PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10

Sul continuo allargamento dell’UE…. a guida italiana. E dopo l’arrivo di Grillo.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

640px-Beppe_Grillo_-_Trento_2012_01di Michele Marsonet. Tralasciando le discussioni dotte e specialistiche sull’identità culturale europea, su pregi e difetti della UE e sulle sue prospettive, vorrei adottare il punto di vista più semplice e forse ingenuo del comune cittadino che si pone inevitabilmente delle domande quando legge certe notizie. Sono in realtà quesiti che si affacciano anche alla mente degli specialisti (o presunti tali), ma assumendo un tono oracolare essi fanno solo finta di rispondere e, di conseguenza, la gente non comprende.

Dunque, da quanto si capisce il processo di allargamento dell’Unione prosegue in modo inesorabile e sia pure tra alti e bassi. Di recente ha ottenuto semaforo verde l’Albania, che bussava alla porta da parecchio tempo. Ora hanno firmato l’accordo di associazione anche Ucraina, Moldavia e Georgia.

Quest’ultima non è ovviamente l’omonimo stato USA, bensì l’ex repubblica sovietica che confina con la Russia a nord, e con Turchia, Armenia e Azerbaijan a sud. Secondo le mie modeste nozioni di geografia è un Paese caucasico, e almeno al sottoscritto non è mai passato per la testa di definire il Caucaso quale parte dell’Europa. Forse sbaglio, ma continuo a pensarla così.

Ma andiamo avanti. Molti quotidiani hanno opportunamente rammentato che anni fa – prima della crisi – le massime autorità della UE elaborarono il progetto della “Grande Europa”. Secondo un bell’articolo di Giuseppe Sarcina uscito sul “Corriere della Sera” del 29 giugno, “l’idea, implicita, era di passare dallo schema bipolare Occidente-Oriente a uno monopolare: al centro Bruxelles (ma si deve intendere Berlino-Parigi-Londra) e poi via via una serie di anelli, fino ad arrivare a Mosca”.

E l’Italia? Calma, ci siamo anche noi, almeno sul piano delle idee. Al tempo (1999-2004) era infatti presidente della Commissione europea Romano Prodi, entusiasta sostenitore dell’allargamento a oltranza. “Ring of friends”, lo definiva. La cosa gli è poi stata rinfacciata, anche con toni aspri, molte volte, ma credo che nonostante tutto l’ex Presidente del consiglio italiano sia ancora convinto di aver avuto ragione. Non a caso ha sempre risposto alle critiche facendo spallucce.

Non so, può anche darsi che l’idea in sé sia ottima. Mi rammenta una celebre espressione di Giorgio Amendola: “L’Europa dall’Atlantico agli Urali”, anche se qui si va addirittura oltre. Però da allora la situazione è parecchio cambiata.
Innanzitutto l’asse tripolare Berlino-Parigi-Londra è sparito ed è stato rimpiazzato da un’egemonia tedesca praticata senza remore. I francesi sono a rimorchio anche se non lo ammettono, e il Regno Unito sta seriamente pensando di uscire. Non è detto che gli inglesi lo facciano, ma il pericolo è più concreto che in passato per motivi ben noti.

Da notare, tra l’altro, che la suddetta strategia espansiva non è mai stata avallata da un consenso popolare basato sul voto. Anzi, in genere la maggioranza dei cittadini dei vecchi Paesi membri ha fatto capire di non gradire ulteriori allargamenti. Si tratta quindi di un progetto elaborato a tavolino nelle stanze di quelli che contano davvero a Bruxelles (e sono pochi).
Qual è, tuttavia la domanda di fondo, e facile da formulare, che si pongono i “vecchi” cittadini dell’Unione? E’ la seguente. Ma come, la UE altro non fa che parlare del divieto di sforare precisi limiti nel deficit, rimprovera in continuazione i “reprobi” dell’Europa del Sud per la loro scarsa virtuosità, e poi scopriamo che si vuole favorire l’entrata di Stati in condizioni ancor peggiori?

Ciprioti, greci, italiani, spagnoli e portoghesi vengono messi alla gogna, e adesso si pensa all’Ucraina che è sull’orlo del fallimento, a Moldavia e Georgia che non stanno certo molto meglio? Tra i Paesi che ho citato all’inizio il più virtuoso è l’Albania, che è parecchio cresciuta ma per nulla vicina a soddisfare i parametri fissati a Bruxelles e a Francoforte. Non sarebbe meglio rabberciare l’esistente invece di allargare?

Mi pare ovvio che una risposta sensata alla domanda non c’è. Si possono tutt’al più menzionare ragioni geopolitiche che non sono difficili da individuare. La UE non ha la forza militare per sostenerle, e deve per forza appoggiarsi agli Stati Uniti. Ma è pure evidente che ai cittadini dei Paesi più colpiti dalla crisi delle ragioni geopolitiche importa poco.
Questi ragionamenti, in fondo così semplici, prestano il fianco alle solite accuse di cinismo, di “mancanza di visione storica”. Tuttavia sono convinto che rispecchino in modo più fedele l’opinione della gente comune (non solo italiana) rispetto a tanti paroloni che oggi si sentono ripetere senza posa.

Featured image, Beppe Grillo