Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Sulla “velata” critica di Vittorio Messori a Papa Francesco.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

father teddi Rina Brundu. La prima considerazione che mi viene in mente leggendo “la riflessione personale” di Vittorio Messori pubblicata quest’oggi dal Corriere.it e titolata “I dubbi sulla svolta di Papa Francesco” è il desiderio di sapere chi gliel’abbia commissionata, dato che è lo stesso autore del pezzo in questione a dire che l’avrebbe “rimandata” se non fosse che gliel’avevano espressamente richiesta: ghiribizzi e furbate leccaculeggianti del giornalismo italico!

Detto questo e tornando alla “riflessione personale” – nonché riconoscendo l’indubbia validità dello spirito che l’ha scritta – colpisce nella stessa il tanto detto per non dire. Di fatto l’articolo è un raro quadro di politichese d’antan applicato alle cose della religione cattolica che – più di tanti altri esempi – dà chiara evidenza di quanto debba essere difficile il cammino di cambiamento intrapreso da Papa Francesco. Detto altrimenti la critica “velata” di Messori non è neppure troppo velata: prende atto del carattere imprevedibile del pontificato di questo papa argentino, una “imprevedibilità” che turberebbe il “cattolico medio, abituato a fare a meno di pensare in proprio, quanto a fede e costumi, ed esortato a limitarsi a «seguire il Papa»”; peccato che non venga data chiara spiegazione di cosa si intenda per cattolico “medio” (mediamente acculturato? Mediamente interessato? Mediamente capace di intervenire nelle dinamiche dirigenziali ecclesiastiche? Etc etc)…. lo faccio notare perché a mio parere l’imprevedibilità di questo straordinario-Papa turba molto di più le coscienze delle alte gerarchie cattoliche piuttosto che i sogni della lay-community per dirla con gli ispirati script-writers di Father Ted.

Colpiscono poi, nel proseguo del discorso, anche le neppur-troppo-velate critiche al Francesco che telefona a Marco Pannella e gli augura “Buon lavoro”, la velata critica al Francesco che si intrattiene con l’intellettuale-ateo Scalfari, al Francesco amico di una classe dirigente sudamericana che starebbe trasformando quel continuente in un continente ex-cattolico. Colpisce insomma questa sorta di j’accuse mediaticamente italico, all’insegna dell’avita “nobile” pratica sottolineo i tuoi “peccati” urbi-et-orbi, ma ad un tempo me ne dissocio e se questo non bastasse dico chiaro e tondo che “ho scelto , per quanto mi riguarda, di osservare, ascoltare, riflettere senza azzardarmi in pareri intempestivi se non addirittura temerari”. Del resto me ne lavo le mani, intellettualmente parlando, e il giudizio finale lo rimetto nelle mani di Dio così come dovrebbe fare la comunità cattolica tutta: Dio non può sbagliare!

Se questi sono i pensieri degli “amici” – e nello specifico di un giornalista come Messori, di norma abbastanza pacato, ma anche dotato di quella che sembrerebbe essere una qualità laica di visione dentro un pensiero fortemente indottrinato – chi sa cosa ne pensano i “nemici” dell’operato di questo straordinario Papa argentino. Nel 2013 è stato proprio Jorge Mario Bergoglio a dire: “La croce di Cristo abbracciata con amore mai porta alla tristezza, ma alla gioia, alla gioia di essere salvati e di fare un pochettino quello che ha fatto Lui”: grande coscienza teologica delle cose, forte pragmatismo o indiscutibile segno di chiaroveggenza? Qualsiasi sia la verità che quel Cristo che tanto ammira possa dargli subito una mano, sembrerebbe ne abbbia davvero bisogno!

Featured image, locandina allo straordinario Father Ted di Arthur Mathews and Graham Linehan
Advertisements

5 Comments on Sulla “velata” critica di Vittorio Messori a Papa Francesco.

  1. PS Aggiungerei che secondo la ferrea filosofia religiosa di un mio vecchio parroco che purtroppo non c’e’ più, la posizione messoriana sarebbe configurabile sotto la macro-dinamica peccato di omissione ma concedo che potrei sbagliarmi, fortunatamente non me ne intendo…

  2. Purtroppo tu t’intendi e non ti sbagli, ma potrei sbagliarmi anch’io. Sto con Papa Francesco. Di Messori non ho mai sentito la necessità per capire cosa succedesse in Vaticano. Comunque occorre perdonarlo. La professione di vaticanista è complicata perché lo Spirito santo, di Papa in Papa, cambia continuamente le carte in tavola! Ora che i Papi diventano emeriti, presto ne avremo tre. Tutti vivi e vegeti, con il regnante che porta il cornetto del mattino agli altri due. Un Re che ruba il mestiere al cameriere! Ma ci pensate? Ai tempi dei Papi parenti o quasi di Santi (Bellarmino e Borromeo), questo non succedeva, anche se uno, come Marcello II, morì venti giorni dopo esser stato eletto?

    • E certo che lo perdoniamo, si figuri (perché non lo dovremmo perdonare??)! Come sa non sono proprio dentro le cose di Chiesa e non sono tra le mie preferite…mi ha solo colpito il guazzabuglio linguistico stile azzeccagarbugli…. dico per non dire…. me ne lavo le mani, etc. Papa Francesco è un grande uomo e un papa che non si era visto mai… credo che abbia la stessa opposizione interna che a suo tempo ebbe Francesco, Cristo e tutti quelli che prendevano messaggi di carità e di povertà sul serio….

      Per quanto mi riguarda le dinamiche descritte da Machiavelli sulla politica e sul potere si applicano interamente alla Chiesa essendo dinamiche di “uomini”, veda il caso di Alessandro VI (mi pare) etc… etc. Il resto sono cose dello Spirito e dunque per come si è sempre ragionato in Vaticano, dettagli!

      • Ho notato che oggi il Corriere.it ha tolto l’articolo in questione dalla Homepage! Nulla come Internet per tirare fuori le magagne giornalistiche italiane…. ci sarebbe solo da chiedersi chissà quante storie in 50 anni di “libera” informazione… Sic!

  3. Ripensandoci Signor Pietro, questa sua

    – La professione di vaticanista è complicata perché lo Spirito santo, di Papa in Papa, cambia continuamente le carte in tavola! –

    merita tanto di capello. O come dicono I francesi, chapeau!

    🙂

Comments are closed.