Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Quello che il renzismo non dice (46) – Il racconto dell’Italia (dall’elicottero), la caccia al burocrate che ha allagato Genova e altri spunti dall’intervista di Matteo Renzi a In mezz’ora

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

 

La “volontà di potenza” renzista più che una degna pulsione infinita verso il rinnovamento, pare una sub-categoria delle filosofie motivazionali new-age in virtù delle quali se “thoughts become things” (i pensieri diventano cose) perché le parole non possono diventare fatti? Detto altrimenti, sembrerebbe che sia perfetta convinzione della corte renzista e di Matteo Renzi in particolare, che basti affermare l’essenza della realtà (pardon, di una data realtà, quella di cui sono convinti e di cui intendono convincere il popolo italiano) per definire quest’ultima. Da qui a venirne fuori con le anelanti e usate dichiarazioni che hanno costellato questi ultimi 30 mesi di laissez-faire politico, economico, amministrativo, il passo è breve: “Il Jobs Act è stato un successo”, “L’Expo è stato un successo”, “La Riforma costituzionale cambierà l’Italia”, “L’Italia è ripartita”… e in ultimo proprio l’odierno “Abbiamo dimostrato di non essere il problema”.

(Dal “Diario dai giorni del golpe bianco” di Rina Brundu, prossimamente).

Rina Brundu

the-average-bureaucrat_jpg!Blog

Bisogna riconoscerlo, l’unico momento in cui l’Annunziata si è rilassata un poco, durante l’intervista a Matteo Renzi nella puntata di In mezz’ora (Rai3) di ieri pomeriggio, è stato quando il premier ha spiegato che Berlusconi non dava più le carte. “Berlusconi, non dà più le carte? Dai…” si è lasciata andare la conduttrice, dando l’impressione di vivere uno straordinario momento di goduria. E, dopo avere ripetuto la flebile considerazione diverse volte, ha riso, in un modo o nell’altro la trappola mediatica aveva funzionato e l’intervistato ci era cascato quel tanto che bastava….

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

3 Comments on Quello che il renzismo non dice (46) – Il racconto dell’Italia (dall’elicottero), la caccia al burocrate che ha allagato Genova e altri spunti dall’intervista di Matteo Renzi a In mezz’ora

  1. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti quelli che camminano coi piedi per terra, compresa quella che sta franando, ahi noi!

    Like

  2. Mi cospargo il capo di polvere… ho dimenticato di scrivere che Renzi ha anche detto di avere un grande rispetto per i sindacati e una volta ha persino parlato di “lavoratori”… Immagino sarà stato un lapsus ma è giusto riportarlo….

    PS Se dovessi scegliere una intervista renziana che rappresenti il renzismo così come raccontato in questa serie di articoli, questa sarebbe l’intervista da scegliere; straordinaria nel suo fare venire a galla le chiavi portanti il renzismo più ruspante, ovvero il nulla.

    Like

    • E’ tutta una consequtio temporum che ci avvolge e ci travolge, lavoratori e non. Dei sindacati meglio non parlare, lasciamoli insindacabili e al loro tempo, ormai trapassato
      Bignorebbe trovare un vocabolo appropriato al renzismo… si può dire …nullismo?
      O che altro?

      Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: