Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Does Castro’s Cuba still exist? An interview with Italian writer Gordiano Lupi

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Trovo che la televisione sia molto educativa. Ogni volta che qualcuno l’accende, vado in un’altra stanza a leggere un libro.
(Groucho Marx)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Essere liberi nella propria mente e nel proprio spirito, senza alcuna sudditanza esteriore, e al contempo coltivare una scrupolosa obbedienza interiore alla verità (o, che è lo stesso, al bene, alla giustizia, alla bellezza, all’amore): questo è il senso di un sito come Rosebud, ed è questo l’obiettivo che promuove la Redazione. (Vito Mancuso aka Rina Brundu)

Rina Brundu

468px-Luis_Korda_02by Rina Brundu. Gordiano Lupi, Italian writer and publisher, has been for several years the Italian translator of the Spanish language blog Generation Y, a blog owned by a Cuban dissident of Castro politics, Yoani Sanchez. Following their recent artistic break up - I have asked Gordiano a few questions about the actual motives that led their friendship to such an unhappy end as well as about the political status quo of modern Cuba.

Q: Speaking quite frankly, the actual definition of political dissident is as follows: “A person who opposes official policy, especially that of an authoritarian state”. Taking into account the extreme freedom of movement which seems to be granted to Mrs Yoani (I’m thinking for example of the recent trip to Italy, diva style), I cannot but wonder: is this so because the Castro dictatorship has actually turned into a velvet one, or because the new digital “opposition” boasted by Mrs Yoani is not actually so?

A: First of all allow me to say that I have never given much publicity to this story. As far as I am concerned I simply wrote an article to distance myself from Yoani’s current positions. My article was published in the same digital magazine where I “discovered” her seven years ago. Subsequently I have written a few notes of clarification which were copied by many journalists and published in several newspapers, each of them outlining the aspects of the story that would better backup their political views.

As far as I am concerned I would like to state once and for all that Yoani could be considered a victim of Castro’s persecution (even if always a sort of velvet-one), only at the time of the carta blanca policy which required Cubans to receive government permission to travel from their country. Nowadays Cuban citizens only need a passport and a visa from a destination country in order to travel abroad. As a consequence the behaviour of this blogger is becoming somewhat bizarre. She travels from Avana to Miami and from Avana to Madrid… She is often seen in pictures together with dissidents and politicians of different sorts, she dines with Andy Garcia and she strongly criticizes publicly the Cuban government. She calls herself a victim of persecution and, yet, thanks be to God, she can return home safe and sound. Has Cuba finally turned into a democratic country? Is Yoani a mere government puppet? Yoani cannot be touched for reasons of which we do not know of? I do not have an answer to these questions I only know that other dissidents cannot say about their governments the same things Yoani says about the Cuban government and enjoy the same freedom of movement…

Q: Why did you decide to translate Yoani’s blog into Italian in the first place? Were you hoping to bath in reflected artistic and civil rights’ glory?

A: Certainly not! I chose to translate her blog because I thought I had come across a real champion of freedom for Cuba, some sort of people’s digital heroin capable of fighting for justice in her own country and ready to do so for idealistic reasons only. In other words I wanted to believe in this modern David and Goliath fairytale where a young unknown blogger could actually launch her challenge to a brutal dictatorship. Was I naive? Possibly, but I am proud of that.

800px-CheLaCoubreMarch

Q: Which has being the greatest contribution made by Yoani and her online activities to the freedom-to-Cuba battle?

A: There’s no doubt that Yoani hit where it hurt and still hurts… During the first five years of her activity she wrote many interesting things in her blog. She exposed the lack of minimal freedom and human rights in Cuba. On the contrary, it is one year now that she does not manage to produce anything valid and I wrote about it in multiple occasions…

Q: What does it mean to be an opponent of Castroist politics nowadays? Does it still make sense to speak of dissidence and to be against Castroism?

A: It never makes sense to be against something: we need to build something that is new, we do not need to cancel the past. We need to build on the many good things we have done, and we need to secure as many of them as possible. I used to like Yoani when she would write: “I am not against Castro. I am not a dissident. I am only a citizen who speaks up”. In time, something has changed. She began meeting political dissidents and she started calling herself a dissident. As far as I am concerned it is this change that marked the beginning of the end of old Yoani…

Q: How do you intend to continue your civil commitment for Cuba from today onwards? To which of the many hidden Cuban “voices” would you like to give more visibility?

A: I never stopped giving visibility to the hidden voices of Cuba particularly within the many books about that country that I wrote from 1998 to date. I have also translated many Cuban writers…. I’ve left Yoany but I am not ditching Cuba. On the contrary, thanks to this painful decision I can now embrace my real Cuba once again, which is the same Cuba of Alejandro Torreguitart, Guillermo Cabrera Infante, William Navarrete, Felix Luis Viera, Wendy Guerra, Heberto Padilla, Virgilio Piñera… and many others. All of them authors whose works deserve to be translated and appreciated by Italian readers.

Source http://www.rinabrunducritique.com

Featured image, Castro (right) with fellow revolutionary Camilo Cienfuegos entering Havana on January 8, 1959.

Second image, Castro (far left), Che Guevara (center), and other leading revolutionaries, marching through the streets in protest at the La Coubre explosion, 5 March 1960.

—————————————– Intervista originale ——————————————–

Esiste ancora la Cuba di Castro? Chi sono i veri dissidenti di oggi? Intervista a Gordiano Lupi dopo la fine della sua collaborazione con Yoani Sanchez la blogger diGeneration Y.

di Rina Brundu. Gordiano Lupi, scrittore ed editore, è stato per anni il traduttore italiano del blog in lingua spagnola, Generation Y, curato dalla dissidente cubana Yoani Sanchez. È di questi giorni la notizia che il loro sodalizio professionale di lunga data si è interrotto per motivazioni di natura prettamente personale, come indicato dallo stesso Lupi nelle comunicazioni inviate ai diversi organi di stampa. Avendo sovente pubblicato gli articoli di Gordiano a proposito delle attività di Yoani, ho profittato dell’occasione per fargli alcune domande, capirne un pò di più sull’accaduto e avere un “aggiornamento” sullo status-quo politico della Cuba di questi tempi.

D: Perdona la franchezza, ma un qualsiasi vocabolario italiano alla voce dissidente recita: “chi non si uniforma alle idee e alla prassi di una maggioranza, manifestando il proprio dissenso”. Ora, tenendo conto dell’estrema libertà di movimento di cui mi pare abbia sempre goduto la signora Yoani (vedi per esempio il recente viaggio in Italia stile diva), del fatto stesso che la blogger possa continuare la sua attività scritturale senza troppi problemi apparenti, ti chiedo: è così perché i Castro al governo si sono rincoglioniti o perché la pedina digitale Yoani non è mai stata una vera minaccia?

R: Prima di tutto permettimi di precisare che non ho inviato nessuna comunicazione agli organi di stampa. Non sono così famoso da fare comunicati stampa. Ho scritto un articolo per dissociarmi da Yoani, tramite il periodico dove curo un Oblò cubano da quasi dieci anni: www.tellusfolio.it. E’ lo stesso periodico sul quale l’ho lanciata e proposta in Italia più di sette anni fa. Poi ho scritto altri articoli di precisazione – chiarimento. I nostri “grandi” giornalisti hanno copiato alcuni miei pezzi (Il Manifesto è stato il più sfacciato) per dare la notizia, e ognuno l’ha data secondo la propria preferenza politica. Alla faccia dell’obiettività!

Per il resto mi fai una domanda alla quale vorrei anch’io dare una risposta chiara e definitiva. Yoani poteva dirsi una “perseguitata” (ma sempre in guanti gialli) prima che venisse approvata la legge che ha abolito l’obbligo di visto governativo per uscire da Cuba (c.d. carta blanca), consentendo a chiunque possieda un passaporto di varcare la frontiera e di rientrare. Adesso, la blogger sta sfiorando il ridicolo. Fa la spola Avana – Miami, Avana – Madrid e non solo… frequenta chi crede, si fa fotografare accanto a dissidenti e uomini politici di varia statura, va a cena con Andy Garcia, dice in pubblico peste e corna sul conto del governo cubano. Risultato: torna a casa e nessuno le torce un capello. In compenso lei di definisce perseguitata. Cuba è democratica? Yoani è una pedina del governo? Yoani è intoccabile per motivi ignoti ai comuni mortali? Provi a fare la stessa vita e a dire le stesse cose che dice Yoani un dissidente birmano, cinese, russo…

D: Cos’è che X anni fa ti ha portato ad accettare l’offerta di Yoani di tradurre il suo blog in italiano? Speravi forse di vivere di luce riflessa da un punto di vista di impegno civile e di commitment artistico?

R: No, davvero. Sono io che ho cominciato a tradurre Yoani volontariamente su www.tellusfolio.it, perché credevo di aver incontrato una paladina per la libertà a Cuba, una sorta di eroina per la causa della giustizia, mossa soltanto da alti motivi ideali. In una parola credevo alla favola di Davide contro Golia, credevo alla piccola blogger sorta dal niente che lancia la sfida alla dittatura. Ero un ingenuo? Certo. E me ne vanto.

D: Qual è stato il più grande contributo che Yoani e le sue attività online hanno dato alla “causa” cubana? Dove e come si sarebbe potuto fare di più?

R: Yoani ha senz’altro messo il dito sulla piaga di tante cose che non vanno. Durante i primi cinque anni di attività del suo blog ha scritto cose interessanti, anche da un punto di vista letterario. Ha denunciato la mancanza di diritti umani e di libertà di base a Cuba. Da un anno a questa parte, invece, non riesce più a volare. E questa cosa l’ho scritta spesso…

D: Cos’é l’anticastrismo oggi? Ha ancora senso parlare di anticastrismo?

R: Non ha mai senso parlare di anti qualcosa. Bisogna costruire qualcosa di nuovo, non distruggere il passato. Ripartire da quanto si è realizzato, salvando il salvabile. A me Yoani piaceva quando scriveva: “Non sono anticastrista. Non sono una dissidente. Sono soltanto una cittadina che parla”. Poi qualcosa è cambiato. Yoani ha cominciato a frequentare dissidenti politici, si è definita sempre più spesso dissidente. Ecco, in quel momento è iniziata la discesa della blogger verso gli inferi. Almeno per me.

D: Come continuerai il tuo impegno per Cuba da oggi in poi e quali sono le “voci” nascoste cubane a cui ti piacerebbe dare “voce”?

R: Dico solo di dare un’occhiata al mio curriculum cubano e a tutti i libri che ho scritto su Cuba dal 1998 a oggi. Non solo. Guardate tutti gli scrittori cubani che ho tradotto… Abbandono Yoani ma non lascio l’impegno nei confronti di Cuba. Diciamo che grazie a questa sofferta decisione mi riapproprio della mia Cuba. E a fine maggio – durante la Fiera del Libro di Imperia – presento Caino contro Fidel, un libro di Alejandro Torreguitart Ruiz che racconta la vita romanzata di Guillermo Cabrera Infante. Ecco, loro due sono veri scrittori cubani da far conoscere, ma non sono i soli. William Navarrete, Felix Luis Viera, Wendy Guerra, Heberto Padilla, Virgilio Piñera… sono soltanto alcuni degli autori che ho tradotto e che meritano di essere apprezzati dal pubblico italiano.

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

Attività editoriali per scrittori e autori

1 Trackback / Pingback

  1. Does Castro’s Cuba still exist? Who are the real Cuban dissidents of today? An interview with writer Gordiano Lupi following the unhappy end of his artistic cooperation with Cuban blogger Yoani Sanchez | Rina Brundu - Critique

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: