PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10. Breaking News

L’Eurovision Song Contest (versione propaganda elettorale) umilia Sanremo. E dopo l’immenso Father Ted…. go Conchita go!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

conchdi Rina Brundu. Che non lo avevo mai visto anche se qui in Irlanda è una vita che ti fanno le balle così con l’Eurovision Song Contest e Arthur Mathews e Graham Linehan gli hanno pure dedicato un episodio che è una gemma assoluta del loro incommensurabile Father Ted (1995-1998), Che dopo essermi sorbita la lagna sanremese ritenevo di avere “già dato”con le canzonette televisive e il fatto che la Rai mandasse in onda il programma in prima serata mi puzzava di propaganda elettorale, sebbene in "barba" al suo ispirato motto renzista “per informare non per influenzare”!

Che sapevo che quest’anno c’eravamo pure noi in finale e non avevo alcuna intenzione di testimoniare la nostra ennesima figura di m…. Non ne ho imbroccata una, o quasi. Cioè noi la figura di m…. l’abbiamo fatta puntuale con la bandiera nazionale ridotta a obsoleta insalata di basilico, mozzarella e cetr… pardon, pomodori (mancava soltanto il quadrilatero dell’orrore provinciale pizza, pasta, mandolino, spiro-tanto-sentimento); la nostra rappresentante in versione Britney Spears e un collegamento da Roma mogio-mogio, quel tanto che basta. Che pena!, come ha scritto un fan spagnolo sulla sua bacheca twitter; “the fall of the Roman Empire before your very eyes” ha tweettato invece uno spettatore inglese durante l’incomprensibile esibizione della solitamente capace Emma…

Poi l’ho vista (la finale, intendo) e, debbo ammetterlo, l’Eurovision Song Contest è uno spettacolo degno di questo nome, moderno (su Twitter è stato un vero e proprio evento globale), frizzante, brioso, senza pretese, lontano miliardi di anni nuce dalla macchietta formale e formalizzante del festival sanremese: ci si diverte dall’inizio alla fine e lo spirito degaulliano di “Giochi senza frontiere” è pure tutto presente sebbene applicato al campo musicale. Quel palcoscenico è terra di estrema libertà artistica, mentre le nostre figurette di cacca in fondo in fondo si perdono come una scoreggia al vento davanti alle forti dinamiche nazionalistiche che pure impregnano la manifestazione. Lo sa bene la conduttrice francese che – unica tra i colleghi delle altre nazioni – al momento di comunicare i voti della giuria transalpina ha fatto punto di parlare solo nella lingua madre: la grandeur de la France prima di tutto e il messaggio doveva passare chiaro; considerati i due voti che i suoi connazionali hanno ottenuto alla fine dello spettacolo, conquistandosi fin da subito l’ultimo posto in classifica, il messaggio deve essere comunque arrivato “loud and clear”. Qualcosa ci sarebbe da dire anche sulla catena di “solidarietà” musicale che gli ex paesi dell’impero sovietico hanno costruito intorno a Santa Madre Russia regalandole voti come fossero noccioline: fortuna che a riportare la palla al centro ci ha pensato il pubblico danese che ha fischiato la squadra di Putin dall’inizio alla fine senza ossequi di sorta.

E fortuna che c’era Conchita Wurtz (al secolo Tom Neuwirth), la drag-queen austriaca che è stata la vera stella della serata: regina senza se e senza ma… Una presenza rabelaisiana, delicata e sublime che ha saputo incantare un continente intero in una notte di luci to-remember…. Nelle ispirate parole di De Gaulle (o forse era Linus): go Conchita go!!

twit1twit2 twit3

Image10

Featured image Conchita Wurtz, vincitrice dell’Eurovision Song Contest. Altre immagini: alcuni tweet sull’esibizione di Emma e un artwork sul “the world right now”, ovvero durante l’Eurofestival, così come visto da un fan….

3 Comments on L’Eurovision Song Contest (versione propaganda elettorale) umilia Sanremo. E dopo l’immenso Father Ted…. go Conchita go!

  1. Non mi piace chi ha vinto per come si veste, ma la voce e bella.

  2. Ciao Giovanna, così l’avete seguito anche in Australia? No, debbo dire che ho un debole per Conchita: straordinaria! Ha regalato alla manifestazione profumo di serate medievali magicamente proiettate nel futuro più avveniristico. Ma soprattutto mi ha colpito la totale assenza, nella manifestazione, della retorica televisiva a cui il pubblico italiano è abituato e il fatto che siano riusciti a mettere d’accordo 37 nazioni in circa tre ore: da noi no sarebbero bastati tre anni di programma e ci sarebbe voluto pure il Dopo Eurovision Song Contest condotto dalla Venier e da Cristiano Malgioglio (mitico a suo modo)….

    Well, let’s move-on e convinciamoci che la “mossa” RAI non fosse una mera attività di propaganda elettorale…

  3. bravissima (e bellissima) conchita. e bell’articolo! un saluto!

Comments are closed.