato un architetto che ha creato questo universo, è senz’altro uno più in gamba di quello descritto dalle religioni umane che non pretenderebbe da noi che ci si inginocchi davanti a lui/lei. Piuttosto pretenderebbe, immagino, che ci confrontiamo da pari a pari con l’arma formidabile che ci ha regalato: l’intelligenza. In tutte le sue forme. Che non è solo quella matematica.
      Ciao

Comments are closed.