Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (51) – Caso Marò e la linea dura italiana, i commentatori indiani: “Who cares?”. E sul nostro ambasciatore mascherato… Sonia Gandhi.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Rina Brundu

Illuminanti, a proposito della nuova linea dura di Roma sul caso Marò – linea dura che dovrebbe portare al richiamo dell’ambasciatore italiano in patria – i commenti dei lettori dell’Hindustan Times, in calce all’articolo Marines row: Italy threatens to withdraw its ambassador from India. L’Italia minaccia di richiamare il suo ambasciatore dall’India? “Who cares?” risponde lo user David Hawks. Chi se ne frega? Naturalmente quello di Hawks è solo il più gentile dei pensieri che ci vengono rivolti, per la serie più il tempo passa più gli animi indiani fanno punto di riscaldarsi sulla questione con maggiore danno per i nostri due soldati. E per la nostra immagine internazionale…

 

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

1 Comment on Quello che il renzismo non dice (51) – Caso Marò e la linea dura italiana, i commentatori indiani: “Who cares?”. E sul nostro ambasciatore mascherato… Sonia Gandhi.

  1. Purtroppo ci troviamo di fronte a due ubriachi dove il primo è convinto di sorreggere l’altro e viceversa, e entrambi sono visti dalla gente quale realmente sono. Se noi non facciamo una bella figura, l’India la fa altrettanto perché non è ammissibile che un giudizio internazionale si trascini a quel modo. Perché sul pulpito c’è un ubriaco altrettanto mal messo a giustizia quanto l’altro. L’Italia ha commesso in buona fede e ingenuità il rilascio dei due quando in effetti la nave era in acque internazionali. Almeno così sembra. Credo che per uscirne si debba trovare una soluzione politico-diplomatica, conveniente ad entrambi a questo punto. Ma ne saranno capaci?

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: